Le "mie" elezioni USA

A.A.V.V.

Gli studenti dell'anno negli USA

Capita ogni 4 anni, e ogni volta è un momento epocale.
Anche per loro, gli studenti di Intercultura che stanno trascorrendo il loro anno negli Stati Uniti, stanno vivendo lo scontro, in seno alle famiglie, tra gli amici di scuola, tra vicini di casa, che divide i sostenitori di Hillary Clinton e quelli di Donald Trump.

Ecco i racconti di un'elezione vissuta sul filo dei sondaggi e di colpi di scena.

ILARIA, DA BEMUS POINT, NELLO STATO DI NEW YORK
Le elezioni sono un grande evento negli Stati Uniti: andando in giro per i paesi si possono chiaramente notare le preferenze di ciascuno, perché tutte le famiglie pongono fuori dalla propria casa, nel giardino di propria proprietà, un cartello con scritto o 'Clinton' o 'Trump'. Vorrei comunque ricordare che i partiti in realtà sono quattro: la maggior parte delle persone, però, si è schierata o dalla parte del partito democratico, o da quella del partito repubblicano.
La foto con le due bandierine dedicate rispettivamente a Hillary Clinton e a Donald Trump, mostra come due vicini di casa abbiano opposte opinioni al riguardo e penso sia divertente, perché solitamente tutte le persone che vivono in una certa zona hanno la stessa preferenza.
Anche a scuola il tema delle elezioni è molto discusso: circa due settimane fa la mia High School ha organizzato le 'elezioni' della scuola: ognuno ha votato per il partito preferito e alla fine sono stati conteggiati i voti per vedere il Presidente più quotato.
Elezioni in USA è quando tutta la nazione è in fibrillazione

ma il secondo dopo la pubblicazione del vincitore si tornerà alla calma e alla civiltà (Marco, dal Wisconsin)

ENRICO, DA OLIVETTE, NEL MISSOURI Da quanto sappiamo, gli americani hanno la tendenza all'esagerazione ed ad ingigantire qualsiasi tipo di situazione. Tutte delle credenze veritiere,e ci metto la mia parola. Colgo l'occasione riguardante il periodo elezioni per raccontare un fatto che si è verificato di recente, dal quale sono stato colpito e in particolare coinvolto. Durante la pausa pranzo a scuola un mio compagno della classe di "marketing", nel mezzo una banalissima conversazione, mi chiede cosa pensassi circa le imminenti elezioni. Un po’ intimorito dal fatto che quello che avrei detto, sarebbe potuto risultare addirittura un insulto, ho espresso il mio parere neutrale. Dopo aver espresso la sua opinione, un altro ragazzo, quasi schifato, espone la sua opinione chiaramente completamente diversa; inutile dire che una semplice conversazione in un tavolo da pranzo si sia trasformata in una sorta di lite a tema politico, con tanto di parole pesanti, quasi fossero i diretti vice dei due candidate alla carica presidenziale.


LORENZO, DA BUFFALO, NELLO STATO DI NEW YORK

L'aria che si respira qui è davvero strana, le persone sono davvero molto prese da questa elezione, ovviamente perché i due candidati hanno idee completamente diverse, e lo Stato è letteralmente diviso in due.

A scuola mi capita spesso di parlare di politica con i miei compagni, e una cosa di cui mi sono accorto è che i ragazzi o ragazze della mia età tendono a preferire il candidato che piace alla propria famiglia. mi spiego meglio: se un ragazzo tende a simpatizzare per Trump, nel 99% dei casi è perche la sua famiglia è “trumpista”, stessa cosa vale per la Clinton. Questo può sembrare ovvio, ma vuol dire essenzialmente che i ragazzi della mia età non hanno una vera loro opinione, ma si limitano a difendere il partito preso dalla famiglia, quasi come se fosse una questione di orgoglio.

Io ovviamente non posso dire chi preferisco io, però' posso aggiungere che i professori sono molto disponibili a parlare di questo argomento (senza esprimere la loro opinione ovviamente), tanto che ogni giorno dopo il dibattito, ne proiettano una piccola parte in classe, durante l'ora di storia americana.

Un grande saluto degli Stati Uniti e che vinca il migliore :)


BEATRICE, DA LAGRANGE IN ILLINOISSono Beatrice e sto vivendo l'anno più bello della mia vita qui negli Stati Uniti. Ho trovato subito molto interessante la possibilità di raccontare a voi,che sicuramente vi sarete già fatti un'idea riguardo le elezioni, i pensieri e le opinioni degli americani in queste settimane vicinissime al giorno delle elezioni. Durante questi tre mesi la maggior parte delle persone con cui parlavo di questo argomento mi hanno fatto capire che vorrebbero non avere la facoltà di votare per quanto sia difficile prendere una decisione. Molte persone non sono d'accordo con le idee di entrambi i candidati e si trovano a dover votare chi considerano il "meno peggio".
Tutti si chiedono come possano essere loro due i migliori di tutto il Paese. Due giorni fa ero a casa di una mia amica e sua mamma,guardando alcune interviste,si è chiesta come sia possibile che nel 2016 questo sia il meglio che gli Stati Uniti possano avere. Sono estremamente convinta che questa frase possa riassumere il pensiero di molti americani. Indubbiamente i restanti elettori che votano perché realmente d'accordo con le idee dei candidati,negano tutti gli aspetti negativi che le pubblicità e le interviste sottolineano riguardo essi. In conclusione mi sono realmente resa conto che ogni Paese ha i suoi pregi e i suoi difetti e che in fondo noi italiani non siamo poi così male,rispetto ad altri Paesi, come a volte pensiamo di credere.

REBECCA, DA ONTARIO, NELLO STATO DI NEW YORK
Appena arrivata negli Stati Uniti, onestamente pensavo che a nessuno piacesse Trump, ciò per vari motivi: in primis perchè non ero abbastanza informata sull’argometo e sopratutto per quello che vedevo sui social, dove lo deridevano per quello che dice o per come appare. Inoltre nella mia host family sono grandi fan di Hillary, in particolar modo la sorella maggiore, ha perfino costruito un grande “H” e piantata in giardino. A scuola, però, la situazione si è ribaltata quando ho iniziato a chiedere ai miei compagni chi preferissero tra Donald Trump e Hillary Clinton, ed ero sorpresa quando la maggior parte rispose: Trump. Ne ho avuto la conferma quando qualche settimana fa, c’è stato un sondaggio sulle elezioni e i risultati erano: il 34% vorrebbe eleggere Hillary, il 9% “altro” e ben il 57% Trump.

Ad ogni modo, qui, la maggioranza continua a pensare che queste siano “the worst election ever”
ovvero le peggiori elezioni di sempre, soprattutto dopo tutte le informazioni che stanno venendo fuori e dopo i vari dibattiti che ci sono stati in TV tra i due. Quindi, si può dire che verrà scelto chi per loro è il meno peggio, e non l’effetivo favorito.

A.A.V.V.

Gli studenti dell'anno negli USA

  • Prossima Storia

    I danesi come le noci di cocco

    Quando intercultura mi ha comunicato di essere risultata vincitrice di un programma annuale in Danimarca ero felicissima perchè la Scandinavia era proprio la meta desiderata. Smaltita l’eccitazione delle prime settimane, ho cominciato...

    Ines

    Da Milano in Danimarca per un anno

  • Prossima Storia

    Un anno alla ricerca di me stessa

    A chi mi domanda qual è stato il fine di questa mia esperienza in Costa Rica, gli posso rispondere, senza esitazione, che lo scopo principale di questo anno è stato per me imparare a conoscermi e a conoscere il mondo, imparare...

    Nahed

    Da Reggio Emilia in Costa Rica per un anno

  • Prossima Storia

    Un'amicizia lunga dieci anni

    Questa storia inizia il 22 agosto 2007, in un hotel alla periferia di Roma, dove alcuni ragazzi si sono incontrati e scrutati, con un po’ di diffidenza, per la prima volta: erano in partenza per un anno di scambio in Honduras, al tempo...

    Virginia, Gloria, Ermanno, Martina, Elisabetta, Sara C., Iacopo, Sara F., Pietro, Gabriele e Cassandra

    Ex-borsisti Honduras 2007

  • Prossima Storia

    Mattia scopre la Thailandia

    Con un breve ma emozionante video, Mattia ci porta alla scoperta della Thailandia.

    Mattia

    Da Matera in Thailandia per un anno

Welcome to Intercultura (AFS Italy) website! Where do you want to go?
- If you want to know more about Intercultura, click here
- If you want to know more about studying in Italy with Intercultura, click here
- Sprechen Sie Deutsch? Hier Klicken
- If you want to visit the full website (Italian only), click here