Il Sud Italia è meraviglioso!

Maria

Partecipante ad uno scambio di classe con l'Italia

Riportiamo la testimonianza di una studentessa russa di un liceo di Vsevolozhsk, nell'ambito di uno scambio di classe effettuato in un liceo di Lecce.Sull'aereo, in viaggio verso l'Italia, eravamo tutti un po' avviliti per il fatto che ci saremmo fermati a Roma solo per poche ore. "Lecce è così lontana da Roma, si trova nell'estremo sud", dicevamo all'inizio, ma al ritorno, in viaggio da Lecce verso Roma, avevamo già cambiato idea: "A Lecce è stato tutto così bello… perché andarcene verso Roma? Sarebbe meglio starcene ancora un po’ qui!".
Ci siamo innamorati così tanto del Sud Italia, che quasi non ci andava di tornare a Roma, una delle città più belle del mondo. Anche nel sud ci sono un'infinità di cose da vedere. Per prima, l'architettura. Le cattedrali in stile barocco sono stupende! Poi, le persone. Gli italiani sono persone incredibili: chiassosi, allegri, spensierati, socievoli e ospitali.

Ci siamo innamorati così tanto del sud Italia, che quasi non ci andava di tornare a RomaNel nostro gruppo c'erano anche molti studenti provenienti da diverse nazioni: America, Norvegia, Cina, Germania. C'era un'atmosfera positiva e tutti erano entusiasti di fare nuove conoscenze. Per cui non c'era modo di avere nostalgia di casa.
Nel Sud Italia c'è anche un bellissimo paesaggio. Immaginate di essere circondati dalle montagne, dalle palme e poi da una distesa azzurra di mare senza confine, il Mar Ionio e il Mar Adriatico. No, è difficile immaginarlo, bisogna vederlo! Sono così fiera di aver nuotato nel mare! Il sole splendeva e faceva caldo e, anche se per gli italiani l'acqua era terribilmente fredda, per noi andava bene lo stesso, così io e altri due studenti russi abbiamo fatto il bagno.
Un'altra cosa sorprendente è stata il cibo. Mi è sembrato che per gli italiani il cibo sia estremamente importante. Potevamo ritardare per il treno, ma non si poteva assolutamente saltare un pasto! Tra l'altro per pasto non si intendeva il misero pranzetto tipico delle gite, ma veri e propri pranzi al ristorante. Ecco, era tutto buonissimo e avremmo voluto assaggiare di tutto, ma era difficile dover scegliere tra tutto quello che ci servivano!
Mi è sembrato che per gli italiani il cibo sia estremamente importante. Potevamo ritardare per il treno, ma non si poteva assolutamente saltare un pasto!Inoltre vorrei sottolineare l'ottima organizzazione di AFS Italia. Non avevamo un attimo libero. Il programma era talmente fitto che tutto era contato al minuto. E anche se siamo stati lì una sola settimana, siamo riusciti a vedere e visitare moltissime località interessanti.
In poche parole: Tutto è stato semplicemente fantastico! Andateci di persona e ve ne accorgerete. Non perdete la possibilità di visitare questo paese fantastico. Credetemi, ne resterete soddisfatti e il mare vi stupirà con la sua bellezza.

Maria

Partecipante ad uno scambio di classe con l'Italia

  • Prossima Storia

    Dire, fare, imparare

    Sono volontaria da più di un lustro e comunque, ogni giorno che passa, mi sembra di poter/dover imparare ancora tanto e da tutti. Non è retorica: infatti, da una parte arrivano le sollecitazioni del Ministero, almeno una all’anno,...

    Silvia Mocchi

    Volontaria del Centro Locale di Monza e insegnante presso l'Istituto Scolastico Hensemberger

  • Prossima Storia

    Grandi soddisfazioni

    Dal 16 al 23 aprile, in collaborazione con Intercultura, il nostro Istituto ha ospitato 16 alunni e tre insegnanti della Secondary School di Aleksandrov, Russia.Il progetto biennale prevede l'ospitalità reciproca utilizzando come lingua...

    Antonella Iannuziello

    Insegnante presso l'Istituto Comprensivo Domenico Savio di Potenza

  • Prossima Storia

    Uno scambio di classe triplo!

    La città di Pesaro ha accolto un gruppo di 31 studenti olandesi della scuola "Carmelcollege" di Emmen e 12 studenti polacchi del liceo "Gimnazjum 34" di Wroclaw. Le due classi hanno fatto visita a 25 loro coetanei, studentesse e studenti...

    Studenti italiani e stranieri

    Partecipanti ad uno scambio di classe tra Italia, Olanda e Polonia

  • Prossima Storia

    Una settimana in Serbia con la mia classe

    "Non posso uscire, sto facendo la valigia. A fine settimana parto per la Serbia!" - "E che vai a fare in Serbia? È pericoloso! Non c'è niente!" Le risposte erano più o meno sempre quelle - dice Silvia, partecipante allo...

    Prof. Paola Distasi e la studentessa Silvia

    Partecipanti ad uno scambio di classe con la Serbia

Welcome to Intercultura (AFS Italy) website! Where do you want to go?
- If you want to know more about Intercultura, click here
- If you want to know more about studying in Italy with Intercultura, click here
- Sprechen Sie Deutsch? Hier Klicken
- If you want to visit the full website (Italian only), click here