I valori dell'Italia

Martina

Da Civitavecchia a Panama per un anno

Personalmente non ho sentito molto la nostalgia della mia famiglia, né dei miei amici, perché, per fortuna, mi sono trovata in una famiglia fantastica che non mi ha mai fatto mancare nulla.Ma dopo quasi sette mesi qui, una sorta di nostalgia inizia ad emergere; sento la forte mancanza di quelle cose, che a prima vista sono quelle con meno valore, e questa nostalgia porta, prima o poi, ad apprezzare tutto ciò che in Italia non aveva minimamente importanza per noi.
Quando il giovedì pomeriggio non potevo uscire perché ero sommersa dai compiti, provavo una rabbia interna che dovevo reprimere per prendere un bel voto, la stessa rabbia che reprimo ora al dover semplicemente colorare un cartellone ed attaccare qualche immagine. Come durante questa esperienza, non ho mai apprezzato la scuola italiana.
Quando mia madre voleva che tornassi a mezzanotte quando invece le mie amiche tornavano all'una, mi sentivo impotente di fronte alla sua decisione, la stessa impotenza che provo adesso tornando a casa prima del coprifuoco nazionale delle 21. Come durante questa esperienza, non ho mai apprezzato uscire la sera.
Quando un compagno andava contro un mio ideale e ci discutevo per far valere la mia idea, mi sentivo una guerriera, la stessa guerra che affronto ogni giorno per difendere il mio Paese natale. Come durante questa esperienza, non ho mai apprezzato l'essere italiana.
Quando mio padre faceva sempre lo stesso tipo di pasta che puntualmente non mi piaceva, mi sentivo schifata, lo stesso schifo che provo ora nel mangiare la "pasta" scotta con il pollo. Come durante questa esperienza, non ho mai apprezzato il cibo italiano.
Dopo quasi sette mesi qui, una sorta di nostalgia inizia ad emergere. E questa nostalgia porta, prima o poi, ad apprezzare tutto ciò che in Italia non aveva minimamente importanza per noi

  • Il Natale di Martina con la famiglia
  • La scuola

Quando mi sentivo spaesata e mia madre mi aiutava a ritrovare la via, mi sentivo appagata, la stessa sensazione che provo adesso quando, da sola, ci riesco comunque. Come durante questa esperienza, non ho mai apprezzato le mie capacità.
Quando andavo a scuola con la tuta e spettinata mi sentivo a disagio, lo stesso disagio che mi accompagna quotidianamente adesso quando la gonna non copre completamente il ginocchio, la camicia non è ben stirata o ho dimenticato di togliere la collana. Come durante questa esperienza, non ho mai apprezzato la possibilità di andare a scuola persino in pigiama.
Quando ero triste e nessuno lo notava mi sentivo sola, la stessa solitudine che sento ogni giorno quando non so con chi condividere traguardi importanti solo per me. Come durante questa esperienza, non ho mai apprezzato la mia famiglia.
Quando i miei genitori mi dicevano che dovevo dare il massimo, mi sentivo motivata, la stessa motivazione che ho oggi quando per il duecentesimo giorno mi sveglio e vivo la mia avventura. Come durante questa esperienza, non ho mai apprezzato abbastanza tutto ciò che mi circondava giornalmente in Italia, non ho mai apprezzato la mia forza e la mia determinazione. Come durante questa esperienza, non ho mai capito chi fossi veramente.

Martina

Da Civitavecchia a Panama per un anno

  • Prossima Storia

    Il Nebraska del 1960

    Mi chiamo Anna Robles e sono un’AFSer, anno 1960/61, Kimball, Nebraska USA.Già, sono un AFSer. Aver vissuto quell’esperienza è diventato uno stato del cuore e della mente, sempre divisi tra il mio Paese e quell’altro. Quando...

    Anna

    storica borsista, nel 1960-61 negli Stati Uniti

  • Prossima Storia

    Investire sul territorio: la Borsa di studio Ricomunica Thanksgiving

    Marissa Frost, ex partecipante ad un programma Intercultura in Italia nel 1992, in questo video racconta il motivo per cui ha deciso di dare vita, insieme al marito Stefano Francoli, una raccolta fondi, in occasione del Thanksgiving, per una...

    Marissa Frost

    Ideatrice della Borsa di studio Ricomunica Thanksgiving

  • Prossima Storia

    Non un solo giorno sprecato

    Quando mi chiedono perché io abbia scelto la Turchia, dico che è stata lei a scegliere me. Fondamentalmente, non credevo in nessuno dei dieci paesi che ho scritto. Il mio obiettivo era il mondo e avrei accettato ogni luogo come...

    Gaia

    Da Napoli in Turchia per un anno

  • Prossima Storia

    Un Natale coi fiocchi

    Il Natale è una delle feste più attese ed amate in Danimarca, da bambini e adulti, e io questo Natale non lo dimenticherò facilmente. Già ad Ottobre si incominciano a vedere tra i negozi i primi addobbi natalizi...

    Filippo

    Da Agrigento in Danimarca per un anno

Welcome to Intercultura (AFS Italy) website! Where do you want to go?
- If you want to know more about Intercultura, click here
- If you want to know more about studying in Italy with Intercultura, click here
- Sprechen Sie Deutsch? Hier Klicken
- If you want to visit the full website (Italian only), click here