Il peso della storia

Diana

Da Como in Croazia per tre mesi

Passerei giornate intere raccontando l'esperienza che ho potuto vivere con Intercultura! Ho avuto la fortuna di aver passato tre mesi in un paese bellissimo, dal quale mai nessuno si aspetterebbe così tanto: la Croazia.

E sono contenta di avere la possibilità di poter rivedere spesso le persone a me tanto care, dato che non dista molto dall’Italia.

Sono tanti i momenti che ti restano impressi, specialmente quelli che ti fanno provare la pelle d'oca. Non dimenticherò mai la storia dei miei genitori ospitanti (e faccio fatica ad aggiungere quell'aggettivo adesso, perché li sento davvero come i miei genitori naturali), si sono aperti talmente tanto da raccontarmi cosa hanno vissuto durante la guerra del 91-95 in Croazia. Sento la loro storia come se fosse la mia, immagino i momenti difficili che hanno passato dovendo scappare con i continui allarmi riguardanti bombe. Hanno abbandonato tutto, portandosi con loro i bambini ancora piccoli (mia sorella e fratello ospitante). Hanno lasciato amici e familiari. Hanno lasciato la casa. Hanno lasciato una vita normale. Sono stati costretti a farlo, ma hanno avuto la fortuna di riavere tutto indietro e poter cominciare, questo perché Zagabria non è stata fortemente colpita.

Ancora oggi sussiste in parte questo odio e tensione tra Serbia e Croazia. Pochi sono i serbi in Croazia e viceversa, i più anziani non hanno ancora superato il conflitto, la guerra è ancora aperta dentro loro. Purtroppo chi ha risentito maggiormente di questa guerra è stata la Bosnia, che per sua sfortuna si trovava semplicemente in mezzo tra i due contendenti. Oggi i croati non amano parlare apertamente di tutto ciò, ne soffrono ancora, soprattutto alcune città – che sono state talmente colpite da portare i segni della guerra tutt’oggi (grandi fori sulle pareti delle case, distese aride e incolte, edifici distrutti). In una giornata particolare ricordano tutti i morti, tramite una processione di motociclette e macchine e persone a piedi con dei lumi; chi non vi può partecipare osserva tutto ciò dal televisore, credo sia uno dei momenti più importanti per tutta la popolazione croata. Adesso che ci penso, ho davvero fatto mia la storia di questo Paese, sentendomi parte anche di quella!

Diana

Da Como in Croazia per tre mesi

  • Prossima Storia

    Il Nebraska del 1960

    Mi chiamo Anna Robles e sono un’AFSer, anno 1960/61, Kimball, Nebraska USA.Già, sono un AFSer. Aver vissuto quell’esperienza è diventato uno stato del cuore e della mente, sempre divisi tra il mio Paese e quell’altro. Quando...

    Anna

    storica borsista, nel 1960-61 negli Stati Uniti

  • Prossima Storia

    La mia scuola in Repubblica Dominicana

    Da dove cominciare... Sveglia presto, ci si infila l'uniforme e alle 7 si parte, perché alle 7.15 la campanella suona e il professore inizia un appello interminabile, che in tutto comprende 39 persone.39 ragazzi che però il lunedì...

    Anna

    Da Lovere-Boario in Repubblica Dominicana per un anno

  • Prossima Storia

    La parte sommersa dell'iceberg

    Mi chiamo Andrea, ho 17 anni e vengo dalla provincia di Bari dove studio informatica. Ma ora vivo e studio in Brasile. Abito in una città per me grande, considerata dai brasiliani piccola, ma importante.Da ormai 9 mesi vivo lontano da...

    Andrea

    da Bari in Brasile per un anno

  • Prossima Storia

    Cartolina da un Paese immenso

    Sono partita per la Russia sapendo davvero poco di questo Paese, oserei dire che non sapevo quasi niente, e me lo immaginavo un posto del tutto diverso.Non posso dire che inizialmente mi ha stupito, ma poi mi ci sono abituata, perché...

    Gloria

    Da Lecco in Russia per un anno

Welcome to Intercultura (AFS Italy) website! Where do you want to go?
- If you want to know more about Intercultura, click here
- If you want to know more about studying in Italy with Intercultura, click here
- Sprechen Sie Deutsch? Hier Klicken
- If you want to visit the full website (Italian only), click here