Nel Paese dalle molte facce, la religione è un collante

Matteo

Da Roma in Sudafrica per un anno

Molweni! Goie môre! Hello everybody! Dovrei continuare fino a stasera se volessi salutarvi in tutte le lingue del Sudafrica, tante che sono.Ho avuto la fortuna di essere stato scelto per partire e vivere un anno nella bellissima Città del Capo, vibrante porto dalla storia meravigliosa, in mezzo a due oceani, dove per centinaia di anni persone di tutte le etnie (anche italiani) hanno formato una popolazione variegata e unica nel suo genere. E qui la gente è veramente di tutti i colori... in tutti i sensi!
Io sono stato molto a contatto con un'etnia in particolare, i cosiddetti "coloureds", persone dalla pelle olivastra, ma che può avere sfumature di ogni tipo.
Sapete, anche la struttura urbana di Città del Capo è molto varia. Si può trovare di tutto, dalle case turistiche super moderne di fronte all'oceano, alle township, intere distese di baracche di lamiera, da ampie zone residenziali a gruppi di case isolati.
Sono capitato a Città del Capo, vibrante porto dalla storia meravigliosa, in mezzo a due oceani.Perciò da quanto ho detto fino ad adesso avete capito che qui si possono trovare persone bianche, nere, mulatte, asiatiche, ricche, povere, fortunate o meno fortunate... Ma io in questi mesi ho trovato qualcosa che le accomuna tutte quante, qualcosa che le unisce molto più di quanto lo farebbe l'essere parte di una nazione: la loro vera fede. La religione cristiana (e non) in questo paese è un vero pilastro. Il modo in cui pregano spontaneamente è commovente, le loro espressioni facciali sono contratte, mentre mostrano gratitudine a dio per qualunque cosa positiva abbiano in questa vita, e il modo in cui qualche volta urlano la loro disperazione fuori da se stessi fa scendere qualche lacrima dai nostri occhi talvolta miscredenti.

E molte volte la religione aiuta di più che semplicemente per la parte spirituale! Il mio padre ospitante è un pastore della chiesa evangelica, e il suo modo di predicare è energico e penetrante anche a sessant'anni compiuti. Tutta la famiglia ama la musica e suona più di uno strumento. Hanno messo le cose insieme e organizzato un concerto di beneficienza in una zona "ghetto" povera e assalita dalla criminalità, in cui vive la sorella del mio padre ospitante. Siamo saliti su un palchetto della chiesa, io con il mio sax, e abbiamo fatto passare una bella serata alla congregazione. E come ballavano! Così, spontaneamente, senza preoccuparsi di cosa gli altri pensano, è una cosa naturale... veramente stupendo.
Questo della religione è solo un aspetto della variegata e multicolore cultura sudafricana, che è affascinante e tutta da scoprire.

Leggi anche "La musica ci unisce" - l'altra storia di Matteo.

Matteo

Da Roma in Sudafrica per un anno

  • Prossima Storia

    L’esperienza che mi ha cambiato la vita

    Intercultura è una sfida, un percorso educativo, un'esperienza che contribuisce alla crescita. E soprattutto è una storia che dura tutta la vita. Ma quali sono i benefici sul breve, medio, lungo termine sul percorso accademico,...

    Intercultura

    in occasione della presentazione dell'Osservatorio nazionale sull'internazionalizzazione delle scuole e la mobilità studentesca

  • Prossima Storia

    L'aria che si respira in Colombia

    Ciao a tutti,sono Miriana e scrivo dalla Colombia, più precisamente da una città chiamata Popayan. Quando mi sono lanciata in questa avventura ero sicura che sarebbe stato qualcosa di molto diverso, ma forse non pensavo fino a...

    Miriana

    da Civitavecchia in Colombia per un anno

  • Prossima Storia

    Il dovere di dare un contributo

    Luca Barilla, studente con Intercultura quarant'anni fa, oggi importante sponsor di borse di studio per figli di dipendenti del Gruppo Barilla. "Trascorrere un anno all’estero da adolescente mi ha cambiato la vita in un modo determinante...

    Luca Barilla

    Vice Presidente Barilla SpA, con Intercultura nel 1976/77

  • Prossima Storia

    Ora appartengo a due mondi

    Il 22 Agosto sono partita per l'Ecuador, un Paese di cui non sapevo praticamente nulla e di cui mi sono innamorata. Eravamo in 21 italiani e sul volo verso Quito e nessuno era in grado di tacere la propria emozione. Stavamo iniziando un nuovo...

    Giulia

    Da Asti in Ecuador per un anno

Welcome to Intercultura (AFS Italy) website! Where do you want to go?
- If you want to know more about Intercultura, click here
- If you want to know more about studying in Italy with Intercultura, click here
- Sprechen Sie Deutsch? Hier Klicken
- If you want to visit the full website (Italian only), click here