Il destino della neve

Yue

Dalla Cina a Cagliari per un anno

La neve è la più bella cosa d’inverno!

Sono nata nel nord della Cina dove nevica tantissimo, ma sono andata a vivere al sud quando avevo circa un anno e al sud non nevica. Mi dispiace molto che non ho mai visto la neve perché sono nata in una parte dove nevica moltissimo...e poi, quando sapevo che sarei venuta in Italia, pensavo che forse avrei potuto vivere dove c’è la neve. Ma alla fine sono venuta in Sardegna, un paradiso dell’estate, il sole e il mare...e pensavo “va bene... forse non è destino vedere la neve!”. Sono felice di vivere in Sardegna e ci sono questi bellissimi mari, ma nel mia cuore pensavo ancora alla neve.

Il tempo vola. La temperatura è aumentata gradualmente. Siamo a marzo. Un giorno la mia mamma ha detto: “mercoledì, sulla montagna più alta della Sardegna, il Gennargentu, ha nevicato moltissimo: ci andremo domenica!”. Ero troppo contenta e ansiosa. Contavo i giorni prima di partire, ero concitata ogni giorno di più mentre stava arrivando la domenica!
Nel nostro gruppo, eravamo più della metà a non aver mai visto la neve, quindi ci siamo divertiti anche se c’era molto freddo

Evviva! Domenica 9 marzo, il giorno prima erano 6 mesi che sono arrivata in Sardegna. Ci siamo svegliati alle 6 del mattino, e abbiamo iniziato il nostro viaggio da Cagliari alle 7.40. Neve, stiamo arrivando!

Abbiamo viaggiato in macchina per circa 300 chilometri e abbiamo trovato mille curve! Ma queste curve non mi hanno fatto male perché il mio cuore era pieno di gioia! Non volevo perdere la prima vista della neve. Alle 10.30 della mattina, siamo arrivati! Quando la nostra macchina si è fermata, siamo scesi subito. Volevo correre sulla neve, ma non ho mai immaginato che la neve era così alta, il mio piede è finito dentro la neve, quindi sono caduta e mi sono bagnata, ma mi sono alzata in fretta e correvo nuovamente! Non avevo il tempo di guardare gli altri che cosa stavano faccendo, pensavo che anche loro erano così felici in quel momento.
Dopo la merenda, abbiamo fatto un pupazzo con la neve ed era più difficile di quello che immaginassi, pensavo di fare una piccola palla che poi spingendola diventasse più grande...nei film si fa così!Toccavamo la neve, facevamo le palle della neve, ci siamo gettati sulla neve, gettavamo la neve nel cielo, siamo caduti mile volte sulla neve! Abbiamo anche affittato gli slittini. Purtroppo sono alta, quindi dovevo prendere il slittino da sola e non sapevo come dovevo fermarmi...sono caduta fortissimo e mi sono rotolata sulla neve! Ho provato la seconda volta con il mio papà, ma non ci stavamo nello slittino. Lui è caduto e io ho proseguito da sola, e ero velocissima: AIUTO! Che casino! Alla fine sono caduta di nuovo... La terza volta, ho cambiato lo slittino che era più grande e sono scesa con la mia amica, che è piccolina. Sono riuscita a fermarmi ma siamo cadute... che dolore ma eravamo felici! Nel nostro gruppo, eravamo più della metà a non aver mai visto la neve, quindi ci siamo divertiti anche se c’era molto freddo. Ma la cosa bella era che c’era il sole!

Dopo la merenda, abbiamo fatto un pupazzo con la neve ed era più difficile di quello che immaginassi, pensavo di fare una piccola palla che poi spingendola diventasse più grande...nei film si fa così! Praticamente, abbiamo preso la neve con le mani e mettavamo sopra un cerchio, e diventava sempre più alto! Le nostre mani erano congelate ma tutti quanti stavano facendo qualcosa per costruire il nostro pupazzo Intercultura! Abbiamo messo il cappello, le mani erano create dai rami, gli occhiali da sole, il naso con il torsolo della mela e la labbra con un ramo. Abbiamo fatto anche il vestito perché era femmina! Facevamo a gara per fare un foto con il pupazzo, ma abbiamo anche scattato una foto tutti insieme! Ci siamo tutti bagnati. I pantaloni, i guanti, le calze... ecc. eravamo contentissimi!

La neve era bellissima, come un sogno! Questa volta era mia prima volta, anzi era la più bella perché eravamo tutti assieme! Ma è stato ancora più bello perché io ero con i miei amici d’Intercultura.

Yue

Dalla Cina a Cagliari per un anno

  • Prossima Storia

    Il Mondo … in gesti!

    Il linguaggio non verbale è universale? Che cosa succede quando comunicano persone di culture diverse?Lo abbiamo chiesto agli studenti di Intercultura."Quando salutai per la prima volta la mia famiglia ospitante giapponese – racconta...

    I ragazzi stranieri

    ospitati in Italia per un anno

  • Prossima Storia

    Paese di confine, Paese senza confini

    Acquapendente è un paese del viterbese di circa 5500 abitanti ed è l’ultimo comune del Lazio, al confine con Umbria e Toscana. Una realtà piccola, si direbbe, ma da sempre importante luogo d’incontro. Ultimamente,...

    Livia

    Volontaria del centro locale di Viterbo

  • Prossima Storia

    Il carnevale a Samugheo

    La cultura si scopre in ogni momento, persino nella vacanza. Il 23 febbraio siamo andati a Samugheo per vedere il carnevale. Era diverso dal carnevale di Venezia, questa festa era selvatica e pazza. Indossavano maschere spaventose, diventavano...

    Yue

    Dalla Cina a Cagliari per un anno

  • Prossima Storia

    Mamma, dove sei?

    "Mamma, dove sei?" E’ Cesar che mi sta cercando girando per casa e mi sta chiamando mamma... Era il 6 ottobre e lui era arrivato da meno di un mese. Mi stava cercando perchè avrei dovuto stirare la bandiera del suo paese, l’Honduras,...

    Mariaraffaella

    Mamma ospitante di Cesar, dall'Honduras a Jesi per un anno

Welcome to Intercultura (AFS Italy) website! Where do you want to go?
- If you want to know more about Intercultura, click here
- If you want to know more about studying in Italy with Intercultura, click here
- Sprechen Sie Deutsch? Hier Klicken
- If you want to visit the full website (Italian only), click here