Terra chiama spazio

Samantha Cristoforetti

Astronauta dell'ESA e con Intercultura nel 1994/95

L’astronauta Samantha Cristoforetti (ed ex studente di Intercultura) “chiama” i 100 giovanissimi studenti stranieri di tutto il mondo appena giunti in Italia con un programma semestrale della Onlus.
Cos’hanno in comune l’astronauta italiana Samantha Cristoforetti e il centinaio di giovani studenti stranieri dei 5 continenti che si sono dati appuntamento a Frascati sabato 31 gennaio? Il filo che li unisce è l’adesione a un programma scolastico vissuto a 17 anni in un Paese straniero grazie ai programmi della onlus Intercultura.
Samantha ha risposto alle domande che gli studenti, arrivati dai 4 angoli del mondo (Argentina, Austria, Brasile, Canada, Cile, Colombia, Costarica, Finlandia, Germania, Giappone, Malesia, Messico, Nuova Zelanda, Paraguay, Romania, Russia, Svizzera, USA), le hanno posto tra le 9.38 alle 9.55 circa grazie all’Agenzia Spaziale Italiana che ha permesso questo collegamento radioamatoriale in collaborazione con i radioamatori dell’ARISS e l’ESA, Agenzia Spaziale Europea. Una rappresentanza di questi adolescenti le hanno posto alcune domande sia sulla sua missione sia sulle competenze che anche lei ha sviluppato da liceale e che la hanno aiutata nel suo percorso professionale. Sono quelle stesse competenze che interiorizzeranno questi ragazzi nel corso dei 6 mesi di permanenza in Italia, come imparare a convivere con persone di un’altra cultura, gestire l’ansia, comprendere al volo le informazioni, pur non conoscendole, sviluppare una forte capacità di adattamento e così via.

Quell’anno negli Stati Uniti mi ha regalato esperienze che non avrei altrimenti potuto fare in età scolare e che mi hanno aiutato in maniera significativa a costruirmi il mio bagaglio di strumenti con cui affrontare la vita adulta
LE DOMANDE DEI RAGAZZI LE RISPOSTE DI SAMANTHA:
1.Qual è la cosa più importante che hai imparato durante il tuo anno all'estero e che ti aiuta ora nello spazio? (domanda di Valentina, studentessa austriaca che trascorrerà un semestre in una scuola e una famiglia di Cerignola)

La versatilità, sapere che non devi rimanere attaccato alle piccole abitudini di casa del tuo Paese della tua cultura. E’ facile abituarsi a fare le cose anche in modo diverso.


2.Avevi più paura a 17 anni quando hai affrontato un Paese ignoto con Intercultura o ora a essere nello spazio? (domanda di Calina, studentessa tedesca, che trascorrerà un semestre in una scuola e una famiglia di Foligno)

Non tanto paura. A 17 anni come ora a 37 sto facendo delle esperienze che ho desiderato tantissimo, mossa da curiosità e dallo spirito di avventura. Certo a 17 anni come ora voi ero meno preparata, ma lo spirito di avventura ha prevalso e mi ha aiutato a vivere una bellissima esperienza. Ora sono più addestrata, ma è sempre una grande avventura.


3. Che messaggio vuoi dare a noi adolescenti per costruire al meglio il nostro futuro? (domanda di Maria Laura, studentessa del Costarica, che trascorrerà un semestre in una scuola e una famiglia di Guspini, in Sardegna.)

Iniziando alla grande, con la consapevolezza che questa esperienza ti cambierà la vita, in un modo che ancora voi non potete immaginare. Un consiglio che amo dare è di non scegliere la strada più scontata, ma di scegliere con tenacia quelle esperienze formative che vi permetteranno di “farvi le ossa”. Certo, momenti di difficoltà ci saranno, ma affrontateli con un sorriso, mettendovi in gioco.


4. Circa la metà dell'ambiente abitabile della Stazione Spaziale Internazionale è stata costruita in Italia, tra cui la bellissima Cupola da cui si può osservare la Terra. Cosa hai trovato di tipicamente italiano nella ISS? (domanda di Carla, studentessa del Messico, che sta trascorrendo un intero anno scolastico in una scuola e una famiglia di Roma.)

Effettivamente l’Italia è leader nella produzione di moduli pressurizzati,cilindri che servono a creare l’ambiente e l’aria in cui noi lavoriamo e respiriamo. Si respira “made in Italy”.


5. Tu, italiana, lavori con persone di nazionalità diverse: ci sono state delle incomprensioni interculturali? Come le avete risolte? (domanda di Augustin, studente dell’Argentina che trascorrerà un semestre in una scuola e una famiglia di Gorizia.)

Sì, viviamo in un ambiente molto interculturale, dove domina una cultura globale. Come ho detto prima siamo stati addestrati a superare le nostre piccole abitudini, a non considerarle importanti. In questo modo si limitano anche i presupposti perche si creino dei conflitti culturali.


6. Inizia oggi il nostro semestre in Italia: un tuo consiglio perché questa esperienza dia al meglio i suoi frutti? (domanda di Saara, studentessa dalla Finlandia, che trascorrerà un semestre in una scuola e una famiglia di Biella.)

Cercate di mantenere sempre vivo lo spirito mentale di avventura. A un certo punto sappiate che arriverà il cosiddetto choc interculturale: di fronte a delle difficoltà, sarete portati a pensare che nel vostro Paese tutto è più bello. L’importante è che sappiate riconoscere questa cosa e che non assecondiate questo stato mentale negativo. Più che mai in questo momento pensate alle cose che vi mettono allegria e vi renderete conto che è facilissimo abituarsi a fare le cose in modo diverso.

Leggi anche l'intervista di Samantha al Messaggero del 1 febbraio 2015
UNA CARRIERA INTERNAZIONALE INIZIATA A 17 CON INTERCULTURA

Samantha Cristoforetti, in quarta liceo, partì alla volta degli Stati Uniti. Un’esperienza che ha segnato il suo percorso internazionale

“Ormai quasi 20 anni fa ho partecipato ad un programma di scambio annuale di Intercultura, non soltanto ho vissuto per un anno in una cultura diversa ma per la prima volta ho avuto l’opportunità di incontrare ragazzi e ragazze da tutto il mondo, i miei orizzonti si sono ampliati in modi che non avrei mai potuto immaginare.

Durante il terzo anno del liceo, consolidata l’intenzione di frequentare la quarta classe all’estero, fu per me naturale scegliere gli Stati Uniti, paese che rappresentava un centro di gravità di molti miei interessi e passioni, dal programma spaziale alla fantascienza, dalla lingua inglese al mito di una società dinamica e tecnologicamente all’avanguardia. Frequentare un anno di High School a St. Paul, nel Minnesota, è stata un’avventura ricca di emozioni forti, di scoperte e di crescita, anche attraverso le difficoltà e qualche delusione. Quell’anno negli Stati Uniti mi ha regalato esperienze che non avrei altrimenti potuto fare in età scolare e che mi hanno aiutato in maniera significativa a costruirmi il mio bagaglio di strumenti con cui affrontare la vita adulta.

Ho avuto la possibilità di integrarmi in squadre sportive all’interno della scuola e di partecipare a diverse attività a carattere sociale, ho potuto frequentare come parte del curriculum scolastico un corso di “public speech”, ho partecipato a competizioni di discussione e dibattito, ho preso parte a programmi di leadership multiculturale, ho imparato che nulla del proprio background e della propria esperienza è universale. Ho potuto persino partecipare al programma ‘Space Camp”di Huntsville, Alabama, dove per una settimana mi sono avvicinata, tramite corsi e simulazioni, al mio grande sogno di diventare un giorno un’astronauta”

Dialogando con i ragazzi, vent’anni dopo, l’astronauta dell’ESA ha vissuto, a 400 km di distanza dalla Terra, quelle emozioni che la hanno accompagnata nel suo anno all’estero. Per la seconda volta, dopo il collegamento con Luca Parmitano, anche lui ex studente di Intercultura, la stazione ISS, con @astrosamantha ha ricevuto veramente un saluto dalla Terra in tutte le lingue del mondo. Dallo spazio arriverà a sua volta l’augurio che, pur nelle molte diversità, gli uomini sappiano ricordare la loro comune appartenenza allo stesso pianeta e se ne sentano cittadini.

Samantha Cristoforetti

Astronauta dell'ESA e con Intercultura nel 1994/95

  • Prossima Storia

    Parola di papà

    Buongiorno, sono Francesco, papà di due ragazzi che hanno usufruito di esperienze all’estero con Intercultura. Fabio, che è stato in Thailandia, e Marco, che è partito lo scorso agosto per la Cina e rientrerà...

    Francesco

    Papà inviante da Pescara

  • Prossima Storia

    Lo scopo del viaggiare

    Lo scopo del viaggiatore è conoscere se stesso. Conoscersi, conoscendo altre culture, guardando con occhi nuovi le cose più semplici e banali (la pioggia che cade, i sorrisi spontanei). Sono inevitabilmente le cose più semplici...

    Francesco

    Da Sanremo in Costa Rica per un anno

  • Prossima Storia

    Un viaggio per cercare se stessi

    Sono Vittorio e sono in Danimarca da esattamente 100 giorni.Non mi sembra neanche vero, ricordo come fosse ieri la mia partenza le mie preoccupazioni, la mia ansia e la mia gioia. Prima di partire non sapevo quasi niente di questo magnifico,...

    Vittorio

    Da Parma in Danimarca per un anno

  • Prossima Storia

    Il mio primo giorno di scuola in Australia

    Il mio primo giorno di scuola in Australia è stato indimenticabile.Il giorno precedente avevo fatto un rapido giro dell'edificio con gli altri studenti stranieri, o forse sarebbe più corretto dire "degli edifici", dato che la scuola...

    Beatrice

    Da Asti in Australia per due mesi

Welcome to Intercultura (AFS Italy) website! Where do you want to go?
- If you want to know more about Intercultura, click here
- If you want to know more about studying in Italy with Intercultura, click here
- Sprechen Sie Deutsch? Hier Klicken
- If you want to visit the full website (Italian only), click here