Cosa succede dall'altra parte del mondo

Silvia

Da Bari in Nuova Zelanda per due mesi

Ogni volta che ripenso alla Nuova Zelanda mi brillano gli occhi. Innamorarsi di questa terra è stato inevitabile. E non parlo solo della natura e dei paesaggi mozzafiato, ma della gente, della cultura e ovviamente di tutte le meravigliose esperienze vissute.Non saprei scegliere un momento più rappresentativo di questa esperienza: potrei forse scrivere del Prom (era tutto come nei film!!), o forse della partita degli All Blacks, che mi ha fatto appassionare ad uno sport meraviglioso come il rugby.
Uno dei ricordi più emozionanti è sicuramente quello vissuto insieme a Brenna, la mia amica "kiwi". Avevamo appena trascorso un bellissimo pomeriggio insieme e stavamo aspettando il mio papà ospitante sedute su una panchina. Ho alzato lo sguardo e... non credevo ai miei occhi: era tutto buio fatta eccezione per un nastro argentato di stelle che percorreva il cielo. "E' la Via Lattea", mi ha poi spiegato Brenna. In quel momento mi sono davvero sentita dall'altra parte del mondo, ma ho anche capito che non c'era altro posto in cui avrei desiderato essere.
In quel momento mi sono davvero sentita dall'altra parte del mondo, ma ho anche capito che non c'era altro posto in cui avrei desiderato essere.

Qualcuno magari è spaventato all'idea di passare due mesi in un posto geograficamente agli antipodi dell'Italia, ma posso assicurare che andando così lontano non si impara solo ad amare una nuova cultura, ma soprattutto si rivalutano le proprie radici. Inoltre, è stata proprio questa grande distanza ed il fatto che la Nuova Zelanda sia un Paese relativamente conosciuto a permettermi di vivere quest'esperienza in totale libertà, senza essere condizionata da alcun pregiudizio e soprattutto consapevole di aver accettato una sfida che non tutti i miei coetanei sarebbero stati disposti ad accettare.
E non preoccupatevi se sarà inverno: cosa c'è di più emozionante di sciare in pieno luglio?!

Silvia

Da Bari in Nuova Zelanda per due mesi

  • Prossima Storia

    L’esperienza che mi ha cambiato la vita

    Intercultura è una sfida, un percorso educativo, un'esperienza che contribuisce alla crescita. E soprattutto è una storia che dura tutta la vita. Ma quali sono i benefici sul breve, medio, lungo termine sul percorso accademico,...

    Intercultura

    in occasione della presentazione dell'Osservatorio nazionale sull'internazionalizzazione delle scuole e la mobilitĂ  studentesca

  • Prossima Storia

    Piccoli consigli per imparare la lingua ungherese

    La lingua mi ha spinto a scegliere il programma in Ungheria, perché ho sempre avuto molte amicizie con persone ungheresi e sono sempre stato attratto dal suono della loro lingua. In generale mi piacciono le lingue, apprenderne di nuove...

    Sam

    Da Siena in Ungheria per un anno

  • Prossima Storia

    E poi mi chiesero: "Perchè la Lettonia?"

    Sono Irene Carta, ho 18 anni e vengo da un piccolo paesino della Sardegna chiamato Jerzu. Come tanti altri ragazzi, anche io l'anno scorso ho deciso di mettermi alla prova: spinta dalla curiosità di conoscere realtà diverse. Così...

    Irene

    Da Lanusei-Tortolì in Lettonia per un anno

  • Prossima Storia

    Thailandia: il mio posto è anche qui

    La mia esperienza di studente straniero qui in Tailandia è iniziata ormai da poco più di due mesi: non ci sono parole per descrivere tutte le emozioni provate in un tempo così limitato, vivendo in un Paese così diverso...

    Chiara

    Da Siracusa in Thailandia per un anno

Welcome to Intercultura (AFS Italy) website! Where do you want to go?
- If you want to know more about Intercultura, click here
- If you want to know more about studying in Italy with Intercultura, click here
- Sprechen Sie Deutsch? Hier Klicken
- If you want to visit the full website (Italian only), click here