Volevo diventare italiana

Nadia

Dalla Russia ad Ancona per un anno

Da tanti anni pensavo di partecipare al programma Intercultura e quando ho scelto l'Italia non sapevo quasi niente di questo Paese.La causa principale di questa scelta era la volontà di cambiare, diventare più aperta, amichevole e allegra come sono gli italiani. Secondo me, il mio scopo è stato ottenuto, almeno parzialmente.
Ricordo come ieri le mie emozioni all'arrivo: tanta confusione, interesse per tutto, incomprensione della lingua. Era tutto nuovo: la famiglia, la scuola, la casa, gli amici. Ho imparato passo dopo passo con l'aiuto della mia famiglia italiana a sopravvivere a scuola e nella grandissima famiglia stessa, che ha tanti amici e conoscenti. Quando la barriera linguistica è caduta è iniziata una nuova lotta dentro di me: ogni giorno mi sforzavo di capire le persone, il loro modo di pensare e vivere. Non è stato facile, sapevo che i miei vicini non mi capivano bene, ma questo fatto è stato una grande parte dell'esperienza che comunque non vorrei cancellare.
Quando la barriera linguistica è caduta è iniziata una nuova lotta dentro di me: ogni giorno mi sforzavo di capire le persone, il loro modo di pensare e vivereCon la mia famiglia ci sono stati tanti momenti bellissimi durante quest'anno. Sono stata davvero fortunata a vivere con le persone appassionate come me a viaggiare. Così ho visto la maggior parte del paese.

  • Nadia e la sua grande famiglia italiana
  • Nadia e la sua famiglia italiana in gita

La vita italiana di Nadia

La visita dei miei genitori russi è stata molto importante, mi ha fatto vedere tutta la mia vita da lontano e ho capito cosa devo cambiare. Secondo me, la mia famiglia italiana ha iniziato a capirmi meglio, e la comprensione reciproca ci ha dato una spinta a riguardare le nostri relazioni.
Adesso, alla fine della programma tengo un caro ricordo di ogni momento vissuto, di ogni persona che ho conosciuto. Voglio tanto bene a tutta la mia grande famiglia, i miei nuovi amici, la famiglia della settimana di scambio, i professori e i volontari che mi hanno aiutato e vorrei ringraziare tutti loro! Grazie a Intercultura che da la possibilità ai ragazzi di trovare se stessi e una nuova casa.

Leggi anche "L'amore non è a tempo determinato", la storia della famiglia ospitante di Nadia!

Nadia

Dalla Russia ad Ancona per un anno

  • Prossima Storia

    Il Mondo … in gesti!

    Il linguaggio non verbale è universale? Che cosa succede quando comunicano persone di culture diverse?Lo abbiamo chiesto agli studenti di Intercultura."Quando salutai per la prima volta la mia famiglia ospitante giapponese – racconta...

    I ragazzi stranieri

    ospitati in Italia per un anno

  • Prossima Storia

    Finalmente una sorella!

    Rosalia parla velocemente, ha una risata contagiosa e non tace mai; Lina la ascolta con gli occhi sbarrati, non perde una parola di quello che dice e, al primo attimo di silenzio, parte con una battuta che le fa stringere in un abbraccio, mentre...

    Lina

    Dall'Olanda a Casamassima, BA per un anno

  • Prossima Storia

    La Settimana di scambio di Asti

    Gite, pic-nic, tradizioni: la Settimana di scambio di Asti ci viene raccontata attraverso alcune immagini.

    I volontari del Centro locale di Asti

    I volontaria del Centro locale di Asti

  • Prossima Storia

    Non c’é mondo al di fuori delle mura di Verona

    Mi ricordo il primo momento in cui mi ha colpito il fatto che dovevo stare a Verona per quasi un anno. Era dopo il lungo viaggio, pieno di agitazione e adrenalina dal campo iniziale con tutti i ragazzi stranieri e l’incontro surreale con...

    Annika

    Dalle Isole Faroe (Danimarca) a Verona per un anno

Welcome to Intercultura (AFS Italy) website! Where do you want to go?
- If you want to know more about Intercultura, click here
- If you want to know more about studying in Italy with Intercultura, click here
- Sprechen Sie Deutsch? Hier Klicken
- If you want to visit the full website (Italian only), click here