Le mie prime tre settimane in Olanda

Asia

Da Pescia in Olanda per un anno

Ciao a tutti! Ormai sono quasi tre settimane che sono in questo piccolo paesino sperduto chiamato Zweeloo (nel Drenthe, al nord dell'Olanda) alla ricerca di un qualcosa che ho sempre desiderato e che piano piano mi sta dando sempre più grande soddisfazione.La mia famiglia ospitante è molto carina e gentile con me e così i nostri concittadini, ma non è semplice e questo va ammesso, gli alti e bassi sono tanti, i cambiamenti sono tanti e oltre ad avere una grande forza di volontà ci deve essere anche una certa autonomia.
L'inglese va a gonfie vele ed è stato indispensabile per questa prima parte di programma. In Olanda tutti parlano inglese e io lo vedo come un grandissimo aspetto positivo sia per la loro cultura che per la mia integrazione con essa, ma è un 'contro' per l'apprendimento della lingua olandese. In effetti mi risulta abbastanza difficile comprendere o addirittura esprimermi con essa, al momento... questa è la seconda settimana scolastica e le novità che ha portato sono tante, a partire dall'organizzazione della struttura alle persone che ho avuto la possibilità di conoscere.
La seconda settimana scolastica: tante novità, a partire dall'organizzazione della struttura alle persone che ho avuto la possibilità di conoscereLa mia scuola si chiama Carmel College e si trova ad Emmen. Con la scuola italiana? Neanche parente. Con questo ovviamente non intendo togliere nulla o aggiungere qualcosa a nessuna delle due parti, semplicemente principi e basi differenti... non giusti, non sbagliati. Il college è in stile americano con tutte le lezioni informatizzate tramite lavagna interattiva multimediale, ogni ragazzo dispone del proprio 'locker', ossia armadietto nel quale disporre le proprie cose e come mezzo di appoggio possiamo usufruire del nostro account sul sito della scuola, seguendo così gli orari delle nostre lezioni o i compiti da fare per casa.
I miei compagni di classe si sono subito dimostrati molto interessati nei miei confronti, interessati a conoscere le mie origini e scoprire fino a quale punto siano diverse le nostre abitudini. Mi invitano sempre a tutti i loro programmi extra-scolastici e inutile negare che sono proprio felice di questo primo approccio così positivo.

  • Bici a non finire!

Come dicevo, le abitudini sono seriamente differenti... l'Olanda è un paese avanti da tutti i punti di vista, un paese con vere e profonde origini e dalle quali non puoi sfuggire mai. Tralasciando il fatto che spesso e volentieri la nostra cena si svolge fra le 5 e le 6 del pomeriggio, tutto ciò che mangiano gli olandesi per colazione e pranzo è sempre e solo 'brood' con ogni possibile tipo di accompagnamento vario, a partire dal 'salami' arrivando agli 'hagelslag' con il burro. Gli olandesi si accontentano di poco per essere felici... da quando sono qua ho visto e conosciuto una miriade di posti e persone nuove, mi sono immersa nelle loro storie apparentemente così simili ma tanto differenti e ho iniziato a raccontare anche la mia... la mia storia, che arriva fino a qui con loro oggi (insieme a tutto il cibo italiano che gli ho inviato, per poter comprendere fino in fondo la ricchezza e le gioie che anche un paese come l'Italia può dare).
Da quando sono qua ho visto e conosciuto una miriade di posti e persone nuove, mi sono immersa nelle loro storie e ho iniziato a raccontare anche la mia Posso dire con fermezza che gli olandesi sono fieri e orgogliosi della loro cultura e la loro terra, a partire dal semplice ma non banale fatto che ogni olandese che si rispetti troverà sempre il modo di prendere la bicicletta almeno quattro o cinque volte al giorno. Che sia per fare la spesa, per portare fuori il cane, per andare dal dentista o anche solo per respirare un po' di aria fresca. Per loro non è un problema la pioggia o qualsiasi condizione meteorologica non favorevole, per loro tutto ciò viene prima... e si aspettano, a loro volta, che tu faccia lo stesso. Sono molto disponibili e aperti su tutto (pur sempre in maniera molto formale, credo di non aver visto abbracciarsi ancora nessuno da quando sono qui), ma come ti opponi o anche solo ti mostri titubante a ciò che per loro è così vitale, sei un fallito che non conta niente. Qui le strade principali per le macchine sono sempre affiancate da stradine parallele per le biciclette, la precedenza è per le biciclette, i semafori sono per le biciclette e credo di non aver mai visto parcheggi tanto grandi e a più piani per esse come alla stazione o all'università di Groningen.
Qui le strade sono affiancate da stradine parallele per le biciclette, la precedenza è per le biciclette, i semafori sono per le bicicletteDa quando sono qui, ho visto una miriade di campi infiniti con tanto di 'paarden' (cavalli) ovunque... l'Olanda è campagna, l'Olanda è bicicletta, l'Olanda sono le case grandi con vetri enormi che ti permettono di vedere tutto ciò che accade all'interno, l'Olanda è lavoro per tutti (adulti e adolescenti, perché da 15 anni in su qui è normale... ricchi e poveri, non si fa sconti), l'Olanda è cultura.
Le cose che mi aspettavo da questa esperienza mi sembravano troppe in partenza, ma inspiegabilmente ne sto scoprendo più del triplo... ogni giorno è un'avventura, ogni giorno è una parola nuova, un sorriso, una frase che ti fa spuntare un sorriso cercando di reprimere il più possibile quella mancanza che hai dei tuoi familiari, dei tuoi amici o del cibo in Italia. Questa è un'esperienza incredibile dalla quale sto imparando che nella vita devi provare, tentare, chiedere e interessarti ad ogni cosa... perché soltanto chi osa spingersi un po' più in là scopre quanto può andare lontano. Accumulare bei ricordi non è forse la cosa migliore che possiamo fare nella vita?

Asia

Da Pescia in Olanda per un anno

  • Prossima Storia

    Michele in Repubblica Ceca

    Michele ci fa un breve riassunto di cosa può significare un anno in Repubblica Ceca e delle tante opportunità che offre.

    Michele

    Da Terralba in Repubblica Ceca per un anno

  • Prossima Storia

    Un'esperienza molto utile per il mio lavoro

    Fra i molti nomi trentini nella lista degli ex borsisti di Intercultura, c‘è anche quello della giornalista trentina Maria Concetta Mattei, partita alla volta degli Stati Uniti per il quarto anno di scuola superiore. Mattei, quali...

    Maria Concetta Mattei

    Giornalista televisiva, con Intercultura nel 1974/75

  • Prossima Storia

    La bellezza della vita

    La scuola come organizzazione è molto simile a quella Italiana, ma è molto meglio in termini di eventi, feste e sport! Sta più vicino agli studenti e ci dà molto attività da svolgere. La prossima settimana...

    Edoardo

    Da Parma in Bolivia per un anno

  • Prossima Storia

    L'entusiasmo dei miei compagni malesi

    Vi do un consiglio. Se state pensando di trascorrere un anno all'estero in una scuola in Malesia e siete europei, dovrete prepararvi ad un'accoglienza più che entusiasta. Cosa intendo con "entusiasta"? Lasciate che ve lo spieghi. Il...

    Matilda

    Da Treviglio in Malesia per un anno

Welcome to Intercultura (AFS Italy) website! Where do you want to go?
- If you want to know more about Intercultura, click here
- If you want to know more about studying in Italy with Intercultura, click here
- Sprechen Sie Deutsch? Hier Klicken
- If you want to visit the full website (Italian only), click here