Un viaggio per cercare se stessi

Vittorio

Da Parma in Danimarca per un anno

Sono Vittorio e sono in Danimarca da esattamente 100 giorni.Non mi sembra neanche vero, ricordo come fosse ieri la mia partenza le mie preoccupazioni, la mia ansia e la mia gioia. Prima di partire non sapevo quasi niente di questo magnifico, minuscolo paese che è la Danimarca. Ora, dopo 100 giorni, posso dire di sapere qualcosa in più: come la loro passione per le candele che accendono appena è possibile per rendere le loro case sempre più accoglienti, intime e hyggelig.
hyggelig:è una sensazione di calore, amichevole, famigliare, intimo, qualcosa insomma, che ti fa sentire a casaQuesta parola, hyggelig, è una delle parole più affascinanti che ho imparato perché non ha alcuna traduzione letterale in nessuna altra lingua; il significato di questa parola è ampio, è una sensazione di calore, amichevole, famigliare, intimo, qualcosa insomma, che ti fa sentire a casa; perché sì, adesso posso considerare la Danimarca come la mia casa, la mia seconda casa.

Si dicono molte cose su i danesi, come per esempio che sono freddi; io invece ho scoperto che sono tutt’altro che freddi. Possono apparire così ma appena conosci veramente un danese, diventerà la persona più speciale che tu abbia mai conosciuto. Sento che sto cambiando, che un pezzo di Danimarca mi sta entrando dentro, sento la mia Italia vicina come non mai e sento di avere la consapevolezza di poter fare qualsiasi cosa desideri se ci credo veramente. Sento che questo viaggio non finirà dopo questi dieci mesi, ma che continuerà ad accompagnarmi per sempre.
Sento che questo viaggio non finirà dopo questi dieci mesi, ma che continuerà ad accompagnarmi per sempreTre mesi fa mi lasciavo alle spalle e sotto ai piedi la mia Italia, quel Paese che mi ha cresciuto, quel Paese che sentivo come la mia unica casa, quel Paese che, adesso, sento più che mai dentro di me, ma con la consapevolezza di poter sentirmi a casa dovunque nel mondo, perché nessuno può decidere dove nascere, ma si può decidere dove sentirsi a casa; perché la casa è quel posto dove, quando ci andate, vi accolgono sempre. Come direbbe un danese, “at rejse er at leve” (viaggiare è vivere).
Casa è quel luogo che i nostri piedi possono lasciare, ma i nostri cuori no.
(Oliver Wendell Holmes)

Vittorio

Da Parma in Danimarca per un anno

  • Prossima Storia

    Il mio primo giorno di scuola giapponese

    Eccomi qui, ancora mezza destabilizzata dopo la giornata di oggi ma con tante cose da raccontare. Si, oggi è stato un giorno importante, quel giorno che le mamme di tutto il mondo immortalano con le classiche duecentoventidue fotografie...

    Cecilia

    Da Como in Giappone per un anno

  • Prossima Storia

    Shock culturale: io l'ho superato.

    Ho fatto le selezioni di Intercultura a Novembre 2015, in un momento in cui la mia vita non aveva nulla di interessante, sentivo che il mio paesino non avesse più nulla che potesse fermarmi e farmi pensare di restarci. Ascolta l'intervista...

    Gioele

    da Milano in Cina per un anno

  • Prossima Storia

    Sono andato in America in nave

    Quella corsa nella notte non finiva mai, e le rotaie cantilenavano l’ossessione che il giorno non sarebbe più tornato. La ragazza seduta a fianco mi aveva chiesto se poteva appoggiarmi la testa sulle ginocchia. Per dormire. Quella...

    Giovanni

    Da Napoli negli USA per un anno

  • Prossima Storia

    Tre buoni propositi per un mese in Irlanda

    Ci sono dei sogni che ci si accorge di avere solamente quando diventano realtà, quando ormai sono nel pieno del loro svolgimento. Prima di partire per l’Irlanda, più volte avevo pensato che mi sarebbe piaciuto trascorrere...

    Anna

    da Brescia in Irlanda per un'estate

Welcome to Intercultura (AFS Italy) website! Where do you want to go?
- If you want to know more about Intercultura, click here
- If you want to know more about studying in Italy with Intercultura, click here
- Sprechen Sie Deutsch? Hier Klicken
- If you want to visit the full website (Italian only), click here