Una libertà tutta al femminile

Michela

Da Ragusa in Germania per un anno

“Molto spesso trascorriamo la nostra vita chiusi in una bolla; una bolla rappresentata dal nostro paese, dalla nostra cultura, dalle nostre idee e dalle persone che ci circondano.” Questo è quello che i volontari AFS ci hanno insegnato durante i seminari di preparazione alla nostra esperienza. Capisco bene quanto possa risultare difficile riconoscere le nostre barriere e soprattutto quanto sia complicato abbatterle: è stato proprio questo che mi ha spinto ad intraprendere un'avventura simile. Mi trovo al settimo mese del mio soggiorno annuale in Germania, un traguardo raggiunto con non poche difficoltà, nonostante la mia Italia non sia poi, geograficamente parlando, così lontana. Ho ricevuto moltissime critiche per aver scelto questo paese. “Germania: freddo il clima, fredde le persone” e altre varie e fantasiose espressioni di disappunto erano le reazioni che sentivo quando parlavo del mio nuovo progetto. Non mi sento adesso di smentire tutti i pregiudizi costruiti, ma posso affermare che nella maggior parte dei casi siamo portati ad emettere sentenze e giudizi senza conoscere quello che realmente si trova oltre la barriera. Io per prima non mi sarei mai aspettata che un paese così vicino e storicamente affine alla mia patria potesse presentare delle enormi differenze culturali. Il cibo, la puntualità, la scuola, la moda, i giovani sono tutti aspetti differenti che risultano visibili sin dal primo giorno, ma quello che realmente mi ha colpita è ciò che si può comprendere ed apprezzare solo vivendo ed immergendosi totalmente in questo nuovo mondo.

Mi vorrei soffermare su un tema che mi ha fatto molto riflettere: la libertà, concetto che in Germania si esprime principalmente nella figura della donna. Nonostante l’Italia sia un paese fortemente emancipato, da quando sono entrata in contatto con questa nuova cultura non ho potuto far altro che notare quanto spesso, ancora oggi nel mio paese, la donna sia posta in un piano inferiore rispetto a quello dell´uomo. Ho avuto modo di osservare quanto importante sia il ruolo di una donna all’interno di una coppia, quanta fiducia venga riposta nella figura femminile ma, cosa più importante, quale valore abbia il rispetto connaturato per la parità dei sessi. Il tipico ruolo della casalinga non esiste più, anzi molto spesso la situazione è capovolta. Le mamme lavorano tutto il giorno e spesso i padri, dopo aver preso i bambini all'asilo, tornano a casa e si occupano delle faccende domestiche quali lavare i panni, stirare e preparare la cena per tutta la famiglia. Nel fine settimana sono molto comuni i “Mädels Date“ ovvero delle serate organizzate esclusivamente per le donne, single e non, che lasciano il partner (e figli) a casa per godersi un venerdì sera tra amiche.
Incuriosendomi sempre di più ho deciso di fare qualche domanda alla famiglia che mi ospita. La risposta che più mi ha stupito è stata quella del nonno il quale, alla mia domanda sul ruolo della donna in Germania e nel mondo ha risposto: “La donna per noi è sempre stata e sempre sarà l’elemento che unisce e rende tale una famiglia, colei che genera la vita in senso figurato e letterale.” Ha anche affermato che molto probabilmente, trovandoci nella ex DDR (Repubblica Democratica Tedesca 1949-1990), in seguito al crollo del muro di Berlino e quindi con la fine dell'influsso sovietico, la donna ha dovuto rimboccarsi le maniche per riconquistare i diritti in quegli anni perduti (uno di questi è proprio il diritto al lavoro) e forse proprio per questo motivo è guardata con grande ammirazione e rispetto.

Anche tra genitori e figlie il rapporto è diverso. La fiducia riposta nelle adolescenti tedesche è maggiore rispetto a quella riposta in quelle italiane. La motivazione non mi è ancora ben chiara, forse è una questione di sicurezza o, molto probabilmente, si tratta di un’altra discrepanza culturale. Una cosa è certa: i genitori tedeschi sono molto più permissivi rispetto a nostri. È incredibile come queste piccole differenze riescano a costituire l’identità di un intero paese; identità che si può conoscere e apprezzare solo vivendola e scoprendola lentamente.

Michela

Da Ragusa in Germania per un anno

  • Prossima Storia

    Il Nebraska del 1960

    Mi chiamo Anna Robles e sono un’AFSer, anno 1960/61, Kimball, Nebraska USA.Già, sono un AFSer. Aver vissuto quell’esperienza è diventato uno stato del cuore e della mente, sempre divisi tra il mio Paese e quell’altro. Quando...

    Anna

    storica borsista, nel 1960-61 negli Stati Uniti

  • Prossima Storia

    Io ce l'ho fatta, e tu cosa aspetti?

    Una sfida. Così è nata l'idea di partire. Bisogna sempre porsi delle sfide nella vita. Quelle cose che se vanno male ti regalano esperienza e che se vanno bene... beh se vanno bene ti regalano, come in questo caso, un anno di vita...

    Alessia

    Da Parma in Honduras per un anno

  • Prossima Storia

    Una tradizione canadese

    Nella mia scuola qui in Canada c’è una tradizione: quando qualcuno si diploma, o, per un motivo o per un altro deve lasciare quelli che sono stati i suoi compagni e i suoi professori, appende il lucchetto del suo armadietto al cancello...

    Mariacristina

    Da Reggio Calabria in Canada per tre mesi

  • Prossima Storia

    Ogni giorno m'insegna qualcosa

    Prima di partire si hanno delle aspettative, è normale. Ammetto che non ero del tutto preparata a vederle andare in frantumi ma, adesso che ci ripenso a poco più di un mese di distanza, è meglio così. Ci si fanno...

    Carlotta

    Da Roma in Thailandia per un anno

Welcome to Intercultura (AFS Italy) website! Where do you want to go?
- If you want to know more about Intercultura, click here
- If you want to know more about studying in Italy with Intercultura, click here
- Sprechen Sie Deutsch? Hier Klicken
- If you want to visit the full website (Italian only), click here