Il segreto è non aver paura

Grazia

Mamma di Alessandro, da Napoli in Cina per un anno

Ho sempre sentito parlare di Intercultura e dei relativi scambi culturali in paesi di tutto il mondo e mi sono sempre chiesta, da mamma, come riuscissero tutti quei genitori a sembrare così tranquilli di fronte ad una sfida così grande.

Tutto è incominciato un giorno quando Alessandro, mio figlio, è tornato a casa da scuola con un grande dépliant, eccitato all’idea di fare un’esperienza del genere. All’inizio pensavo che fosse una semplice idea, ma poi con il tempo ho capito che si stava davvero convincendo della cosa e infatti poco dopo era pronto per superare i tanti test e colloqui per poter partecipare al programma. Durante tale periodo non avevo ancora realizzato che Alessandro potesse davvero essere preso e mandato in un paese qualsiasi del mondo, da una parte ero felice che mio figlio, a soli 17 anni, potesse fare una così importante esperienza ma in cuor mio avevo una paura immensa di averlo lontano per così tanto tempo.

Quando è arrivata la fatidica e-mail, che annunciava la vincita del concorso di Alessandro, è stata la prima volta in cui ho davvero compreso che quella non era più solo un’idea e che di lì a poco avrei dovuto accettare che sarebbe partito da solo per un anno, e per di più per la Cina. Non nego che sia stato molto difficile all’inizio, come Alessandro doveva abituarsi in un Paese nuovo con nuove abitudini, io dovevo abituarmi a non averlo più in giro per casa e a parlare con lui solo tramite un computer. La mia paura più grande era quella di ritrovarmi, una volta finito tutto, una persona completamente diversa da mio figlio; di dover ricominciare daccapo con lui per scoprire le nuove sfumature del suo carattere e ricercare quelle vecchie.

Da una parte ero felice che mio figlio, a soli 17 anni, potesse fare una così importante esperienza ma in cuor mio avevo una paura immensa di averlo lontano per così tanto tempo

Poi però, più trascorrevano i mesi più vedevo che lui era sereno e soprattutto felice di ciò che stava facendo. Ero sbalordita da come stesse affrontando tutto, aveva imparato a vivere secondo delle abitudini completamente diverse dalle nostre secondo una cultura altrettanto diversa, aveva imparato pian piano a comunicare in cinese e ad avere così tante amicizie che ancora oggi mi riesce difficile ricordare tutti i loro nomi. Penso che quando una mamma vede tutto questo, vede la tranquillità e la spensieratezza nel proprio figlio, la distanza può essere anche superata poiché tutto ciò che a me interessava è che Alessandro stesse bene e che fosse felice della sua decisione. Credo che ogni genitore debba mettere la paura da parte e lasciare che i propri figli facciano un’esperienza del genere. Devo ringraziare con tutto il cuore Intercultura per aver premesso ad Alessandro, ma soprattutto a me, di potermi mettere in gioco come mamma, di aver potuto intraprendere una così profonda e grande esperienza come questa e di essere potuto andare alla scoperta di un Paese e di una cultura così antica e bella come quella della Cina.

Consiglio a tutti ragazzi e ai rispettivi genitori di prendere in considerazione tale programma poiché conoscere persone e culture differenti ci arricchisce e ci permette magari di cambiare noi stessi sia come persone che come genitori.

Grazia

Mamma di Alessandro, da Napoli in Cina per un anno

  • Prossima Storia

    I mille colori di una vita piena di attimi indimenticabili.

    "Sto vivendo un sogno" a volte è questo quello che penso quando mi alzo al mattino, quando ancora non riesco a realizzare dove mi trovo, tutto quello che ho sempre desiderato ora lo sto vivendo.Ho sempre avuto voglia di viaggiare e di...

    Chiara

    da Napoli alla Repubblica Ceca per un trimestre

  • Prossima Storia

    La religione in America come un puzzle

    Durante la mia esperienza annuale negli Stati Uniti, ho avuto modo di riflettere sul rapporto che gli americani hanno con la religione. La mia famiglia ospitante era cattolica, come la mia famiglia italiana, e allo stesso modo non frequentante;...

    Laura, da Bari negli Stati Uniti per un anno

    Riflessione in occasione del Convegno "Il Silenzio del Sacro"

  • Prossima Storia

    Michele in Repubblica Ceca

    Michele ci fa un breve riassunto di cosa può significare un anno in Repubblica Ceca e delle tante opportunità che offre.

    Michele

    Da Terralba in Repubblica Ceca per un anno

  • Prossima Storia

    Niente è strano, tutto è diverso

    La Danimarca è andare in bici sotto la pioggia, perché “non esiste cattivo tempo, ma solo cattivi vestiti”; è tornare a casa e condividere la propria giornata con la famiglia, bevendo una tazza di cioccolata...

    Eleonora

    Da Fermo in Danimarca per un anno

Welcome to Intercultura (AFS Italy) website! Where do you want to go?
- If you want to know more about Intercultura, click here
- If you want to know more about studying in Italy with Intercultura, click here
- Sprechen Sie Deutsch? Hier Klicken
- If you want to visit the full website (Italian only), click here