Dalla Cina al mondo

Giorgia

Da Bergamo in Cina per un anno

Già sette mesi sono passati dal mio arrivo in Cina, sembra ieri di essere arrivata qui.
Sono in college dal lunedì al venerdì e il weekend lo spendo con la mia famiglia ospitante cinese. La mia famiglia cinese è del tutto diversa da tutte le altre famiglie, i miei "genitori" sono davvero giovani, hanno intorno ai 27 anni e non hanno figli, tant'è che li chiamo sorella e fratello. Inizialmente pensavo che non avere fratelli della mia età sarebbe stato davvero triste, soprattutto perché in Italia ne ho due. Ero gelosa degli altri exchanges. Mia sorella è ora la mia migliore amica, abbiamo avuto molti alti e bassi, ma ora siamo inseparabili.

La città in cui mi trovo è una cittadella nell'estremo nord della Cina, durante l'inverno abbiamo toccato i -32 gradi. In questa città non c'è davvero nulla, ma amo vivere qui, resterei per tutta la vita. Proprio per il fatto che è piccola e nessuno la conosce, i cittadini che ci vivono non hanno quasi mai visto uno straniero almeno che qualche russo ogni tanto, infatti ogni volta che mi vedono reagiscono come se fossi una star di Hollywood, chiedono foto oppure si imbarazzano tantissimo a parlarmi. Adesso mi sono abituata quindi sono sempre io la prima a rompere il ghiaccio con tutti, cosa che invece in Italia non avrei mai fatto.

La Cina attraverso gli occhi di Giorgia

La Cina è difficile, per difficile intendo dire che con l'Italia non ha quasi niente a che fare quindi per me è stato inizialmente davvero tutto diverso. Una minima cosa come
attraversare la strada è diversa a come si fa in Italia, in Cina non si dà la precedenza ai pedoni ed è sempre tutto molto caotico.

La gente sembra essere molto maleducata secondo la nostra educazione occidentale, ma non lo è! È solo che qui in Cina emettere suoni digerendo e fare rumore con la bocca mentre si mangia è tutt'altro che maleducato, significa che ciò che si sta mangiando è davvero gradito.

Durante quest'anno mi sono messa alla prova, mettere in gioco tutto per fare l'esperienza migliore della tua vita è il punto focale di questo anno. La vera sfida sta nel saper affrontare ogni tipo di difficoltà da sola anche se sei a migliaia di chilometri da casa.

Giorgia

Da Bergamo in Cina per un anno

  • Prossima Storia

    Il Nebraska del 1960

    Mi chiamo Anna Robles e sono un’AFSer, anno 1960/61, Kimball, Nebraska USA.Già, sono un AFSer. Aver vissuto quell’esperienza è diventato uno stato del cuore e della mente, sempre divisi tra il mio Paese e quell’altro. Quando...

    Anna

    storica borsista, nel 1960-61 negli Stati Uniti

  • Prossima Storia

    Prima e dopo

    L’inizio Vivo nella città di Nanchino e frequento la 南京第三高级中学, dove ho trovato compagni simpatici e disponibili pronti a darmi una mano tutte le volte in cui non comprendo qualcosa della loro lingua. I ragazzi della classe ha...

    Francesco

    Da Enna in Cina per un anno

  • Prossima Storia

    Malesia: una terra, tre (e più) religioni

    Il Ganesha Chaturti è una festa induista che si celebra ad agosto o settembre, in base al calendario lunare indù. La festività è dedicata al dio Ganesha, uno dei più venerati e durate la giornata si svolgono...

    Daniele

    Da Savona in Malesia per un anno

  • Prossima Storia

    Il segreto della felicità è la libertà

    "Nata con la valigia in mano" così mia mamma mi descrive. Ho sempre avuto la passione e la voglia di conoscere nuovi posti e nuove culture e questo è stato il motivo principale per cui ho fatto domanda a Intercultura. Mollare per...

    Jlenia

    Da Lanusei-Tortolì in Honduras per un anno

Welcome to Intercultura (AFS Italy) website! Where do you want to go?
- If you want to know more about Intercultura, click here
- If you want to know more about studying in Italy with Intercultura, click here
- Sprechen Sie Deutsch? Hier Klicken
- If you want to visit the full website (Italian only), click here