A lezione di “formazione per il lavoro”

Stefania

Da Verona in Messico per un anno

Oramai è già passato un mese da quando ho iniziato a frequentare la mia scuola qui, in Messico, in una cittadina chiamata Coatepec.Il primo giorno di scuola credevo sarebbe stato imbarazzante e almeno un migliaio di volte mi ero immaginata quel momento. Invece, tutto è stato molto naturale, quasi fossi sempre appartenuta a quel luogo. I compagni mi hanno accolto calorosamente, chiedendomi tantissime cose sulla mia cultura e sulla lingua italiana e offrendosi di spiegarmi le più disparate tradizioni del luogo, cosa che mi è stata facile da comprendere perché già prima di partire conoscevo lo spagnolo. Inoltre, poco dopo l'inizio della prima ora è arrivato in classe un altro ragazzo italiano, conosciuto nel campo pre-partenza a Roma, cosa che mi ha rassicurato e rallegrato.
Le differenze con il sistema scolastico italiano sono molte, ad esempio i compiti valgono molto e coprono quasi la metà della valutazione finale. Inoltre, nel quinto (ovvero penultimo) semestre si sceglie un'area di interesse in tre materie la classe si divide a seconda dell’area scelta.
I compagni mi hanno accolto calorosamente, chiedendomi tantissime cose sulla mia cultura e sulla lingua italiana e offrendosi di spiegarmi le più disparate tradizioni del luogo

Le materie che studio qui sono completamente differenti da quelle italiane. Per esempio, ho iniziato a imparare il greco e il latino, cosa che in Italia non ho mai fatto. Inoltre, nella materia chiamata "formazione per il lavoro", che potrebbe corrispondere alla materia italiana di arte, facciamo molti progetti e attività creative, come la realizzazione di un tappeto di segatura colorata fatto in occasione della festa del patrono della città.
Anche la struttura del'istituto è diversa. Per esempio, nel mio colegio (di formazione cattolica) ci sono la primaria, la secondaria e le superiori. Inoltre, in classe non ci sono banchi e sedie come in Italia, ma semplici sedie con una tavoletta sul bracciolo.
I professori si fanno chiamare per nome e con loro il rapporto è più informale che in Italia, però non manca mai il rispetto. Anche tra compagni solitamente c’è complicità, forse per il carattere allegro e molto socievole dei messicani. Grazie a loro non ho sentito la difficoltà nell'integrarmi in questo nuovo contesto e mi fanno sempre sentire parte della classe, come se fossi una di loro.
Grazie ai miei compagni non ho sentito la difficoltà nell'integrarmi e mi fanno sempre sentire parte della classe, come se fossi una di loro.

Stefania

Da Verona in Messico per un anno

  • Prossima Storia

    Un Paese che ha tanto da offrire

    La Bosnia non è un paese facile da vivere ma, qualsiasi cosa accada, vale la pena viverla fino in fondo. Nonostante la sua vicinanza con l’Italia, i due paesi hanno molte differenze - differenze che riguardano la scuola, la religione,...

    Fausta

    Da Napoli in Bosnia per un anno

  • Prossima Storia

    Una parata a Kanchanaburi

    La foto con l'arco che vedete qui sotto è stata scattata nello stadio all'aperto della mia scuola durante la parte conclusiva della parata che è stata tenuta durante la Settimana dello Sport di settembre.La parata è stato...

    Danilo

    Da Civitavecchia in Thailandia per un anno

  • Prossima Storia

    La mia Polonia: tutta una scoperta

    Sono trascorse due settimane dall'inizio della mia esperienza. Sono l'unica studentessa italiana che trascorrerà quest'anno in Polonia, e in parte so che è un onore, in parte lo sento come una sfida. Come una doppia sfida rispetto...

    Martina

    Da Napoli in Polonia per un anno

  • Prossima Storia

    Un'avventura che mi ha cambiato la vita

    Ci sono ricordi che, non importa per quanto tempo non ti tornino in mente, resteranno sempre forti come il primo giorno. Quando ero piccola viaggiavo spesso con i miei genitori. A volte prendevamo la macchina e girovagavamo per l’Europa,...

    Elisa

    Da Treviglio in Australia per due mesi

Welcome to Intercultura (AFS Italy) website! Where do you want to go?
- If you want to know more about Intercultura, click here
- If you want to know more about studying in Italy with Intercultura, click here
- Sprechen Sie Deutsch? Hier Klicken
- If you want to visit the full website (Italian only), click here