La mia scuola in Argentina

Sophie

da Verbania in Argentina per un anno

Settembre '16, Santiago del Estero
Eccomi, qui dopo un mese di frequenza, a raccontarVi un po’ come funziona la scuola qui in Argentina.
Frequento l' INSTITUTO "SAN PEDRO NOLASCO" – Bachirellato Humanista Moderno a Santiago dell'Estero, città situata nel Nord dell'Argentina, a circa 1000km sopra Buenos Aires.
E' una scuola privata e religiosa, non molto grande, che comunque include le classi dalle elementari alle superiori; al mattino si svolgono le lezioni delle classi Superiori, al pomeriggio quelle delle elementari e delle medie.
In generale, in tutta l'Argentina il sistema scolastico non propone numerose scelte di indirizzo come avviene da noi Italia, è difficile infatti trovare scuole ad indirizzo economico, ancor meno ad indirizzo artistico o specialistico come i nostri elettronici, informatici, meccanici, ecc…..
Qui al San Pedro esistono solo due indirizzi: quello 'Umanistico' un mix tra il nostro Scienze Umane e Classico, e quello 'Tecnologico' molto simile al nostro Chimico, Materiali e Biotecnologie, al quale sono iscritta.
Frequento l'ultimo quadrimestre del 3° anno, il penultimo perché qui in Argentina le scuole Superiori durano solo 4 anni e già a 17 si accede all'Università; poi dopo le vacanze estive, che qui saranno nel periodo Gennaio/Febbraio, inizierò il 1° quadrimestre del 4° ed ultimo anno.
La scuola, nonostante comprenda diversi gradi, è piccolina, nulla a che vedere con il nostro Cobianchi. E' un edificio moderno, lineare e pulito così formato: al piano terra troviamo l'atrio, un chiosco, una stanza dove fare le fotocopie e comprare materiale di cancelleria (l'essenziale per la scuola), la direzione, la segreteria e la portineria; si elevano poi due piani di aule con due bagni ciascuno (uno per i maschi ed uno per le femmine); al 3° piano c'è un piccolo Auditorium. Esiste poi un secondo fabbricato, collegato al principale tramite un corridoio, dove sono situati: il "laboratorio di chimica", il "laboratorio di informatica" e la biblioteca; a lato abbiamo anche la Chiesa della scuola, ma che non viene usata.
Le lezioni si svolgono dal Lunedì al Venerdì, indicativamente dalle 7:45 alle 13:25, il Martedì ed il Giovedì abbiamo il rientro pomeridiano dalle 14:30 alle 15:30 perché facciamo ginnastica in una palestra situata al di fuori della scuola. Tuttavia dobbiamo essere a scuola per le 7:30 perché tutte le mattine prima di entrare in aula partecipiamo al rito dell'alzabandiera con relativo canto dell'Inno nazionale e preghiera.

Tutti gli studenti hanno una divisa,
generalmente in quasi tutta l'Argentina, scuole pubbliche comprese, diversa a seconda dell'Istituto che si frequenta; la divisa per noi ragazze del San Pedro è composta da: scarpe nere stringate, calza al ginocchio color bordeaux, minigonna grigia, t-shirt bianca con profili bordeaux e giubbetto per le giornate fredde sempre di color bordeaux.
La mia classe è formata da circa 25 alunni, quasi tutti maschi e le materie che svolgiamo sono: Matematica, Biologia, Chimica, Fisica, Lingua/Letteratura, Storia, Geografia, Tecnologie, Religione, Educazione Fisica, Inglese (poi al rientro dalle vacanze estive verrà sostituito con Francese), Greco e Latino.
Qui in Argentina, o per lo meno nella mia scuola, non si usano i libri di testo in quanto sono molto costosi e non tutte le famiglie possono permettersi la relativa spesa. Le lezioni si svolgono quindi in maniera un po’ diversa: per alcune materie (Geografia e Tecnologia) si prendono appunti sotto dettatura, per altre (Biologia, microbiologia) si copiano schemi dalla lavagna, per altre ancora (Inglese, biologia/microbiologia/letteratura/storia) si hanno dei 'fascicolati' composti da fotocopie. Non essendoci libri, quando ci sono argomenti da studiare si acquistano solo le fotocopie dell'argomento trattato.
Anche qui in Argentina si svolgono delle prove di verifica, che possono essere orali e/o scritte. In questo primo mese ho assistito solo alle interrogazioni di biologia che consistevano nell'esporre una ricerca, precedentemente svolta in gruppi da 3 alunni, sui microrganismi che alterano l'ecosistema. Per quanto riguarda le prove scritte sono al momento ancora leggermente confusa, anche per via della lingua spagnola che sto imparando giorno dopo giorno, in quanto non sono né programmate a priori né 'fiscali' priori come avviene in Italia. Mi spiego meglio, fino ad ora ho svolto due verifiche di chimica, ma durante la verifica si poteva confrontarsi sia con la professoressa che con i compagni di classe; mentre per quanto riguarda Inglese ho scoperto che un compito iniziato insieme in classe, e da terminare a casa, è stato poi considerato come verifica scritta e quindi valutato.
In generale, non esiste né la tensione né l'ansia che troviamo nelle scuole italiane, qui si lavora in modo molto più tranquillo e condiviso.
Anche qui in Argentina, purtroppo, nonostante sia una scuola privata c'è un cambio di professori anche durante l'anno scolastico; nei giorni scorsi abbiamo cambiato sia la professoressa di biologia/microbiologia che quello di fisica.

Dopo un mese di frequentazione della scuola argentina, posso dire che il metodo di istruzione e il rapporto che si crea tra professori e alunni e’ decisamente migliore di quello italiano, qui è veramente fantastico; al contrario il programma di studi argentino non è completo ed entusiasmante come in Italia.
Sinceramente penso che, se in Italia l'atmosfera fosse più serena e meno formale, come quella riscontrata qui in Argentina, il rendimento degli studenti sarebbe superiore, in quanto con i professori ci si potrebbe relazionare maggiormente e cercare quell’aiuto in più che in Italia a volte manca; la scuola serve per imparare non per terrorizzare e far vivere nello stress e nell’ansia gli studenti!

Ogni scuola ha i propri pro e i propri contro, in Italia c’e troppa tensione mentre qui si fa meno, in Italia l’istruzione e’ mediamente buona mentre qui in Argentina i rapporti umani sono la parte forte: Dopo tutto la scuola, ovunque sia, ci insegna a Vivere!

Sophie

da Verbania in Argentina per un anno

  • Prossima Storia

    I mille colori di una vita piena di attimi indimenticabili.

    "Sto vivendo un sogno" a volte è questo quello che penso quando mi alzo al mattino, quando ancora non riesco a realizzare dove mi trovo, tutto quello che ho sempre desiderato ora lo sto vivendo.Ho sempre avuto voglia di viaggiare e di...

    Chiara

    da Napoli alla Repubblica Ceca per un trimestre

  • Prossima Storia

    I panamensi sono innamorati del proprio Paese

    Sono ormai sette mesi che vivo a Panama, questa terra strana e piccola, il cuore e l'ombelico del grande continente americano, una piccola manina che si stende e si sforza di tenere insieme il nord e il sud senza rompersi, e nello stesso modo...

    Avana

    Da Milano a panama per un anno

  • Prossima Storia

    Datemi un bacio e sparite dalla mia vista!

    Mercoledì 19 agosto. Roma. Zona EUR. Dopo aver trascorso la notte, poco rilassata ad onor del vero, in albergo, ci dirigiamo verso il buffet della colazione (non prima di aver controllato per la 42 esima volta nelle ultime 24 ore il...

    Claudia

    Mamma di Christelle, da Aosta in Argentina per un anno

  • Prossima Storia

    Ogni giorno m'insegna qualcosa

    Prima di partire si hanno delle aspettative, è normale. Ammetto che non ero del tutto preparata a vederle andare in frantumi ma, adesso che ci ripenso a poco più di un mese di distanza, è meglio così. Ci si fanno...

    Carlotta

    Da Roma in Thailandia per un anno

Welcome to Intercultura (AFS Italy) website! Where do you want to go?
- If you want to know more about Intercultura, click here
- If you want to know more about studying in Italy with Intercultura, click here
- Sprechen Sie Deutsch? Hier Klicken
- If you want to visit the full website (Italian only), click here