Volontaria per un giorno, un sorriso che resterà per sempre nel mio cuore

Martina

Da Roma Sud in Malesia per un anno

Era il 1° gennaio, io e alcuni amici indiani del mio villaggio eravamo andati in quello che noi chiamiamo “kampung”, cioè un villaggio rurale nel cuore della giungla malese.
C’era stata una forte alluvione e molte palafitte e case di legno erano andate distrutte o erano completamente sommerse. Molte persone erano accorse come volontari e anche noi ci aggiungemmo a loro per dare una mano, così ci dividemmo e io e due dei miei amici ci mettemmo a pulire, insieme ad altri volontari, una casetta di legno in pessime condizioni e allagata dal fango. A piedi scalzi, cominciammo a pulire e a portare fuori ogni mobile (se così lo si può chiamare) e tutti i vari oggetti e utensili. Mentre stavo ripulendo il cucinino, passando agli altri volontari piatti, padelle, bicchieri ecc., notai che dentro la credenza ormai distrutta c’era un piccolo orsacchiotto di peluche sommerso dal fango. Lo prendo ed esco chiedendo ai proprietari della casetta, pak cik e mak cik (uncle e aunty), se apparteneva a uno dei loro figli. Il più piccolo si nascondeva dietro la mamma e avrà avuto sui 5 anni, e appena vide l’orsacchiotto gli si illuminarono gli occhi, allora io mi chinai verso di lui e gli chiesi: “teddy bear ini adalah milik kamu?” che in lingua malese significa "questo orsacchiotto appartiene a te?" e lui con un sorriso immenso mi rispose "ya ya ini teddy bear saya! Terima kasih kakak!" (si si questo orsacchiotto è mio! Grazie sorella!).
C’era stata una forte alluvione e molte palafitte e case di legno erano andate distrutte o erano completamente sommerse. Molte persone erano accorse come volontari e anche noi ci aggiungemmo a loro per dare una mano.

Una volta finito di svuotare e ripulire la casa, marito e moglie ci hanno offerto papaya, jackfruit e altri frutti e riso cotto nel latte di cocco con una tipica salsa malese piccante, per ringraziarci dell'aiuto che avevamo loro offerto. La cosa meravigliosa di queste persone è che meno possiedono, più ti danno. Non avevano più niente, ma ci hanno offerto il loro tutto. Il sorriso di quel bambino, è stata una delle cose più belle del mio anno in Malesia.
La cosa meravigliosa di queste persone è che meno possiedono, più ti danno. Non avevano più niente, ma ci hanno offerto il loro tutto.

Martina

Da Roma Sud in Malesia per un anno

  • Prossima Storia

    Il Nebraska del 1960

    Mi chiamo Anna Robles e sono un’AFSer, anno 1960/61, Kimball, Nebraska USA.Già, sono un AFSer. Aver vissuto quell’esperienza è diventato uno stato del cuore e della mente, sempre divisi tra il mio Paese e quell’altro. Quando...

    Anna

    storica borsista, nel 1960-61 negli Stati Uniti

  • Prossima Storia

    I colori del Sudafrica

    Joseph, volontario del Centro locale di Alessandria, racconta il Sudafrica attraverso alcune immagini.

    Joseph

    Volontario del centro locale di Alessandria

  • Prossima Storia

    E' solo l'inizio del viaggio

    Ciao a tutti! Sono Riccardo, un ragazzo di 15 anni di Lecce e da un mese circa sto vivendo la mia esperienza Intercultura in Danimarca! Partito con occhi e cuore e mente spalancati su un posto qualsiasi del mondo, che qualunque fosse stato,...

    Riccardo

    Da Lecce in Danimarca per un anno

  • Prossima Storia

    Il mio primo giorno di scuola

    I racconti degli studenti all’estero con un programma di Intercultura sul loro primo giorno di scuola sono veramente tra i più vari. C’è chi, nel più classico degli immaginari, incontra il proprio tutor per...

    AA.VV.

    I racconti dai ragazzi all'estero sul loro primo giorno di scuola

Welcome to Intercultura (AFS Italy) website! Where do you want to go?
- If you want to know more about Intercultura, click here
- If you want to know more about studying in Italy with Intercultura, click here
- Sprechen Sie Deutsch? Hier Klicken
- If you want to visit the full website (Italian only), click here