Grazie mamma!

Mario

Da Avezzano in Turchia per un anno

Boh, da dove iniziare? Probabilmente si deve tornare a novembre, mese in cui tutti noi, come ben sappiamo, ci troviamo a compilare il fatidico fascicolo andando a scavare tra le foto e cercando di presentarsi in un inglese perlomeno intuibile, fatto ciò arriva la decisione più importante: “Dove voglio andare?” Ecco, tra le mie scelte nel angolino più buio c’era la Turchia, suggerimento da parte di mia madre messo lì tanto per farla felice.

I mesi passano, ormai non ci pensi più ma a febbraio arriva la mail di Intercultura con il tuo risultato, naturalmente la mia destinazione è la Turchia… Sarà per la gioia mista stupore e rabbia che in quel momento le uniche parole che ho detto sono: “L’importante è partire!”

Il tempo passa anche troppo in fretta e ti ritrovi ad inizio estate con i tuoi amici che non vogliono che tu parta, l’ansia dei tuoi nonni e genitori realizzano che probabilmente un anno è parecchio lungo e poi ci sono io che, sarà un difetto o un pregio, non ne sono particolarmente preso e penso solo a godermi l’estate.

Si vola ad Istanbul, bel salto di qualità visto che vengo da un paesino di 700 abitanti, tutto è diverso: la famiglia, gli amici, la lingua, gli odori, il traffico, il chiasso, i mezzi pubblici, le migliaia di facce nuove… Ma a tutto si fa l’abitudine!

Oggi sono più o meno cinque mesi che sono qui, ed il pensiero che ogni giorno mi assale è solo uno: il ritorno; rifletterci penso che sia il momento più duro per uno studente di Intercultura: abbandonare una nuova vita costruita in così poco tempo, la tua routine settimanale, la colazione con çay e formaggio invece di pane e nutella, le tre ore di metrobus attraversando Istanbul nel fine settimana per andare in centro, quella cultura Europea mista Orientale unica al mondo, la TUA famiglia, i TUOI amici che difficilmente potrai incontrare ed abbracciare una seconda volta nella tua vita.

Ma a tutto si fa l’abitudine

I Turchi sono speciali, davvero simili a noi Italiani: l’essere socievoli, solari, patriottici fino al midollo, il rispetto per la famiglia e perfino la cucina può essere considerata simile alla nostra (l’italiana non si batte tranquilli) con un’incredibile varietà di piatti sia salati che dolci davvero da leccarsi i baffi ed un mondo speziato davvero invidiabile.

Prima di partire anche io ero un po’ perplesso ma oggi probabilmente la Turchia avrebbe un posto in top 3 nella mia lista, ma in gran parte tutto questo lo devo alle persone che ho incontrato qui: i volontari che sono disponibili alla minima esigenza, i miei tutor che considero più amici che tutor, gli altri italiani che ho conosciuto il giorno prima di partire con cui è nato un legame che difficilmente verrà sciolto, gli studenti stranieri così simili ma così diversi, la famiglia che mi considera più che un figlio, i Turchi che mi vedono come uno di loro… Ma un ringraziamento speciale va a Mari la mia compagna di avventure qui ad Istanbul che mi sopporta ogni volta che stiamo insieme.

P.S Se quel decimo posto è vuoto e sei indeciso su dove non andare scrivi Turchia se avrai la “sfortuna” di andarci, ti assicuro che non te ne pentirai ;)

Mario

Da Avezzano in Turchia per un anno

  • Prossima Storia

    One of US

    Essere una neo-cittadina americana in un periodo di protezionismo Sono una ragazza di Roma, ho 17 anni, ma è fin da quando ero piccola che mi sono sentita diversa dai miei amici e dai miei coetanei in generale … come se provassi...

    Maria Carla

    Da Roma negli USA per un anno

  • Prossima Storia

    Mattia scopre la Thailandia

    Con un breve ma emozionante video, Mattia ci porta alla scoperta della Thailandia.

    Mattia

    Da Matera in Thailandia per un anno

  • Prossima Storia

    Ringraziare in un Paese ex-sovietico

    La religione è da sempre fortemente correlata alla cultura e alla peculiarità di ogni popolo. Non si tratta solo di abitudini o rituali, bensì di una continua presenza di un'influenza nel quotidiano: ogni atto, nel nome...

    Guido, da Bari per un'estate in Lettonia

    Riflessione in occasione del Convegno "Il Silenzio del Sacro"

  • Prossima Storia

    Ora appartengo a due mondi

    Il 22 Agosto sono partita per l'Ecuador, un Paese di cui non sapevo praticamente nulla e di cui mi sono innamorata. Eravamo in 21 italiani e sul volo verso Quito e nessuno era in grado di tacere la propria emozione. Stavamo iniziando un nuovo...

    Giulia

    Da Asti in Ecuador per un anno

Welcome to Intercultura (AFS Italy) website! Where do you want to go?
- If you want to know more about Intercultura, click here
- If you want to know more about studying in Italy with Intercultura, click here
- Sprechen Sie Deutsch? Hier Klicken
- If you want to visit the full website (Italian only), click here