La scuola di Hong Kong!

Arianna

Da Rivoli a Hong Kong per un anno

Ebbene sì! Il fatidico e tanto aspettato "primo giorno di scuola" a Hong Kong è arrivato anche per me!Come mi sento? Ho quella fitta perenne allo stomaco, mi sento così piccola e sola in un posto tanto grande e fa paura, paura di non trovare amici, paura di non capirli, paura di non trovare la classe successiva in mezzo a veramente tante ragazze che camminano (ebbene sì, la mia scuola è per sole ragazze), corrono e ridono per i corridoi. Paura di non essere all'altezza di quest'esperienza, paura di non riuscire a spiegarmi, ma poi...
L'amore e la felicità con cui mi accolgono, le domande, la loro curiosità e la loro voglia di scoprire da dove vengo, chi sono e perché ho scelto di partire. Allora, dopo essere stata sovrastata da tutte queste domande, sono stata direttamente catapultata sul palco della scuola, davanti a tutti i professori! L'ansia, l'emozione, la paura, la felicità... Tutte concentrate in un solo istante!
L'ansia, l'emozione, la paura, la felicità... Tutte concentrate in un solo istante! La prima cosa inaspettata: canto al Buddha e preghiera, tutti in silenzio ad ascoltare. E dopo due ore (interminabili) di spiegazione delle regole della scuola (ovviamente tutte in cantonese), sento il mio nome, e successivamente un forte applauso. Con un sorriso a 32 denti, mi sono alzata, e ho ringraziato! E lì... Solamente in quel momento ho sentito quanto ero fortunata a trovarmi su quel palco, davanti a centinaia di persone!
Anche se la scuola è davvero molto dura e difficile, perché lì tutti e dico tutti puntano ad entrare all'università e hanno solo quell'obiettivo sin dal primo anno di scuola superiore, tutte le studentesse che finora ho conosciuto sono delle persone fantastiche, sempre disponibili e con il sorriso sulla bocca, felici di aiutarti! Non potevo chiedere un inizio migliore!

Arianna

Da Rivoli a Hong Kong per un anno

  • Prossima Storia

    L’esperienza che mi ha cambiato la vita

    Intercultura è una sfida, un percorso educativo, un'esperienza che contribuisce alla crescita. E soprattutto è una storia che dura tutta la vita. Ma quali sono i benefici sul breve, medio, lungo termine sul percorso accademico,...

    Intercultura

    in occasione della presentazione dell'Osservatorio nazionale sull'internazionalizzazione delle scuole e la mobilità studentesca

  • Prossima Storia

    Lo scopo del viaggiare

    Lo scopo del viaggiatore è conoscere se stesso. Conoscersi, conoscendo altre culture, guardando con occhi nuovi le cose più semplici e banali (la pioggia che cade, i sorrisi spontanei). Sono inevitabilmente le cose più semplici...

    Francesco

    Da Sanremo in Costa Rica per un anno

  • Prossima Storia

    Ringraziare in un Paese ex-sovietico

    La religione è da sempre fortemente correlata alla cultura e alla peculiarità di ogni popolo. Non si tratta solo di abitudini o rituali, bensì di una continua presenza di un'influenza nel quotidiano: ogni atto, nel nome...

    Guido, da Bari per un'estate in Lettonia

    Riflessione in occasione del Convegno "Il Silenzio del Sacro"

  • Prossima Storia

    Varanasi, la città con otto nomi

    Mi chiamo Alessandro e sto frequentando l’anno all’estero in India, precisamente a Varanasi/Benares/Kashi (la mia città può essere chiamata in 8 nomi diversi) e, ancora più precisamente, alla Sunbeam School Lahartara. La...

    Alessandro

    Da Trento in India per un anno

Welcome to Intercultura (AFS Italy) website! Where do you want to go?
- If you want to know more about Intercultura, click here
- If you want to know more about studying in Italy with Intercultura, click here
- Sprechen Sie Deutsch? Hier Klicken
- If you want to visit the full website (Italian only), click here