In Spagna l’esperienza più bella della mia vita

Giulia

Da Roma in Spagna per un'estate

Sono Giulia, ho quindici anni, vivo a Roma e quest’anno ho partecipato al programma estivo di un mese in Spagna con Intercultura. E’ stata l’esperienza più bella della mia vita e non smetterò mai di essere grata a mia madre per avermi iscritto alle selezioni.

Abbiamo soggiornato per tutta la durata del mese nel Colegio San Estanislao de Kostka, al numero 185 dell’Avenida Juan Sebastian Elcano; un antico e prestigioso collegio gesuita che è il settimo anno che si presta come location del Summer Camp di Intercultura.

La struttura è veramente enorme e siamo stati ripartiti in otto stanze su quasi tutto il terzo piano dello stabile, cinque erano di ragazze che, quando hanno scoperto che i bagni erano comuni e le docce in una struttura a parte sono rimaste sconvolte. Ammetto che la settimana ammetto che è stato strano adattarsi ma poi entrare in bagno e vedere tutte quelle ragazze strette l’un l’altra in cerca di una porzione di specchio libera è diventato normalissimo.

Il fatto che poi al Colegio non fossimo solo italiani è stato un vantaggio enorme: in classe parlavamo spagnolo, tra di noi italiano e con gli altri in inglese; inoltre ho stretto amicizie con persone che vivono dall’altra parte del Paese e mi sono confrontata con molte culture diverse; ho scoperto ad esempio che in Malesia indicare con l’indice è un segno di maleducazione.

Le nostre giornate erano pienissime, le attività erano moltissime e interessanti, le gite a dir poco spettacolari. Un mese è volato e gli ultimi giorni ho più’ volte pensato che non mi sarebbe assolutamente dispiaciuto trattenermi a Malaga ancora un altro mese.

In definitiva vorrei “ringraziare” Intercultura perché è stata un’esperienza meravigliosa che mi ha fatto anche maturare.

¡MUCHAS GRACIAS!

L'estate di Giulia in Andalusia

Giulia

Da Roma in Spagna per un'estate

  • Prossima Storia

    Il Nebraska del 1960

    Mi chiamo Anna Robles e sono un’AFSer, anno 1960/61, Kimball, Nebraska USA.Già, sono un AFSer. Aver vissuto quell’esperienza è diventato uno stato del cuore e della mente, sempre divisi tra il mio Paese e quell’altro. Quando...

    Anna

    storica borsista, nel 1960-61 negli Stati Uniti

  • Prossima Storia

    Considerazioni di un’italiana in Svezia

    Il Paese del logom, del "perfetto" soggettivo e personale. Della "fika" (pausa caffè) che è un vero e proprio rituale. Dei kräftor mangiati in quantità industriali neanche fossero patatine. Il Paese delle metropolitane...

    Giulia

    Da Chieti in Svezia per un anno

  • Prossima Storia

    A volte è meglio buttarsi

    È difficile parlare di questa esperienza, di questo paese, di questa "vita". Mi guardo intorno e non mi sembra di essere tanto lontana da mia madre, tantomeno da mio padre e dai miei amici, ma sentir parlare notte e giorno in una lingua...

    Alice

    Da Rieti in Sudafrica per due mesi

  • Prossima Storia

    Fate esperienze nuove

    Giugno 2015, mia madre risponde al telefono, sorride, è felice, sono in macchina di fianco a lei. Riattacca: “Jack, andrai in Irlanda!”Io, un ragazzo di 16 anni, che non sa cosa aspettarsi dell’anno che verrà. Giugno...

    Giacomo

    Da Ravenna in Irlanda per un anno

Welcome to Intercultura (AFS Italy) website! Where do you want to go?
- If you want to know more about Intercultura, click here
- If you want to know more about studying in Italy with Intercultura, click here
- Sprechen Sie Deutsch? Hier Klicken
- If you want to visit the full website (Italian only), click here