Consigli per trascorrere una grande esperienza all'estero

Camilla

Da Treviglio negli USA per un anno

Lasciare il nostro piccolo mondo per passare un anno all'estero è prendere la decisione di iniziare un viaggio che durerà tutta la vita; partire senza mai tornare.Ci sono tanti buoni motivi per farlo: conoscere una nuova cultura, incontrare persone nuove, staccarsi da una realtà limitante, scoprire nuovi orizzonti e tanto altro. "Non parto per scoprire il mondo. Parto per scoprire me" diceva uno dei tanti poster di Intercultura che ho visto e rivisto lungo il mio percorso, una frase che non sono mai riuscita a togliermi dalla testa. Ora più che mai mi rendo conto di quanto sia vera. Per me questo è forse il motivo più importante per partire: conoscere se stessi, i propri punti forti e deboli, i limiti che possono essere colmati dalle capacità di qualcun altro, rendersi conto che con una marcia in più il mondo è più luminoso e pieno di bellezze. Imparando a capirsi si riesce così a comprendere meglio anche gli altri e a creare amicizie così forti che dureranno per sempre.
"Non parto per scoprire il mondo. Parto per scoprire me"

  • Camilla e i suoi amici a sciare

Gli Stati Uniti di Camilla

Un anno all’estero non è una bella vacanza, specialmente a questa età; è un esperienza che ti prepara alla vita, apre gli occhi e allarga gli orizzonti. Non è mai tutto rose e fiori, ma sono proprio ostacoli e difficoltà che rendono tutto più significativo. Le difficoltà ti rinforzano e ti insegnano a non abbatterti. Guardando indietro alla tua esperienza ti accorgi quanto siano state importanti. Non abbiate timore di rischiare. Se dentro di voi sentite una vocina, per quanto flebile possa essere, che vi spinge a partire, fatelo, seguite i vostri sogni, tuffatevi in questa avventura senza ritorno e non abbiate paura di farlo. Ne vale la pena e vi prometto che non passerà giorno in cui non sarete felici della vostra scelta.
Sono proprio ostacoli e difficoltà che rendono tutto più significativo. Le difficoltà ti rinforzano e ti insegnano a non abbattertiInfine ricordatevi sempre di essere umili, di ascoltare, sforzatevi di capire, comprendere il vero senso delle cose. Penso che la cosa più importante che questa esperienza mi abbia insegnato è che nulla è meglio o peggio, è semplicemente diverso e non è paragonabile perché è unico.

Good luck.

Camilla

Da Treviglio negli USA per un anno

  • Prossima Storia

    La mia esperienza in Belgio

    Mi chiamo Alice e ho 17 anni, quasi 18. Sto facendo un anno all’estero, precisamente in Belgio, parte fiamminga, e vorrei raccontare un po’ di quello che si prova ad essere nei miei panni. Vorrei cominciare dicendo che per quanto...

    Alice

    Da Viterbo in Belgio per un anno

  • Prossima Storia

    Imparare a conoscersi

    Carlotta ci racconta la sua estate in Russia.D. Che cosa ti ha spinta a scegliere la Russia come destinazione dove trascorrere l’estate? R. La ragione principale è che sono tre anni che studio russo a scuola. All’inizio non...

    Carlotta

    Da Arezzo in Russia per un'estate

  • Prossima Storia

    Rimboccarsi le maniche e prepararsi all'avventura

    Qualche mese prima dell'iscrizione al concorso di Intercultura non sapevo nemmeno cosa stavo per andare ad affrontare, sin dai primi incontri di formazione culturale. Durante la compilazione dei vari fascicoli e la scelta dei Paesi in cui mi...

    Angelo

    Da Lanusei-Tortolì in Thailandia per un anno

  • Prossima Storia

    Il mio primo giorno di scuola in India

    Namaskar (ciao a tutti)!!! Vi racconto il mio primo pazzo giorno di scuola.Dopo una normalissima notte d'insonnia, alle 6.00 di mattina è suonata la sveglia; alzato, doccia, colazione (al solito piccante e speziata come tutti i pasti)....

    Tullio

    Da Rovigo in India per un anno