Colombia, mi hai cambiato la vita.

Martina

Da Bari Sud in Colombia per un anno

“La voglia di conoscere il nuovo che nutre la vita e fa girare il mondo”

Se dovessi descrivere la mia esperienza in Colombia con una frase, utilizzerei questa. Fin dal primo momento in cui sono entrata a far parte di questa nuova realtà ho notato qualcosa negli occhi, soprattutto dei miei coetanei, di completamente nuovo e sconosciuto per me. La curiosità, l'incredulità nel vedere una ragazza di 17 anni che ha deciso di vivere e studiare per un anno in Colombia. Da sempre sono stata inclusa e considerata parte integrante del contesto scolastico e familiare.

Ho vissuto i miei giorni qui in un costante equilibrio fra la voglia di voler apprendere e interiorizzare assolutamente tutto di questa meravigliosa cultura e il bisogno di raccontare la mia vita dall’altra parte del mondo per mostrare ai miei nuovi compagni una possibilità, un'alternativa alla vita che hanno sempre considerato l’unica possibile. Trasmettere l'idea che essere cittadini del mondo è la chiave per poter decidere in maniera aperta, autonoma e globale chi si vuol diventare.
Ho imparato a riconoscere che la mia Italia ha tanto di bello e speciale e che non è così male come a volte si pensa, allo stesso tempo però spero di assimilare certi aspetti della cultura Colombiana e non perderli mai, anzi renderli parte del mio essere.
Prima di arrivare qui, ho convissuto per mesi con i timori di amici e parenti dovuti a stereotipi e pregiudizi che avevo la voglia assoluta di sfatare. Sapevo che un paese non poteva essere confinato e racchiuso in poche immagini aride e prive di fondamento.
Così è stato.

Colombia è biodiversità. Nello stesso momento nel paese sono in corso le 4 stagioni, la natura è qualcosa di incredibilmente magico e variegato, dalla selva amazzonica al mare caraibico, dal deserto agli abbondanti fiumi, dalle montagne andine fino alla regione delle pianure. La terra, ricca e fertile, regala frutta deliziosa di ogni tipo, caffè fra i più saporiti del mondo, zucchero, riso, mais e tanto altro. Viaggiare in macchina fra i campi coltivati è una esperienza indimenticabile.

Colombia è musica, è danza. La salsa caleña, famosa in tutto il mondo; la cumbia, la champeta e il vallenato della costa assieme al raeggetton, al merengue e al bolero; sono il cuore pulsante di questo paese. La gente vive felice e rilassata accompagnata da un'atmosfera di festa perenne fra la strade delle città.

Colombia è rispetto delle origini e delle tradizioni, molte sono le comunità indigene che abitano le zone più incontaminate del paese con le quali ho avuto l’occasione di entrare in contatto. È stato qualcosa che mi ha cambiato la vita.
Colombia è non essere soli, nemmeno quando lo si desidererebbe. Ci sarà sempre qualcuno che si ricorderà di te e sarà disposto ad ascoltarti o a regalarti un sorriso.
Sarò per sempre grata a questa terra a cui ora sento di appartenere a tutti gli effetti.

Martina

Da Bari Sud in Colombia per un anno

  • Prossima Storia

    Una finestra sul mondo

    Uno degli obiettivi principali della scuola è creare futuri cittadini che siano capaci di fare cose nuove, non semplicemente di valutare un ragazzo con dei numeri e ripetere quello che altre generazioni hanno fatto. La scuola ha quindi...

    Sabiana

    Da Siracusa in Argentina per un anno

  • Prossima Storia

    Chocolatine o pain au chocolat?

    Ciò che mi ha più marcato durante i dieci mesi che ho passato in Francia grazie a Intercultura sono le piccole cose. Sono quelle che mi hanno cambiato più profondamente. Che hanno fatto sì che non sarò mai...

    Elisabetta

    Da Viterbo in Francia per un anno

  • Prossima Storia

    La mia Sverige

    Ormai sono passate undici settimane dal mio arrivo qua in Svezia. Ammetto che dopo il campo d’arrivo, quando ho realizzato che tutto questo non era solo un finesettimana di giochi e workshop, con altri ragazzi, bensí dieci mesi...

    Julia

    Da Bolzano in Svezia per un anno

  • Prossima Storia

    Settembre 1983. L'inizio di una storia per tutta la vita.

    A volte faccio un gioco. Devo pensare: "Cosa sono in primo luogo?" E scorrono le risposte, a seconda di come mi sento, di come mi sono alzata, oppure di quanto ho dormito, il che dipende quasi sempre se il libro che ho sul comodino mi ha coinvolto...

    Grazia

    Da Bergamo negli USA per un anno

Welcome to Intercultura (AFS Italy) website! Where do you want to go?
- If you want to know more about Intercultura, click here
- If you want to know more about studying in Italy with Intercultura, click here
- Sprechen Sie Deutsch? Hier Klicken
- If you want to visit the full website (Italian only), click here