Considerazioni di un’italiana in Svezia

Giulia

Da Chieti in Svezia per un anno

Il Paese del logom, del "perfetto" soggettivo e personale. Della "fika" (pausa caffè) che è un vero e proprio rituale. Dei kräftor mangiati in quantità industriali neanche fossero patatine.

Il Paese delle metropolitane sempre in anticipo di due minuti, cosa inconcepibile ed insostenibile per un italiano. Del mentore a scuola sempre presente e dei professori che "quando lo volete il break?".
Il Paese dove dopo le elezioni tutti sanno perfettamente le percentuali di ogni singolo partito e nonostante siano al governo il partito di sinistra ed il "Green Party" sono tutti disperati perché il partito di destra ha aumentato i suoi voti del 5%.
Il Paese dove prima di comprare ti accerti che le uova siano ecologiche per il "Friendly Environment".
Il Paese del "terrengånde", chi sa adattarsi a qualsiasi tipo di situazione.
Il Paese dell'Allmansrätten, dove tutti sono al "posto giusto" sempre e dovunque.
Il Paese dove appena si ha un momento libero che sia durante la settimana o nei weekend si va a funghi, preferibilmente "Kantareller".
Il Paese dei cartelli stradali rigorosamente blu e gialli, delle finestre sempre senza tende e dei cuscini minuscoli su letti ad una piazza e mezza.
Il Paese dove se a cena manca qualcosa che può essere anche associata anche minimamente ad una sottospecie di "salsa" sentirai qualcuno dire: "Ma come, mangiamo senza salsa? Senza insalata?", che in realtà tutto è tranne che insalata.
Il Paese della mensa a scuola e dei compagni di classe tutti gentili ma che dopo le lezioni ognuno è: "Allora ci vediamo domani" o "Buon fine settimana".

Il Paese del "pecorinorisotto" su Linas Matkasse e di tutti gli altri nomi improponibili ed impronunciabili spacciati per italiani su questi libricini di ricette.
Il Paese delle caramelle in ogni dove, di supermercati degni di essere definiti tali solo se dotati di scaffali chilometrici di dolciumi e cioccolate di ogni gusto, tipo e colore.
Il Paese dove le orecchiette sono spacciate per "gnocchi", dove hanno il giorno nazionale per le "Kanelbullar" e dove il martedì è la giornata dell'ärtsoppa, che poi però abbiamo mangiato un sabato sera.
Il Paese dove tutti fanno il compleanno a settembre, dove tutti sono di corsa, dove lo stato d'animo cambia in maniera esponenziale a seconda del tempo.
Il Paese dove se usi l'ombrello quando piove non sei veramente svedese e la giacca invernale la tiri fuori solo se fa la neve (letteralmente). Dove la sauna ed il bagno nell'acqua gelata del mare o del lago sono d'obbligo.
Il Paese dove ho scelto di trascorrere il mio anno all'estero.

Giulia

Da Chieti in Svezia per un anno

  • Prossima Storia

    L’esperienza che mi ha cambiato la vita

    Intercultura è una sfida, un percorso educativo, un'esperienza che contribuisce alla crescita. E soprattutto è una storia che dura tutta la vita. Ma quali sono i benefici sul breve, medio, lungo termine sul percorso accademico,...

    Intercultura

    in occasione della presentazione dell'Osservatorio nazionale sull'internazionalizzazione delle scuole e la mobilità studentesca

  • Prossima Storia

    Lo sapete cos'è il carnevale vegano?

    Lo sapete cos’è il carnevale vegano?In molti prima di partire mi dicevano "Davvero vuoi andare in Repubblica Dominicana? Lì non imparerai nulla, è un Paese del terzo mondo" oppure "Passerai un anno al mare e in spiaggia...

    Desireè

    Da Vicenza in Repubblica Dominicana per un anno

  • Prossima Storia

    Il mio splendido anno in Lettonia

    Ciao a tutti! Mi chiamo Aurora, in questa foto ero ad un'escursione con AFS Lettonia in una delle tre regioni di questo Paese, dove abbiamo visitato uno zoo. Lo so che sembra strano, ma sì, in Lettonia vivono i lama e i cammelli anche...

    Aurora

    Da Carbonia-Iglesias in Lettonia per un anno

  • Prossima Storia

    "Mutig": un passo coraggioso

    Seduta sul letto non riusciva a dormire. La testa, appoggiata alle ginocchia raccolte al petto, sembrava infinitamente pesante. La luna brillava solitaria nel cielo scuro fuori dalla finestra aperta, illuminava le valige pronte, o quasi, ai...

    Chiara

    Da Varese in Austria per un anno

Welcome to Intercultura (AFS Italy) website! Where do you want to go?
- If you want to know more about Intercultura, click here
- If you want to know more about studying in Italy with Intercultura, click here
- Sprechen Sie Deutsch? Hier Klicken
- If you want to visit the full website (Italian only), click here