La mia estate in Cina

Francesca

Da Pescara in Cina per un'estate

Dicono che il mal d'Africa sia incurabile. Da parte mia ho sempre pensato che invece fosse il mal di Cina e la mia esperienza infatti lo ha confermato. Vorrei essere un porta voce per "gridare" al mondo che fantastico posto è la Cina.

La mia esperienza è stata meravigliosa infatti sin dal primo momento mi sono ambientata abbastanza bene. I primi giorni di scuola c'era la nostra insegnante che, con tanta pazienza, per un mese è stata a nostra disposizione durante le ore di lezione per insegnarci le regole fondamentali della lingua cinese. La scuola è ben organizzata dalla mattina alle 9:00 per finire nel pomeriggio intorno alle 17:00. La giornata scolastica è ben scandita con lezioni di cinese per tutta la mattinata, mentre tutto il pomeriggio è occupato da lezioni che variano nel corso del mese come ad esempio: pittura cinese, kung fu, tai chi (arti marziali tipiche cinesi), ping pong e con la presenza di maestri cinesi di pittura o di strumenti musicali. L'apprendimento della lingua non è semplice, soprattutto in un mese, ma grazie al buon insegnamento delle docenti sono riuscita ad avere anche dei piccoli discorsi con passanti e tassisti.
Ogni giorno era diverso e con emozioni sempre nuove

In Cina sono sempre ben organizzati, infatti spesso grazie all'organizzazione del centro locale di Chengdu e alla collaborazione delle disponibili famiglie abbiamo fatto tante uscite, una delle più straordinarie è stata quella a WOLONG che è l'unica riserva naturale dei panda giganti. Inoltre anche con la mia famiglia ho visitato tanti posti come il tempio Wenshu, il complesso buddhista più grande e meglio conservato di Chengdu, il museo universitario del Sichuan e la spettacolare casa di montagna situata vicino il Tibet di proprietà della mia famiglia ospitante. Non posso dire di aver avuto una giornata tipo perché ogni giorno era diverso e con emozioni sempre nuove. Per un occidentale la Cina è un mondo affascinante e il potere che avrei desiderato avere durante quel mese era di registrare ogni dettaglio, ma mi infastidiva intrappolare certi momenti con un semplice video o una fotografia perché ogni volta restava fuori qualcosa di fondamentale. Continuavo a cambiare angolazione ma nessuna mi sembrava quella giusta. Due occhi erano sempre troppo pochi di fronte alle bellezze che ho incontrato.

Le famiglie cinesi grazie alla loro simpatia riescono a dimostrare il loro affetto in forme diverse che forse rimangono nella memoria più di un abbraccioForse l'aspetto più complesso da superare è il rapporto con i coetanei perché hanno una visione del contatto fisico un po’ antica, se così può essere definita. Tra coetanei è difficile che dopo un mese ci sia un abbraccio, il contatto infatti nella cultura cinese è molto limitato. I cinesi spesso tendono a sentirsi a disagio di fronte al contatto fisico infatti uno degli episodi più imbarazzanti, ma nello stesso tempo ridicoli, che possono accadere è che di fronte ad un tentativo di contatto si ritraggono spaventati. Anche se questo può sembrare apparentemente un limite, le famiglie cinesi grazie alla loro simpatia riescono a dimostrare il loro affetto in forme diverse che forse rimangono nella memoria più di un abbraccio.

Tornata in Italia sono arrivata ad una conclusione, cioè che, nonostante un Paese possa trovarsi dalla parte opposta del mondo, noi uomini siamo tutti diversi ma in realtà uguali, parliamo lingue diverse ma siamo in grado di comunicare con la chiarezza di un gesto e l'universalità di un sorriso. Quando ci si avvicina scopri che quel mondo lì è, in realtà, sempre lo stesso di qua.

Francesca

Da Pescara in Cina per un'estate

  • Prossima Storia

    Quest'anno Babbo Natale lo faccio io

    Natale quest'anno è stato di domenica, quindi non c'è stato problema con la scuola, ma normalmente le scuole indiane il giorno di Natale concedono una 'tregua' e vengono chiuse, alcune danno persino le vacanze vere e proprie di...

    Federico

    da Rieti in India per un anno

  • Prossima Storia

    Roma Zurigo Bangkok

    Eravamo in centotrentacinque ragazzi provenienti da tutto il mondo, pronti ad affrontare una nuova esperienza tra alti e bassi, tra solitudine e allegria. Dopo un breve campo di introduzione al mondo Thailandese durato cinque giorni siamo stati...

    Valentina

    Da Saronno in Thailandia per un anno

  • Prossima Storia

    Carpe diem

    Un anno all’estero può essere facilmente preso come metafora per una vita intera.Si riparte da zero, una nuova nascita. Arrivi e non sai parlare, non conosci i costumi, le regole, le usanze, le abitudini, le leggi. Tutti ti trattano...

    Claudio

    Da Roma in Belgio fiammingo per un anno

  • Prossima Storia

    Serbia! La mia seconda casa

    Serbia! La mia seconda casa. Quando ho sentito nominare questo Paese da una ragazza serba durante il suo anno di scambio, non sapevo nemmeno dov'era.Lei mi disse che nessuno vuole andare in questo Paese e che è un Paese dal quale i giovani...

    Julia

    Da Siracusa in Serbia per un anno

Welcome to Intercultura (AFS Italy) website! Where do you want to go?
- If you want to know more about Intercultura, click here
- If you want to know more about studying in Italy with Intercultura, click here
- Sprechen Sie Deutsch? Hier Klicken
- If you want to visit the full website (Italian only), click here