Paese di confine, Paese senza confini

Livia

Volontaria del centro locale di Viterbo

Acquapendente è un paese del viterbese di circa 5500 abitanti ed è l’ultimo comune del Lazio, al confine con Umbria e Toscana.

Una realtà piccola, si direbbe, ma da sempre importante luogo d’incontro. Ultimamente, la popolazione vive un arricchimento sempre crescente: si colora di volti nuovi, culture lontane e sorrisi più belli - e questo lo si deve ad Intercultura.
La popolazione si colora di volti nuovi, culture lontane e sorrisi più belli - e questo lo si deve ad InterculturaQuest’anno sei giovani studenti provenienti da tutto il mondo sono stati ospitati dal nostro Centro, gran parte dei quali sono iscritti nella scuola locale, l’Istituto Superiore “Leonardo Da Vinci”. Inoltre, in occasione della settimana di scambio, sono arrivati ad Acquapendente altri sei studenti Intercultura originari di Germania, Turchia, Olanda, Cina, Costarica e Thailandia, ospitati in vari Centri d’Italia. Sono stati accolti in famiglie del posto e hanno visitato i luoghi più belli della zona. Nonostante le ridotte dimensioni, il paese e l’istituto scolastico dimostrano sempre grande accoglienza con i nuovi arrivati, introducendoli in un ambiente familiare e favorendone l’integrazione.

Ogni ragazzo straniero ha ormai un proprio ruolo a scuola e nella vita del paese: c’è chi pratica sport con gli amici, chi recita nelle compagnie teatrali locali, chi ha preso parte al Carnevale.
Ogni ragazzo straniero ha ormai un proprio ruolo a scuola e nella vita del paeseUn ruolo fondamentale nell’inserimento lo ha il “Da Vinci” di Acquapendente, che mai come quest’anno ha visto le aule arricchirsi di studenti di tutto il mondo. La dirigente, i professori e gli alunni danno prova dello spirito di accoglienza e dell’interesse che li anima nei confronti dei nuovi arrivati e che rappresenta un grande punto di forza della scuola stessa. Come volontaria ed ex partecipante ad un programma in Argentina, conosco l’importanza di un’accoglienza calorosa, di sentirsi parte integrante di un nuovo mondo e la scuola può dare un grande contributo affinché ciò si realizzi. In questo si impegna l’istituto “L. Da Vinci”, una realtà in crescita che amplia i propri confini anno dopo anno e che riconosce il valore dell’interculturalità.

Livia

Volontaria del centro locale di Viterbo

  • Prossima Storia

    Il Mondo … in gesti!

    Il linguaggio non verbale è universale? Che cosa succede quando comunicano persone di culture diverse?Lo abbiamo chiesto agli studenti di Intercultura."Quando salutai per la prima volta la mia famiglia ospitante giapponese – racconta...

    I ragazzi stranieri

    ospitati in Italia per un anno

  • Prossima Storia

    Ho scelto la melodia dell'Italia

    Quando avevo 16 anni, spinto da mio padre che nel 1966 fece un anno con Intercultura negli Stati Uniti, decisi di presentare anch’io la domanda per fare un anno da studente con Intercultura. Le cose tanto belle che raccontava mio padre...

    Miguel

    Pianista brasiliano, ex partecipante al programma di ospitalità a Taranto

  • Prossima Storia

    Il mondo entra in casa nostra

    Maura

    Mamma ospitante di Priscilla, dal Ghana a Salerno per un anno

  • Prossima Storia

    Insegnanti per un giorno

    Ieri Esteban dal Messico, Bora dagli Stati Uniti, Sinem dalla Turchia e Massimo, tarantino che ha partecipato ad un programma annuale in Svezia, hanno raccontato, grazie alla professoressa Enza Messina, le loro esperienze di studio e formazione...

    Marilisa

    Volontaria del centro locale di Taranto

Welcome to Intercultura (AFS Italy) website! Where do you want to go?
- If you want to know more about Intercultura, click here
- If you want to know more about studying in Italy with Intercultura, click here
- Sprechen Sie Deutsch? Hier Klicken
- If you want to visit the full website (Italian only), click here