Il mio primo dìa al colegio

Giorgia

da Rionero in Vulture in Argentina per sei mesi

Il mio primo dìa al colegio .. l’ho immaginato e rimmaginato più volte prima della partenza!
La curiosità di conoscere, di studiare le materie di sempre in una lingua diversa e provarne delle nuove, di scoprire pian piano un modo diverso di fare scuola! Sono arrivata qui in Argentina di venerdì, quindi ho avuto un po’ di tempo per prepararmi al gran giorno!
La giornata di domenica l’ho passata oscillando tra felicidad, paura, nerviosismo, voglia di conoscere ed ansia! Passavo da uno stato d’animo all’altro in continuazione e la mia mente era piena di pensieri. La noche è stato un po’ difficile addormentarmi, ma alla fine ce l’ho fatta!

I miei occhi si sono aperti 20 minuti prima dello squillare della sveglia, ma faccio iniziare comunque la giornata! Mi alzo, prendo il telefono, apro whatsapp e trovo tantissimi messaggi di amici e parenti che mi augurano un buon primo dìa al colegio, cercando di tranquillizzarmi e dicendomi che andrà benissimo!
Sono qui, pronta per alzarmi ed affrontare questa aventura!
Inizio a prepararmi, ed in pochissimo tempo sto già scendendo le scale per uscire di casa!

Entro nell’auto, dove il tragitto da casa a scuola sembrava eterno, quando finalmente arriviamo! Scendo dalla macchina, chiudo lo sportello, ed insieme alla mia mamma ospitante, mi dirigo verso l’entrata.

Vedo tanti niños e tanti chicos entrare da quella porta, tutti con la stessa uniforme e con la stessa faccia di chi non ha per niente voglia di iniziare una nuova settimana di scuola! Quelle facce erano completamente diverse dalla mia, che invece era super sveglia e riposata, con un sorriso sul volto che non riuscivo a trattenere e con gli ojos che brillavano per la tanta voglia di conoscere!

Ci dirigiamo verso l’ufficio della direttrice, mentre tutti gli alunni entrano nelle rispettive classi, e mi portano a fare un giro della scuola: una scuola grandissima! Dalla materna con bambini di quattro anni, si arriva alla scuola superiore con ragazzi di diciotto!
Mia mamma insieme alla direttrice mi accompagnano davanti la porta della classe, faccio un bel respiro e ripeto nella mente “Posso farcela!”, mentre sentivo l’agitazione e l’eccitazione nello stomaco ed il corazòn mi batteva fortissimo!

La direttrice apre la porta e mi fa entrare, presentandomi alla classe. Tutti i miei compañeros mi accolgono con un grande applauso ed uno dopo l’altro mi vengono a salutare e si presentano! Mi fanno trovare una colazione al centro dell’aula con una serie di dolci tipici argentini, latte, thè e l’immancabile mate! Un chico inizia a suonare la chitarra e tutti insieme iniziano a cantare una canzone, guardandomi e sorridendomi! Ed ecco che finalmente l’agitazione passa ed arriva la tranquilidad e la felicità di stare così bene in un mondo così diverso!
Adesso, a distanza di un mese, sono ancora più feliz del primo giorno! I miei compagni di classe sono simpaticissimi e super disponibili e mi hanno fatto integrare subito e facilmente!
La scuola argentina è diversissima da quella italiana: il rapporto con i professori è molto meno informale, addirittura vengono chiamati dagli alunni per nome, cosa che in Italia risulta una forma di maleducazione; anche le prove sono diverse, ed alcune di esse vengono svolte in gruppo.
La scuola a cui sono stata iscritta è parrocchiale, e ci sono alcune regole da dover rispettare, a cui non ero abituata! Bisogna indossare sempre la divisa in modo giusto, indossando i pantaloni nei giorni in cui si va in palestra, e la gonna i giorni che rimangono.
Le ragazze non possono truccarsi e devono portare sempre i capelli legati, mentre i ragazzi non devono avere la barba. La cosa positiva è che la mattina sono pronta in pochissimo tempo ed ho la possibilità di dormire di più!
Ringrazio la mia famiglia, Intercultura e tutti i volontari che mi hanno permesso di vivere questa meravigliosa esperienza, in questo meraviglioso paese: l’ARGENTINA!

Giorgia

da Rionero in Vulture in Argentina per sei mesi

  • Prossima Storia

    Il Nebraska del 1960

    Mi chiamo Anna Robles e sono un’AFSer, anno 1960/61, Kimball, Nebraska USA.Già, sono un AFSer. Aver vissuto quell’esperienza è diventato uno stato del cuore e della mente, sempre divisi tra il mio Paese e quell’altro. Quando...

    Anna

    storica borsista, nel 1960-61 negli Stati Uniti

  • Prossima Storia

    Piccoli consigli per imparare la lingua ungherese

    La lingua mi ha spinto a scegliere il programma in Ungheria, perché ho sempre avuto molte amicizie con persone ungheresi e sono sempre stato attratto dal suono della loro lingua. In generale mi piacciono le lingue, apprenderne di nuove...

    Sam

    Da Siena in Ungheria per un anno

  • Prossima Storia

    Il mio anno speciale in Paraguay

    Sono partita anni fa per Ciudad del Este, la seconda città più grande del Paraguay, al confine con il Brasile e l'Argentina, dove si arrivava attraversando un ponte.In famiglia avevo poche regole, ma c'era tanta fiducia. In Paraguay,...

    Annika

    Da Palermo in Paraguay per un anno

  • Prossima Storia

    Una giornata speciale

    Avevo partecipato a una mission trip in Kentucky, ero stata convinta dalle mie migliori amiche e per dire la verità ero partita anche un po' prevenuta per il fatto che fosse organizzata dalla chiesa, ma ero comunque molto entusiasta dell'attività...

    Flavia

    Da Roma Sud negli USA per un anno

Welcome to Intercultura (AFS Italy) website! Where do you want to go?
- If you want to know more about Intercultura, click here
- If you want to know more about studying in Italy with Intercultura, click here
- Sprechen Sie Deutsch? Hier Klicken
- If you want to visit the full website (Italian only), click here