La terra dai mille volti

Valentina

Da Imperia in Indonesia per un anno

L’Indonesia è stata una sorpresa e una sfida continua, ricordo ancora lo shock di quando ho letto i risultati di Intercultura. Fino a pochi mesi prima quasi non sapevo della sua esistenza e invece venni a sapere che ci sarei andata a vivere per un anno!

È stato un tuffo nel vuoto più completo, in una cultura e uno stile di vita lontani anni luce dal mio, eppure si è dimostrata la scelta migliore di sempre.
La parola che credo descriva meglio questo bellissimo paese è “Varietà”. In Indonesia, non ho scoperto solo una cultura ma un insieme di culture: religioni, tradizioni, lingue e cibi che vivono insieme in perfetta armonia.

Ogni singola isola è diversa e ha uno o più “bahasa” che possono variare da un semplice accento o cadenza nel parlare fino a diventare una lingua completamente diversa (ma non preoccupatevi la maggioranza delle persone vi parleranno in Indonesiano magari solo con accento tipico rendendo l’ascolto molto divertente).
La parola che credo descriva meglio questo bellissimo paese è "Varietà"Solo nella mia isola, Sulawesi, abbiamo quattro gruppi etnici diversi: Bugis, Makassar, Toraja e Mandar. Ogni gruppo etnico ha le sue danze tradizionali, cibi (il riso ovviamente non manca mai), costumi tradizionali dai colori vivaci, adornati da diversi tipi di gioielli o corone, e in alcuni casi diverse religioni. Il gruppo etnico dei Toraja, ad esempio, è di maggioranza Cristiana protestante, mentre gli altri sono a maggioranza musulmana.

  • selfie gruppo classe
  • visita elefanti
  • foto di classe
  • Valentina e famiglia

Il cuore dell'Indonesia negli scatti di Valentina

Non si può infatti non parlare di Indonesia senza parlare di religione, la religione è ovunque, è parte integrante della persona e della vita.
È bellissimo vedere come tante religioni, Musulmana, Cattolica, Protestante, Induista, Buddista e altre minoranze convivano insieme e si rispettino a vicenda, sono stata fortunata a poter vedere i loro magnifici templi e imparare su ognuna di esse in un unico Paese.

L’Indonesia per me è stato come scoprire tanti piccoli mondi diversi e imparare da ognuno di essi, con un'unica costante: persone gentili, sorridenti e sempre disposte ad aiutarmi.
Non è sempre tutto facile, anzi, credo che sia uno dei Paesi che ti da più prove in assoluto da superare, ma ogni piccola vittoria e momento vissuto ha un valore ineguagliabile.

L’Indonesia ha cambiato il mio modo di pensare e vedere il mondo, e non potrei esserne più felice, per questo non cambierei nulla di questa incredibile esperienza.
L’Indonesia ha cambiato il mio modo di pensare e vedere il mondo, e non potrei esserne più felice, per questo non cambierei nulla di questa incredibile esperienza

Valentina

Da Imperia in Indonesia per un anno

  • Prossima Storia

    L’esperienza che mi ha cambiato la vita

    Intercultura è una sfida, un percorso educativo, un'esperienza che contribuisce alla crescita. E soprattutto è una storia che dura tutta la vita. Ma quali sono i benefici sul breve, medio, lungo termine sul percorso accademico,...

    Intercultura

    in occasione della presentazione dell'Osservatorio nazionale sull'internazionalizzazione delle scuole e la mobilità studentesca

  • Prossima Storia

    Impressioni indonesiane

    Già prima del risveglio, i respiri vengono scanditi dal calore delle prime ore del giorno. L'alba preme insistente sull'oscurità, quasi a voler catturare lo splendore delle mille stelle che popolano i cieli e rendersi ogni giorno...

    Raja

    Da Lodi in Indonesia per un anno

  • Prossima Storia

    Un'esperienza per tutta la vita

    Mi chiamo Francesca, sono di Ferrara, una piccola cittadina dell’Emilia Romagna, ho quasi 50 anni, ho trascorso un anno negli USA a Chicago nel 1984 e desidero portare una testimonianza di come un’esperienza all’estero vada...

    Francesca Barbuto

    Con Intercultura nel 1984/85

  • Prossima Storia

    La Polonia di Prisca: persone gentili e posti bellissimi

    Dal giardino della sua nuova casa, Prisca ci racconta le sue prime settimane in Polonia.

    Prisca

    Da Como in Polonia per un anno

Welcome to Intercultura (AFS Italy) website! Where do you want to go?
- If you want to know more about Intercultura, click here
- If you want to know more about studying in Italy with Intercultura, click here
- Sprechen Sie Deutsch? Hier Klicken
- If you want to visit the full website (Italian only), click here