Carpe diem

Claudio

Da Roma in Belgio fiammingo per un anno

Un anno all’estero può essere facilmente preso come metafora per una vita intera.
Si riparte da zero, una nuova nascita. Arrivi e non sai parlare, non conosci i costumi, le regole, le usanze, le abitudini, le leggi. Tutti ti trattano come uno stupido, anzi no, come un bambino: ti spiegano tutto sempre e comunque, mille volte, come funzionano i semafori, la strada per tornare a casa, per andare a scuola, alla stazione, quando è meglio vestirsi in un certo modo, arrivano anche a cercare di insegnarti come si va in bici.

Dopo qualche mese ormai hai raggiunto la tua vera età anche nel paese in cui ti trovi: hai imparato a fare tutto, parlare, comportarsi nella giusta maniera, fare dell’umorismo, hai una nuova famiglia e nuovi amici. Tutti ti hanno ormai iniziato a trattare come un normale adolescente e non più come un bambino che deve ancora imparare tutto.

È a questo punto che arriva lo shock, che capisci qualcosa che ti è sempre stata di fronte ma che solo adesso realizzi e che rende il resto dell’anno all’estero molto diverso dalla tua vita nel tuo Paese natale.
Si riparte da zero, una nuova nascita

Pensaci un attimo: anche se un giorno tornerai in quel Paese, rivedrai la tua nuova famiglia e i tuoi nuovi amici, la vita che stai vivendo adesso, il tuo anno all’estero, quei cento giorni che ti mancano al rientro non te li ridarà mai nessuno. Allora inizi a cercare di rendere ogni giorno speciale, indimenticabile, ne hai ancora solo pochi, devi farli valere, devi goderteli, renderli produttivi, anche se questo non sempre è possibile; e poi la connessione, quel piccolo passaggio logico, semplicissimo da fare ma così complicato da capire e tenere sempre a mente, arriva: sì, quest’anno è speciale, un periodo particolare all’interno della tua vita, sono giorni contati che nessuno ti ridarà mai… ma questo vale sempre che tu sia a casa, in Belgio, in Nuova Zelanda o in Costa Rica. Cerca di capirlo prima di arrivare a metà dell’esperienza!

Claudio

Da Roma in Belgio fiammingo per un anno

  • Prossima Storia

    L'influenza della cultura italiana in Argentina

    Salve a tutti, mi chiamo Camilla Remia e quest'oggi le racconterò la mia esperienza di scambio culturale. Prima di tutto vorrei spiegare il motivo per cui ho scelto l'Argentina come una possibile destinazione. Sono sempre stata curiosa...

    Camilla

    Da Fermo in Argentina per un anno

  • Prossima Storia

    Il cielo in Irlanda è davvero così blu

    Prima di partire pensavo che quattro settimane fossero un tempo incredibilmente lungo. Non ero mai stata via da casa per così tanto tempo, tantomeno con un gruppo di persone che non avevo mai visto prima. So che sono partita chiudendo...

    Agnese

    Da Torino in Irlanda per un'estate

  • Prossima Storia

    Finora tutto bene

    Hello everyone! Mi chiamo Caterina e vengo da Milano. Il 10 agosto ho lasciato l'Italia alla volta degli Stati Uniti. In questo momento mi trovo a Springfield, Ohio. Vivo con due genitori premurosi, un sorella con cui condivido la maggior parte...

    Caterina

    Da Legnano negli USA per un anno

  • Prossima Storia

    La religione in America come un puzzle

    Durante la mia esperienza annuale negli Stati Uniti, ho avuto modo di riflettere sul rapporto che gli americani hanno con la religione. La mia famiglia ospitante era cattolica, come la mia famiglia italiana, e allo stesso modo non frequentante;...

    Laura, da Bari negli Stati Uniti per un anno

    Riflessione in occasione del Convegno "Il Silenzio del Sacro"

Welcome to Intercultura (AFS Italy) website! Where do you want to go?
- If you want to know more about Intercultura, click here
- If you want to know more about studying in Italy with Intercultura, click here
- Sprechen Sie Deutsch? Hier Klicken
- If you want to visit the full website (Italian only), click here