Una tipica giornata nella mia scuola argentina

Penelope

da Civitavecchia in Argentina per sei mesi

Una delle prime preoccupazioni che uno studente si trova ad affrontare è iniziare la scuola nel nuovo Paese.

Le domande sono veramente tante: come saranno i compagni di classe? I professori? Sarà difficile studiare nuove materie? Riuscirò a capire qualcosa?

Tutte queste domande e molte altre me le sono poste anche io.

Ormai dal mio primo giorno in una scuola argentina ne sono passati una ventina, ma credo che il primo non si dimentica facilmente.

Mi sono svegliata al primo squillo della sveglia delle 6:45 tanta era l'emozione. Ho indossato la mia divisa blu e ho afferrato lo zaino che, appoggiato alla parete, era già pronto dalla sera prima.

La mia scuola, fortunatamente, è molto vicina alla mia nuova casa e dopo un tragitto di pochissimi minuti in macchina con la mia mamma e sorella ospitante siamo arrivate. La mamma mi ha accompagnato a parlare con il direttore per presentarmi e, varcata la porta d'ingresso, mi sono resa conto della grande differenza con il mio piccolissimo liceo italiano: lì non solo c'era la scuola secondaria ma anche la primaria! Inoltre, i ragazzi argentini frequentano la scuola secondaria per sei anni, un anno in più rispetto a noi e il loro anno scolastico, trovandosi nell'emisfero australe, inizia a marzo per terminare la prima settimana di dicembre.

Dietro la porta si presentava una hall con un piccolo "kiosco" dove i ragazzi, durante l'intervallo, comprano per pochi pesos dolcetti e cioccolata.

Una delle prime cose che mi hanno subito colpito è stata la grandezza della palestra, a cui si accede scendendo pochi gradini, e dove già alcuni studenti si stavano recando.

La tipica giornata scolastica inizia con l'alzata della bandiera che si svolge in assoluto silenzio.Dopo poche parole del preside, che generalmente si limita ad augurare "buona giornata", gli studenti si incamminano verso le loro aule. Incamminarmi verso l'aula, accompagnata dal mio tutor e dalla mia mamma ospitante, è stato emozionante e, una volta arrivata di fronte alla porta, ho fatto un bel respiro e sono entrata.

In Argentina si frequenta la scuola per cinque giorni a settimana, dal lunedì al venerdì, e le lezioni si tengono la mattina o il pomeriggio, dipende dal corso.

Con un timido "Hola" ho salutato i 22 ragazzi che stavano seduti a guardarmi e che mi hanno subito indicato la lavagna dove c'era scritto "Benvenuta" insieme ad un cartellone con rappresentato il planisfero con un aereo che partiva da Roma e arrivava a Buenos Aires.

Tra le mille domande di cui capivo solamente la metà e le mille presentazioni passò il primo giorno di scuola in cui mi sono sentita subito accettata, grazie all'allegria dei miei compagni e alla loro curiosità.

Penelope

da Civitavecchia in Argentina per sei mesi

  • Prossima Storia

    Panama: un Paese di posti e gente meravigliosi

    Sapevate che il Costa Rica è considerato il paese più felice della Terra? Io l’ho scoperto con Intercultura ed è per questo che l’ho inserito tra le mie scelte per un’eventuale destinazione nel caso avessi...

    Alessia

    Da Roma a Panama per un anno

  • Prossima Storia

    Mi Bolivia querida

    Sono arrivata in Bolivia, precisamente a La Paz, quasi due mesi fa e alla domanda "Com'è la Bolivia?" semplicemente rispondo "Diversa". Proprio così, la Bolivia è un altro mondo rispetto all'Italia e ogni giorno rimango...

    Cecilia

    Da Pescia in Bolivia per un anno

  • Prossima Storia

    Finora tutto bene

    Hello everyone! Mi chiamo Caterina e vengo da Milano. Il 10 agosto ho lasciato l'Italia alla volta degli Stati Uniti. In questo momento mi trovo a Springfield, Ohio. Vivo con due genitori premurosi, un sorella con cui condivido la maggior parte...

    Caterina

    Da Legnano negli USA per un anno

  • Prossima Storia

    In ogni angolo un pezzo di storia

    La cosa che penso mi abbia colpito di più qui in Bosnia è la diversità. In ogni momento si possono vedere e vivere situazioni completamente diverse fra loro. Camminando per le vie di Sarajevo è perfettamente percepibile...

    Paola

    Da Piacenza in Bosnia per un anno

Welcome to Intercultura (AFS Italy) website! Where do you want to go?
- If you want to know more about Intercultura, click here
- If you want to know more about studying in Italy with Intercultura, click here
- Sprechen Sie Deutsch? Hier Klicken
- If you want to visit the full website (Italian only), click here