Tre mesi in Ecuador

Lisa

Da Montebelluna in Ecuador per un anno

Ormai sono tre mesi che sono dall’altra parte del mondo, a cinque minuti dalla linea dell'equatore, e già ho difficoltà a scrivere in italiano.
Quest’estate non sapevo quasi nulla sull’ Ecuador, non ne parlavano mai in tv e non era per niente “famoso”. L’unico momento in cui era arrivato il suo nome in Italia fu pochi giorni prima della mia partenza, attorno al 15 agosto; la notizia era “si risveglia il vulcano Cotopaxi in Ecuador, dopo cent’anni di inattività”!

Ovviamente tutti super preoccupati ma comunque siamo partiti, dopo quattordici lunghe ore di aereo e siamo arrivati, stanchissimi ma con un adrenalina che ci avrebbe tenuti svegli per una settimana.

Durante il tragitto verso il campo per incontrare tutti gli altri ragazzi del programma di scambio guardavo fuori dal finestrino e ogni dieci metri vedevo persone che sulla strada stavano cucinando qualcosa di non identificabile. Pensavo a quello che mi dicevano in Italia: “stai attenta al cibo di strada, noi non ci siamo abituati quindi è facile ammalarsi, meglio non mangiarlo”; e mi ripromettevo di stare attenta e cercare di evitare i “posti” come quelli.

  • galleria d'arte
  • Lisa a monumento nazionale
  • Lisa a monumento
  • gruppo
  • ONU

L'anno di Lisa in Ecuador, tra arte e cultura

Il primo campo è stato uno dei momenti più belli di questa esperienza, ma anche il più difficile e stancante per me, accompagnato anche da un po’ di preoccupazione, dato che ero l’unica italiana!

Mi venne a prendere un ragazzo, mi portò a casa sua cercando di spiegarmi un po’ come era la sua famiglia, capii solo che aveva due sorelle e che in qualche maniera la pallavolo centrava qualcosa.
Ormai sono tre mesi che sono con loro, che mi chiamanomijita (figlia mia) e che mi trattano veramente come una della famiglia

Arrivai in questa specie di casa, lì incontrai una vecchia signora con due lunghe trecce che pelava patate e una signora che mi fece sedere e mi diede un mandarino. In quel momento non so bene cosa mi passava per la testa, cercavo di farmi forza da sola ma non era facile... tutto il pomeriggio lo passai seduta in questa stanza che avrebbe dovuto essere una cucina, osservando e cercando di capire dove ero finita. I primi due giorni furono cosi, in questa cucina, che aveva una finestra che dava su dei campi da pallavolo (per meglio dire ecuavolley) con i clienti che venivano a parlarmi stupiti di vedere una ragazza bianca, con i capelli castani e cosi alta. Vi dico la verità, nella prima settimana ho pensato più di una volta di voler cambiare famiglia. Passate tre settimane i miei pensieri erano cambiati, mi ero abituata a quella routine, a quelle persone, mi ero già affezionata.

Ormai sono tre mesi che sono con loro, che mi chiamano mijita (figlia mia) e che mi trattano veramente come una della famiglia. Pensandoci mi stupisco di come in tre mesi queste persone sono diventate importanti per me, e come questo Paese in realtà si stia rivelando ricco di persone e un cultura fantastiche. In questi tre mesi sono cresciuta tanto, tra lacrime e sorrisi; solo al pensare che un giorno dovrò lasciare tutto questo mi si stringe il cuore!

Lisa

Da Montebelluna in Ecuador per un anno

  • Prossima Storia

    Parola di papà

    Buongiorno, sono Francesco, papà di due ragazzi che hanno usufruito di esperienze all’estero con Intercultura. Fabio, che è stato in Thailandia, e Marco, che è partito lo scorso agosto per la Cina e rientrerà...

    Francesco

    PapĂ  inviante da Pescara

  • Prossima Storia

    Un anno all'estero non è...

    Un anno all’estero non è solamente essere in grado di parlare una nuova lingua, ma imparare ad apprezzare la propria. Non è solamente conoscere la cultura di un altro Paese, ma far conoscere la tua, a testa alta. Non è...

    Valentina

    Da Adria in Honduras per un anno

  • Prossima Storia

    Stanca ma felice

    Sveglia alle 5:20 per non rischiare di arrivare in ritardo. Lo zaino e il pranzo al sacco sono già pronti dalla sera prima e alle 6:00 siamo già in viaggio. Arrivo a scuola alle 6:20, è ancora buio. Mi aspetto di entrare...

    Alessandra

    Da Monza negli USA per un anno

  • Prossima Storia

    I miei primi, intensi giorni all'estero

    Decidi di scrivere nel momento in cui vuoi ricordare ogni minimo dettaglio di un anno che probabilmente ti segnerà. Sono Rosaria e ho 17 anni, ho deciso di partecipare al concorso di Intercultura per dare una svolta alla mia vita, un...

    Rosaria

    Da Crotone in Repubblica Dominicana per un anno

Welcome to Intercultura (AFS Italy) website! Where do you want to go?
- If you want to know more about Intercultura, click here
- If you want to know more about studying in Italy with Intercultura, click here
- Sprechen Sie Deutsch? Hier Klicken
- If you want to visit the full website (Italian only), click here