Il paese
Nonostante sia un Paese vasto quasi come un continente, in Cina c'è un solo fuso orario, quello di Pechino Beijing (+7 ore rispetto all’Italia)
 
Personaggi
Laozi (老子) è considerato il fondatore del Taoismo, e l'autore del Daodejing (testo sacro taoista)
 
Cucina
La Cina è indiscutibilmente la patria dello street food: a ogni angolo della strada sbucano bancarelle che offrono leccornie di ogni tipo tra cui gli immancabili chuanr, gli spiedini di carne della tradizione iugura
 
Lo sapevi che...
Il numero 8 è considerato fortunato, perché la sua pronuncia è simile a quella del verbo "diventare ricco". Per questo la cerimonia inaugurale dei Giochi Olimpici ha avuto inizio alle 08.08 (di sera) del 08.08.08

Cina

Culla di uno dei più grandi imperi della storia, civiltà posta tra due dei più lunghi fiumi al mondo (il fiume Azzurro e il fiume Giallo), la Cina è diventata, col passare degli anni, uno degli Stati più influenti del panorama globale.

Lingua

Cinese

 

Popolazione

1.340 milioni

 

Fuso orario

+7 o +6 ore

 
L’ex Impero Celeste, isolato fino a pochi anni fa dal “mondo occidentale”, ha iniziato ad aprirsi al resto del pianeta, diventando un punto chiave nello sviluppo di questo secolo: una crescita economica e tecnologica senza precedenti, ottenuta senza perdere i costumi e le tradizioni della millenaria storia cinese, che ancora oggi lasciano un senso di mistico e ignoto nella nostra mente europea. Nel Paese dove si mangia tutto quello che ha quattro gambe a parte il tavolo e tutto quello che ha le ali a parte l’aereo, ci si addentra tra un miliardo e mezzo di diversità e stravaganze, tante quante le persone che abitano questo sterminato e affascinante Paese.I PROGRAMMIIntercultura offre in Cina due tipi di programmi annuali e un programma estivo di tipo linguistico che prevede un corso di lingua cinese della durata di quattro settimane.
Programma Nati dal Al Partenza Ritorno
Annuale 01/01/2001 30/04/2003 a metà agosto 2018 a giugno 2019
Estivo (corso di cinese) 01/08/2000 31/07/2003 a metà luglio 2018 a metà agosto 2018
Programmi estivi
Per questo Paese è disponibile
anche il programma estivo
UN ANNO IN FAMIGLIA O IN RESIDENZA SCOLASTICAIl programma tradizionale prevede la frequenza di una scuola superiore cinese di alto profilo e l’ospitalità in famiglia. Quest’ultima è un punto di riferimento importante per i giovani: da secoli la cultura cinese considera di grande importanza valori come il rispetto per i genitori e il mantenimento delle tradizioni, per cui agli studenti stranieri capita spesso di essere coinvolti nelle celebrazioni familiari e di partecipare alle festività nazionali insieme alla famiglia ospitante. I ragazzi quasi sempre condividono la stanza con il fratello o la sorella ospitante che, essendo spesso figli unici, sono molto curiosi per la novità. In genere le famiglie si trovano in aree urbane di piccole o medie dimensioni (per gli standard cinesi: potrebbe trattarsi anche di città di sette o otto milioni di abitanti!). Molto comune è anche la presenza dei nonni in casa. Per tutti gli studenti stranieri, le scuole organizzano un corso intensivo di cinese per i primi due mesi.

L’altro programma prevede il soggiorno presso la scuola frequentata (formula boarding school). Si tratta di un’esperienza particolarmente impegnativa, adatta a studenti ambiziosi e motivati sia dal punto di vista scolastico sia nel perseguire degli ottimi risultati nell’apprendimento del cinese. In questo caso i partecipanti soggiornano dal lunedì al venerdì in stanze da quattro studenti (è probabile che più ragazzi italiani, iscritti alla stessa boarding school, pernottino nella stessa stanza). Il primo mese si trascorre interamente a scuola mentre dal secondo mese, durante il fine settimana e i periodi di vacanza, gli studenti avranno una famiglia ospitante cinese che li accoglierà, permettendo loro di conoscere anche questo affascinante aspetto della cultura locale. La comunicazione della famiglia di accoglienza potrà avvenire prima della partenza dello studente o successivamente, durante il primo mese di permanenza a scuola.

Nei primi mesi dei due programmi annuali si tengono principalmente lezioni di cinese e di studi sulla cultura cinese (molti studenti stranieri mirano a raggiungere il quarto/quinto livello di conoscenza della lingua, sui sei previsti dalla certificazione HSK; l’esame è comunque opzionale e gli studenti si dovranno iscrivere autonomamente). Durante i pomeriggi, o in alcuni casi nei mesi successivi, gli studenti vengono inseriti nelle normali classi con i ragazzi locali per seguire materie come matematica, fisica, storia, inglese, cinese.

Per entrambe le opzioni, si richiede un buon inglese e si consiglia di iniziare a studiare il cinese prima della partenza. I programmi iniziano con un incontro di un paio di giorni curato dallo staff di AFS Cina e dai volontari locali (di solito insegnanti) per avvicinare i ragazzi alla cultura e allo stile di vita. Dopo circa un mese, viene organizzata una riunione a livello locale per un confronto sulle prime impressioni e per valutare eventuali problemi riscontrati in famiglia o a scuola. Altri incontri sono previsti a metà programma e subito prima del rientro a casa in Italia. Un aspetto molto apprezzato dagli studenti è l’incontro di formazione specifica organizzato da Intercultura, da ritenersi fondamentale prima della partenza per la Cina: un fine settimana, solitamente a giugno, per prepararsi in modo dettagliato alla cultura e all’esperienza cinese.LA SCUOLAPer uno studente cinese, la scuola viene prima di ogni altra attività. Il concetto di scuola, però, è molto più ampio di quello che si potrebbe riassumere con la parola “studio”. Le scuole cinesi, infatti, propongono attività extra-scolastiche (danza, musica, arti marziali, sport) e sono spesso organizzate come veri e propri campus dove sono presenti campi d’atletica e da basket, laboratori, aule di informatica, biblioteche e dormitori in cui gli alunni che abitano lontano dalla scuola vivono durante la settimana. Il sistema scolastico è molto impegnativo, per questo gli studenti AFS devono essere molto motivati nell’apprendimento della lingua e nell’inserimento in classi particolarmente numerose (fino a 50 studenti). Data la singolarità del cinese, è importante che i ragazzi inizino a studiarlo almeno sei mesi prima della partenza. Il piano di studi potrebbe prevedere tra le materie obbligatorie cinese, matematica, inglese, geografia, storia, musica, arte, informatica, economia, filosofia ed educazione fisica. La divisa scolastica è obbligatoria e il costo è a carico dello studente. Inoltre, a scuola non è permesso avere piercing, tatuaggi o capelli colorati.
CIBO E TEMPO LIBEROLa dieta cinese varia a seconda delle regioni e si basa sul consumo di verdure, riso, pasta, soia, pesce e soprattutto carne, pertanto è molto difficile trovare famiglie disposte ad ospitare studenti vegetariani, e non è possibile ospitare studenti celiaci. Gli sport più amati sono il ping-pong, le arti marziali, il calcio, il basket, la pallavolo e la danza. Nel tempo libero i ragazzi frequentano i coetanei, vanno al cinema, praticano sport, guardano insieme la tv, ecc. Non è possibile trovare famiglie disposte ad ospitare fumatori. Durante il programma annuale i Centri locali potrebbero organizzare gite e attività facoltative, il cui costo sarà a carico dello studente.
Il paese

Clima

Essendo un paese di eccezionale estensione (è il quarto al mondo per dimensione geografica), il clima della Cina varia moltissimo da zona a zona. Si passa da un clima continentale nelle zone centro-settentrionali (molto freddo in inverno - torrido d’estate), a climi più miti in prossimità delle coste e a climi subtropicali nella parte più meridionale del paese. Al sud, l’estate risulta calda e umida e si protrae da aprile a settembre in corrispondenza della stagione delle piogge. Periodi di siccità si alternano a periodiche piogge torrenziali e a forti venti, i Monsoni infatti incidono fortemente sul clima del paese.

Religione

In Cina il culto religioso assume l’aspetto di dettami filosofici; i culti più praticati sono il Buddismo, il Taoismo ed il Confucianesimo. Tuttavia, in Cina si attesta la presenza di altre religioni non propriamente “orientali” quali quella musulmana, protestante e cattolica (quest’ultima è del tutto indipendente dalla Chiesa di Roma).Il governo cinese si dichiara formalmente "laico" e in quanto tale non riconosce alcuna religione "di Stato" e la Costituzione cinese stabilisce la libertà di credo religioso, bandendo e proibendo qualsiasi forma di intolleranza e coercizione.

Lingua

La lingua ufficiale è il cinese mandarino, ma in Cina sono presenti numerosissimi dialetti, uno tra i più conosciuti è, ad esempio, il cantonese. Il cinese standard è anche dotato di un sistema di romanizzazione ufficiale chiamato hànyǔ pīnyīn, che permette di trascrivere la pronuncia standard dei caratteri cinesi servendosi dell'alfabeto latino. Il mandarino prevede in tutto 415 sillabe che possono essere pronunciate applicando quattro toni diversi. Oltre al cinese standard e alle varianti regionali e dialetti locali vi sono altre lingue, diffuse specialmente nelle regioni più esterne, alcune delle quali sono riconosciute dallo Stato come seconde lingue minoritarie ufficiali, in particolare nelle regioni amministrative speciali: il mongolo nella Mongolia interna, il tibetano in Tibet, l'uiguro nello Sinkiang; e poi il coreano e il kazaco.
  • Prossimo paese

    Egitto

    Si dice che l’Egitto sia la culla della storia dell’umanità e che tutti i popoli siano bambini di fronte ad esso.

  • Prossimo paese

    USA

    Un Paese che tutti pensano di conoscere dai film, ma che in realtà non si finisce mai di scoprire. Il suo immenso territorio offre i più svariati paesaggi, dalle pianure alle montagne, ai deserti, alle coste fino alle foreste.

  • Prossimo paese

    Messico

    170.000 chilometri quadrati di “Aree Naturali Protette” in un Paese chiamato “ombelico della Luna”, che in trentamila anni ha visto convivere e alternarsi numerose civiltà millenarie, dagli Olmechi ai Maya agli Aztechi.

  • Prossimo paese

    Uruguay

    Tra Argentina e Brasile, scoperto, secondo le cronache spagnole, nel 1516, quando Juan Dìaz de Solìs risalì il Rio de la Plata, l’Uruguay è il Paese dell’America Latina con il più alto livello di alfabetizzazione e con una delle maggiori mescolanze di etnie di tutto il Sud America.

Welcome to Intercultura (AFS Italy) website! Where do you want to go?
- If you want to know more about Intercultura, click here
- If you want to know more about studying in Italy with Intercultura, click here
- Sprechen Sie Deutsch? Hier Klicken
- If you want to visit the full website (Italian only), click here