La Svizzera, così vicina, ma così diversa

Chiara

Da Firenze in Svizzera per un anno

Esiste un piccolo Paese giusto al nord dell'Italia, conosciuto per il suo cioccolato e il suo formaggio. Questo fa certo parte della sua cultura, ma il ricordo che la Svizzera mi lascia sono sicuramente i suoi magnifici paesaggi. Come probabilmente molti di voi, amo viaggiare e, grazie a una mitica carta chiamata "Abbonamento Generale", ho potuto visitare ogni angolo di questo incredibile Paese. Nei miei viaggi, mi hanno accompagnato mia sorella ospitante, gli altri studenti stranieri, ma anche gli amici che ho trovato qui.
La Svizzera è il Paese perfetto per gli amanti delle lingue

Al contrario di quello che si dice, gli svizzeri non sono così freddi e distanti, bisogna solo saperli prendere. Grazie alle lunghe giornate di scuola che potevano durare fino alle 16.40, avevo molto tempo da passare con i miei compagni di classe e, durante le "ore bianche" (di pausa), mi hanno insegnato "le Chibre/Jass", gioco di carte svizzero di cui mi sono innamorata.

Come avete notato, il gioco ha due nomi! Perché sì, la Svizzera è il Paese perfetto per gli amanti delle lingue.
Ci sono 4 lingue ufficiali; la maggior parte della gente parla svizzero tedesco (badate bene che differisce molto dal tedesco normale!), i cantoni vicino alla Francia come il mio parlano francese, e verso il sud-est ci sono minoranze italiane e romance. Fin dall'inizio ho amato questo poliglottismo, vedere qualsiasi pannello tradotto in tutte le lingue, sentire gente per la strada parlare una lingua diversa dalla tua perché ti trovi in una "città bilingue".
Ho amato il mio anno di scambio, che mi ha dato ancora più voglia di viaggiare, conoscere il mondo, andare là fuori

Inutile dire che ho amato il mio anno di scambio, che mi ha dato ancora più voglia di viaggiare, conoscere il mondo, andare là fuori. Io ho iniziato con un piccolo passo: la Svizzera, così vicina, ma così diversa.

Chiara

Da Firenze in Svizzera per un anno

  • Prossima Storia

    L’esperienza che mi ha cambiato la vita

    Intercultura è una sfida, un percorso educativo, un'esperienza che contribuisce alla crescita. E soprattutto è una storia che dura tutta la vita. Ma quali sono i benefici sul breve, medio, lungo termine sul percorso accademico,...

    Intercultura

    in occasione della presentazione dell'Osservatorio nazionale sull'internazionalizzazione delle scuole e la mobilità studentesca

  • Prossima Storia

    Mi sono già affezionata!

    La scuola qui in Cile è abbastanza diversa da quella italiana, prima di tutto per via dell'uniforme che dobbiamo indossare. Credo che sia una cosa positiva – almeno, a me piace! - perché la mattina sai già cosa metterti...

    Erica

    Da Grosseto in Cile per un anno

  • Prossima Storia

    Basta andarci per scoprire che c’è...molto da scoprire!

    Cosa mi ha spinto a scegliere l’Ungheria come destinazione? Il caso. In un primo momento mi sono detto: “ma perché proprio l’Ungheria?”. Oggi però sono molto contento di averci trascorso un anno. Penso che...

    Davide

    Da Torino in Ungheria per un anno

  • Prossima Storia

    Un Natale diverso

    Due sono i motivi per cui questo sarà un Natale speciale: il primo è che lo vivrò lontano da casa, dalla mia famiglia, dai miei amici e dalle tradizioni ed abitudini che contraddistinguono questo periodo, mentre il secondo...

    Andrea

    Da Belluno in Cina per un anno

Welcome to Intercultura (AFS Italy) website! Where do you want to go?
- If you want to know more about Intercultura, click here
- If you want to know more about studying in Italy with Intercultura, click here
- Sprechen Sie Deutsch? Hier Klicken
- If you want to visit the full website (Italian only), click here