Una studentessa come le altre

Cinza Capano

Insegnante presso l'Istituto Scolastico Nomentano di Roma

Uno dei possibili rischi dell'insegnamento è il fatto che, una volta entrati nella propria classe, ci si possa trincerare dietro il libro di testo, o dietro il proprio ruolo, "dimenticando" il mondo e le drammatiche urgenze del reale.La presenza di uno studente straniero in classe fin da subito rappresenta un valido antidoto, una possibilità offerta all'insegnante e a ciascuno studente di lasciarsi provocare, di uscire dalla rassicurante routine.
Romina inizialmente ha studiato con curiosità e attenzione quanto accadeva attorno a lei, ci ha osservati a lungo. Da parte mia all'inizio ho cercato di proporle degli strumenti di lavoro più semplici, pensando erroneamente che fosse necessario un trattamento speciale per mettere Romina a proprio agio. Mi sbagliavo: Romina non voleva un trattamento speciale, desiderava acquisire gli strumenti per fare quello che io proponevo a tutta la classe.
Alla fine dell'anno credo che se fosse arrivato un nuovo insegnante in classe avrebbe impiegato un po' per capire chi fosse Romina, la studentessa stranieraUn punto di svolta per me è arrivato durante un'uscita didattica al Pantheon e all'Ara Pacis. Dopo molti giorni di silenzio Romina parlava con tutti, faceva domande, scattava foto: fuori dalla classe non era diversa dagli altri compagni, allora perché pensavo di doverla trattare in modo speciale durante le lezioni? Da quel momento ha cominciato a partecipare alla lezione come tutti gli altri: io avevo capito che bisognava partire da lì, senza inventare strategie particolari. Nel primo modo avrei sempre sottolineato quello che mancava, nel secondo si poteva valorizzare e progressivamente migliorare ciò che era capace di fare.
Un altro momento molto bello per tutti è stato ascoltare una lezione preparata e tenuta da Romina sul Paraguay: siamo stati catapultati dall'altra parte del mondo, abbiamo visto una natura dalla bellezza travolgente, abbiamo "gustato" con gli occhi i sapori tipici, abbiamo cercato di comprendere che esperienza di vita passi attraverso il tereré, ho visto il mondo fare irruzione nell'aula; dopo la lezione molti compagni di classe guardavano Romina con occhi nuovi, pieni di curiosità. Alla fine dell'anno credo che se fosse arrivato un nuovo insegnante in classe avrebbe impiegato un po' per capire chi fosse Romina, la studentessa straniera.
Spero che questi mesi trascorsi in nostra compagnia siano stati per Romina un'occasione di conoscenza e di arricchimento altrettanto fruttuosa di quanto lo siano stati per me e per i ragazzi.

Le avventure di Romina non finiscono qui: leggi anche "La nostra amica paraguayana" e "Come un direttore d'orchestra" per vedere la sua vita in Italia!

Cinza Capano

Insegnante presso l'Istituto Scolastico Nomentano di Roma

  • Prossima Storia

    Grandi soddisfazioni

    Dal 16 al 23 aprile, in collaborazione con Intercultura, il nostro Istituto ha ospitato 16 alunni e tre insegnanti della Secondary School di Aleksandrov, Russia.Il progetto biennale prevede l'ospitalità reciproca utilizzando come lingua...

    Antonella Iannuziello

    Insegnante presso l'Istituto Comprensivo Domenico Savio di Potenza

  • Prossima Storia

    India? La amo!

    La mia esperienza in India è stata troppo lunga, troppo bella e forse troppo profonda per essere raccontata in poche righe.Sono stata solo due settimane, ma credo di averle vissute intensamente e di avere imparato molto da questo Paese....

    Anna Chiara

    Partecipante ad uno scambio di classe con l'India

  • Prossima Storia

    Non un addio ma un arrivederci

    Una famosa frase dice "Il mondo è un libro, e quelli che non viaggiano ne leggono solo una pagina" e, a conclusione di questo bellissimo percorso, credo che possa riassumere al meglio ogni emozione vissuta.L'esperienza è iniziata...

    Rossana

    Partecipante allo scambio di classe fra l'I.T.E. Raffaele Piria di Reggio Calabria e la scuola superiore di Bielsko-Biała, Polonia

  • Prossima Storia

    Essere mobili, ossia essere più vivi

    Chelsea era australiana, con gli occhi azzurri e la voce sottile. Nella scuola dove insegno io entrano tutti i giorni eroi omerici, poeti e filosofi, qualche scienziato pure, ma un’australiana studentessa internazionale non era arrivata...

    Mariarita Semprini

    Insegnante presso il liceo Giulio Cesare di Rimini

Welcome to Intercultura (AFS Italy) website! Where do you want to go?
- If you want to know more about Intercultura, click here
- If you want to know more about studying in Italy with Intercultura, click here
- Sprechen Sie Deutsch? Hier Klicken
- If you want to visit the full website (Italian only), click here