Travel and the world will become your home

Riccardo

Da Perugia negli Stati Uniti per un anno

La mia scelta di concorrere per un’esperienza annuale negli Stati Uniti è stata pressoché istintiva.

Sono partito senza alcuna idea di quello che avrei trovato, proprio perché gli Stati Uniti sono veramente grandi, e non è sempre facile stilare un profilo generale che riassuma tutte le culture e le etnie che vi si trovano; ed è così che, in una piccola valle del New Jersey, tutto è iniziato.

Nel primo periodo l’impatto è stato sicuramente molto forte. Nuova scuola, nuova casa, nuova vita. Ed è proprio qui, con i primi ostacoli, che ho perso le comodità e le sicurezze che avevo avuto finora.
Nuova scuola, nuova casa, nuova vitaEppure, dopo aver conosciuto i primi amici e stretto un rapporto profondo con la mia (magnifica) famiglia ospitante, ho cominciato a sentirmi come un vero e proprio americano. Iniziando da zero una nuova vita, ho potuto “rimodellarmi” come volevo: il mio stile di vita, le mie passioni, le mie attitudini,… Tutto è cambiato.

Gli USA mi hanno insegnato a lottare sempre per raggiungere i miei obiettivi, piccoli o grandi che siano. Ogni ambizione che avevo all’inizio dell’esperienza mi sembrava irraggiungibile, ma sono bastati 10 mesi per conquistarle tutte. Ho imparato una lingua che inizialmente capivo a stento, conosciuto persone che non avrei mai pensato di incontrare, trovato un’altra famiglia sempre pronta ad accogliermi e ad amarmi, scoperto luoghi mozzafiato, visitato città incredibili...
Gli USA mi hanno insegnato a lottare sempre per raggiungere i miei obiettivi, piccoli o grandi che siano
Non posso negare che ci sono stati anche tanti momenti difficili. Devo dire, però, che proprio grazie ad essi mi sono formato. Al mio ritorno, mi sono subito sentito più responsabile e ambizioso di prima.

Ad oggi, ritengo il mio anno all’estero l’esperienza più formativa della mia vita.

Riccardo

Da Perugia negli Stati Uniti per un anno

  • Prossima Storia

    Considerazioni di un’italiana in Svezia

    Il Paese del logom, del "perfetto" soggettivo e personale. Della "fika" (pausa caffè) che è un vero e proprio rituale. Dei kräftor mangiati in quantità industriali neanche fossero patatine. Il Paese delle metropolitane...

    Giulia

    Da Chieti in Svezia per un anno

  • Prossima Storia

    Così, a volte

    Così, a volte, la vita ti fa dei regali. Così, a volte, la vita ti fa dei regali. E quando Ilaria, un giorno, a 16 anni torna a casa da un "faticoso" liceo linguistico di Genova dicendo: "Sai, oggi sono venuti alcuni volontari...

    Monica e Federico

    Genitori di Ilaria, da Genova in Nuova Zelanda per due mesi

  • Prossima Storia

    Una cultura che si basa sulla condivisione

    Argentina è passare da una zona arida in cui non c'è niente per migliaia di chilometri alla vivacità di Buenos Aires, dalle cascate più spettacolari in un clima tropicale ad un clima glaciale dove ti si congela pure...

    Rebecca

    Da Rivoli in Argentina per un anno

  • Prossima Storia

    Telegramma dal Messico

    La mia esperienza all'estero è così: Dormire tanto perché uno studente in programma di scambio è stanco per definizione; Mangiare tanto perché non ho ancora capito quanti pasti i messicani facciano, ma...

    Luigi

    Da Parma in Messico per un anno

Welcome to Intercultura (AFS Italy) website! Where do you want to go?
- If you want to know more about Intercultura, click here
- If you want to know more about studying in Italy with Intercultura, click here
- Sprechen Sie Deutsch? Hier Klicken
- If you want to visit the full website (Italian only), click here