Tre mesi con Anna in assenza di Marco

Monica

Mamma ospitante di Anna, dalla Russia a Jesi per tre mesi

Settembre. Abbiamo accompagnato Marco a Roma e lo abbiamo lasciato nelle mani dei volontari dell'Associazione... un abbraccione veloce perché le lacrime sono in agguato e nessuno di noi ha voglia di lasciarsele scappare, un ultimo bacio e via di corsa prima che la commozione abbia la meglio!Dopotutto, la Danimarca è dietro l'angolo e poi… tre mesi passano presto! È questa la frase magica che ci ripetiamo in continuazione mio marito ed io. Io sono fiduciosa, conosco Marco e so che è pronto ad affrontare questa prova, spero solo che trovi una famiglia affettuosa. Naturalmente, una volta a casa (per fortuna ci hanno detto il numero del volo) seguo su Internet il susseguirsi dei messaggi del sito FlightAware che mi tiene aggiornata sullo stato del viaggio e sto tranquilla anche se un temporale ha prodotto un bel po' di caos a Fiumicino.
Nella cameretta di Marco abbiamo liberato l'armadio e due cassetti, rigirato qualche mobile, tolto un po' di souvenir e foto e acquistato un copriletto a fiorellini rosa perché Anna, al suo arrivo dalla Russia, trovi un ambiente confortevole e più femminile.
Nella cameretta di Marco abbiamo liberato l'armadio e due cassetti, tolto un po' di souvenir e foto e acquistato un copriletto a fiorellini rosa perché Anna, al suo arrivo dalla Russia, trovi un ambiente confortevole e più femminile

Non abbiamo avuto il tempo di metabolizzare la partenza di Marco che siamo, di nuovo, a consultare il sito che ci aggiorna sui ritardi dei voli, in attesa di Anna. Curiosità, una sorta di istinto protettivo e tanta ansia si mescolano dentro di noi nei confronti di questa ragazza di cui, nei mesi antecedenti l'arrivo, abbiamo appreso poco o niente: gli Urali sono a più di 4500 km da Jesi e, come abbiamo avuto modo di imparare, non ci separa solo una ingente distanza fisica ma anche abitudini e costumi molto differenti.
All'inizio entrambi i ragazzi hanno incontrato difficoltà non solo nella comprensione della nuova lingua, ma c'è stato anche una sorta di sconcerto dovuto all'essere in un posto nuovo e uno spiccato senso di solitudine per essere con persone sconosciute e magari in situazioni così difformi dalla propria quotidianità. Mi sono trovata a ripetere le stesse parole di conforto in un inglese stentato a una o in dialetto all'altro.
Poi, piano piano, ho iniziato a rallegrarmi per i loro progressi nella lingua, a tranquillizzarmi nel vedere sbocciare amicizie sincere con i loro nuovi amici e a rilassarmi vedendo che iniziavano a capire e ad orientarsi nella loro nuova vita.
Poi, piano piano, ho iniziato a rallegrarmi per i loro progressi nella lingua e a rilassarmi vedendo che iniziavano a capire e ad orientarsi nella loro nuova vitaE il mantra che avevamo usato per esorcizzare paure e incomprensioni, quando ci mancava Marco o quando Anna faceva qualcosa che non ci andava a genio, si è rivelato esatto: i tre mesi si sono volatilizzati, tra scherzi e risate, tra pomeriggi di chiacchiere e confidenze intorno al tavolo, tra un borscht russo e un piatto di pasta quaggiù, con Anna conquistata dal gelato di Ciro e Pio, e tra una pizza e le frikadelle danesi lassù, mentre Marco si innamorava dei dolci di Pia.
La diffidenza e il riserbo iniziali sono stati sostituiti man mano dall'affetto e dalla stima e tutti noi ci siamo ritrovati sempre più divisi tra la felicità di riabbracciare la famiglia e la sofferenza acuta per la separazione da chi ci è diventato, progressivamente, sempre più caro.
Con Intercultura abbiamo imparato a guardare l'altro, sia quello che arriva o vive lontano e che abbiamo imparato ad amare ma anche quello che ci è vicino, con occhi nuovi. Né meglio, né peggio, solo diverso… vale in tutte le occasioni!

Monica

Mamma ospitante di Anna, dalla Russia a Jesi per tre mesi

  • Prossima Storia

    Il Mondo … in gesti!

    Il linguaggio non verbale è universale? Che cosa succede quando comunicano persone di culture diverse?Lo abbiamo chiesto agli studenti di Intercultura."Quando salutai per la prima volta la mia famiglia ospitante giapponese – racconta...

    I ragazzi stranieri

    ospitati in Italia per un anno

  • Prossima Storia

    Sorelle

    In un martedì sera come tanti altri sono seduta sul mio divano, accanto a me ho le mie sorelle, una, quella tedesca che stiamo ospitando quest'anno e che è nel pieno della sua avventura interculturale, e l'altra, quella dominicana,...

    Camilla

    Un anno in Repubblica Dominicana e sorella ospitante a Brescia

  • Prossima Storia

    La magia della neve

    La cosa che mi è piaciuta di più di questo anno meraviglioso in Italia è sicuramente la neve. Anche se ho visitato delle famose e grande città italiane, niente poteva essere più bello di questo piccolo paese...

    Amanda

    Dal Brasile a Savona per un anno

  • Prossima Storia

    Ho scelto la melodia dell'Italia

    Quando avevo 16 anni, spinto da mio padre che nel 1966 fece un anno con Intercultura negli Stati Uniti, decisi di presentare anch’io la domanda per fare un anno da studente con Intercultura. Le cose tanto belle che raccontava mio padre...

    Miguel

    Pianista brasiliano, ex partecipante al programma di ospitalità a Taranto

Welcome to Intercultura (AFS Italy) website! Where do you want to go?
- If you want to know more about Intercultura, click here
- If you want to know more about studying in Italy with Intercultura, click here
- Sprechen Sie Deutsch? Hier Klicken
- If you want to visit the full website (Italian only), click here