Consigli per trascorrere una grande esperienza all'estero

Camilla

Da Treviglio negli USA per un anno

Lasciare il nostro piccolo mondo per passare un anno all'estero è prendere la decisione di iniziare un viaggio che durerà tutta la vita; partire senza mai tornare.Ci sono tanti buoni motivi per farlo: conoscere una nuova cultura, incontrare persone nuove, staccarsi da una realtà limitante, scoprire nuovi orizzonti e tanto altro. "Non parto per scoprire il mondo. Parto per scoprire me" diceva uno dei tanti poster di Intercultura che ho visto e rivisto lungo il mio percorso, una frase che non sono mai riuscita a togliermi dalla testa. Ora più che mai mi rendo conto di quanto sia vera. Per me questo è forse il motivo più importante per partire: conoscere se stessi, i propri punti forti e deboli, i limiti che possono essere colmati dalle capacità di qualcun altro, rendersi conto che con una marcia in più il mondo è più luminoso e pieno di bellezze. Imparando a capirsi si riesce così a comprendere meglio anche gli altri e a creare amicizie così forti che dureranno per sempre.
"Non parto per scoprire il mondo. Parto per scoprire me"

  • Camilla e i suoi amici a sciare

Gli Stati Uniti di Camilla

Un anno all’estero non è una bella vacanza, specialmente a questa età; è un esperienza che ti prepara alla vita, apre gli occhi e allarga gli orizzonti. Non è mai tutto rose e fiori, ma sono proprio ostacoli e difficoltà che rendono tutto più significativo. Le difficoltà ti rinforzano e ti insegnano a non abbatterti. Guardando indietro alla tua esperienza ti accorgi quanto siano state importanti. Non abbiate timore di rischiare. Se dentro di voi sentite una vocina, per quanto flebile possa essere, che vi spinge a partire, fatelo, seguite i vostri sogni, tuffatevi in questa avventura senza ritorno e non abbiate paura di farlo. Ne vale la pena e vi prometto che non passerà giorno in cui non sarete felici della vostra scelta.
Sono proprio ostacoli e difficoltà che rendono tutto più significativo. Le difficoltà ti rinforzano e ti insegnano a non abbattertiInfine ricordatevi sempre di essere umili, di ascoltare, sforzatevi di capire, comprendere il vero senso delle cose. Penso che la cosa più importante che questa esperienza mi abbia insegnato è che nulla è meglio o peggio, è semplicemente diverso e non è paragonabile perché è unico.

Good luck.

Camilla

Da Treviglio negli USA per un anno

  • Prossima Storia

    Il mio primo giorno di scuola giapponese

    Eccomi qui, ancora mezza destabilizzata dopo la giornata di oggi ma con tante cose da raccontare. Si, oggi è stato un giorno importante, quel giorno che le mamme di tutto il mondo immortalano con le classiche duecentoventidue fotografie...

    Cecilia

    Da Como in Giappone per un anno

  • Prossima Storia

    Una tipica giornata nella mia scuola argentina

    Una delle prime preoccupazioni che uno studente si trova ad affrontare è iniziare la scuola nel nuovo Paese. Le domande sono veramente tante: come saranno i compagni di classe? I professori? Sarà difficile studiare nuove materie?...

    Penelope

    da Civitavecchia in Argentina per sei mesi

  • Prossima Storia

    Dalla Cina al mondo

    Già sette mesi sono passati dal mio arrivo in Cina, sembra ieri di essere arrivata qui. Sono in college dal lunedì al venerdì e il weekend lo spendo con la mia famiglia ospitante cinese. La mia famiglia cinese è...

    Giorgia

    Da Bergamo in Cina per un anno

  • Prossima Storia

    Un'esperienza per tutta la vita

    Mi chiamo Francesca, sono di Ferrara, una piccola cittadina dell’Emilia Romagna, ho quasi 50 anni, ho trascorso un anno negli USA a Chicago nel 1984 e desidero portare una testimonianza di come un’esperienza all’estero vada...

    Francesca Barbuto

    Con Intercultura nel 1984/85

Welcome to Intercultura (AFS Italy) website! Where do you want to go?
- If you want to know more about Intercultura, click here
- If you want to know more about studying in Italy with Intercultura, click here
- Sprechen Sie Deutsch? Hier Klicken
- If you want to visit the full website (Italian only), click here