Un Paese rispettoso dell’ambiente

Sonia

Da Rivoli in Svizzera per un anno

Qui in Svizzera mi sto trovando molto bene. La mia famiglia è stupenda: sono sempre molto gentili!Ho una sorellina di cinque anni e una madre e un padre molto giovani: 35 e 33 anni. La mia sorellina, in particolare, è molto tenera. Frequenta l'asilo e, una sera, la mamma è venuta a sapere che a scuola diceva di avere una sorella più grande. È stata una cosa bellissima perché vuol dire che mi vuole bene e mi vede come parte della famiglia. Amano fare sport e stare all'aria aperta quindi sono già stata in montagna, dove il paesaggio è spettacolare!
Uno dei principali lavori svolti in questo Paese penso sia la cura dell'ambiente: ovunque si vada ci sono diversi cestini, ognuno destinato alla raccolta di una specifica cosa. Inoltre, tutte le settimane, un signore passa per il paese a bagnare i fiori che sono posizionati in una specie di cestini, sui lampioni.
Ho già assaggiato qualcosa della cucina tipica svizzera, come la fonduta, e qualche dolce: tutto molto buono. Penso si possa proprio dire che è il Paese del cioccolato e degli yogurt/formaggi perché ne mangio tutti i giorni!

Riguardo al francese, migliora di giorno in giorno, ma quando devo seguire più gente che parla tutto si complica. Il sistema scolastico è abbastanza differente: vanno a scuola tutto il giorno e come materie in più rispetto all'Italia ho musica e canto; non faccio invece storia dell'arte e informatica e per loro è il primo anno di fisica. Una cosa particolare è che non tutte le classi sono obbligatorie: se hanno buoni voti possono saltare un anno. Io, ad esempio, ho una compagna di 14 anni. Per finire, in base ai cantoni, la scuola superiore, può durare tre, quattro o cinque anni.
A scuola non è facile integrarsi ma spero che le cose migliorino con il passare del tempo. Sto conoscendo un po' tutti i miei compagni ma sto legando soprattutto con una ragazza e un ragazzo, che è anche mio vicino di banco. Per alcuni corsi cambiamo di classe e non è detto che sia tutta la classe a spostarsi, infatti, per esempio in storia e geografia, si spostano solo quelli che hanno deciso di farla in tedesco. Altri momenti in cui la classe è divisa è per fare chimica/ fisica: circa metà classe ha deciso di fare più ore di fisica e l'altra metà di chimica: questa la scelta che hanno fatto quest'anno. Il primo anno, invece, hanno deciso tra latino e italiano e il secondo tra arte e musica. Come lingue hanno inglese e tedesco.
Le differenze principali che ho potuto notare questo mese, a parte la scuola, sono che: mangiano alle sette nel cantone in cui vivo (Valais), è pieno di bandiere: anche i tombini hanno la bandiera sulla sommità, non c'è il bidet e la spesa la fanno su internet: è raro che vadano al supermercato!

Sonia

Da Rivoli in Svizzera per un anno

  • Prossima Storia

    L’esperienza che mi ha cambiato la vita

    Intercultura è una sfida, un percorso educativo, un'esperienza che contribuisce alla crescita. E soprattutto è una storia che dura tutta la vita. Ma quali sono i benefici sul breve, medio, lungo termine sul percorso accademico,...

    Intercultura

    in occasione della presentazione dell'Osservatorio nazionale sull'internazionalizzazione delle scuole e la mobilità studentesca

  • Prossima Storia

    Alla scoperta della tranquillità

    Sono nato in Sicilia, che è conosciuta per la tranquillità e rilassamento con cui le persone svolgono le loro attività. Prima di venire qui in Honduras pensavo fosse difficile che esistesse un popolo che ci superasse. Ebbene,...

    Alessandro

    Da Augusta in Honduras per un anno

  • Prossima Storia

    Un anno all'estero non è...

    Un anno all’estero non è solamente essere in grado di parlare una nuova lingua, ma imparare ad apprezzare la propria. Non è solamente conoscere la cultura di un altro Paese, ma far conoscere la tua, a testa alta. Non è...

    Valentina

    Da Adria in Honduras per un anno

  • Prossima Storia

    Il mio Natale in Islanda

    Hæi, ég heiti Giulia. Ciao, mi chiamo Giulia e ora mi trovo per un anno all'estero ad Akureyri in Islanda. Mi farebbe piacere condividere delle tradizioni natalizie islandesi.Tutto parte il 12 Dicembre con l’arrivo del primo...

    Giulia

    Da Vercelli in Islanda per un anno

Welcome to Intercultura (AFS Italy) website! Where do you want to go?
- If you want to know more about Intercultura, click here
- If you want to know more about studying in Italy with Intercultura, click here
- Sprechen Sie Deutsch? Hier Klicken
- If you want to visit the full website (Italian only), click here