Da Gioia del Colle in Polonia per una settimana

Studenti della classe 3E dell'IISS "Canudo" di Gioia del Colle

Partecipanti ad uno scambio di classe con la Polonia

Riportiamo qui di seguito alcune testimonianze degli studenti della classe 3E dell'IISS "Canudo" di Gioia del Colle, che hanno partecipato ad uno scambio di classe con la Polonia a Chrzanov .
"18.11.17 - Ed eccoci, con tutte le valigie, ricoperti da giacche e sciarpe ingombranti, pronti per salutare i nostri genitori e partire per un nuovo viaggio, soli, come piccoli esploratori alla ricerca di tanti perché, pronti a scoprire, abituarci e a varcare il nostro piccolo confine per addentrarci in un posto più grande di noi. Erano appena le h19.00 ed ero già diventata tutt’uno con l’ansia; improvvisamente avevo paura di tutto, di volare, di conoscere nuove persone, di dovermi adattare e di dovermi allontanare da tutto ciò che fino ad allora non avevo mai lasciato.

Ho iniziato a fantasticare, ad immaginarmi in un’altra dimensione che dopo qualche ora avrei potuto vivere realmente ma, pur sentendomi spaesata, l’idea e il desiderio di provare non mi dispiaceva affatto tanto da prendere il sopravvento su tutto il resto; intanto mi consolavo con l’idea che sarebbero stati solo dieci giorni.

Ricordo le lunghe camminate, il freddo penetrarmi dal cappotto e sfiorarmi delicatamente la pelle, i fiocchi di neve ricoprirmi i capelli, le risate, persino le patatine alla cipolla, le lotte per svegliarmi presto e il party, dove ho conosciuto persone fantastiche che pur di parlarmi usavano il traduttore per non farmi sentire sola, persone che mi venivano incontro, curiose di conoscermi, di conoscere la mia “storia” e la mia lingua.
Sono stati una seconda famiglia per me ed è bellissimo come in questi dieci giorni mi abbiano fatta sentire una seconda figlia."
Manuela

Sono stati una seconda famiglia per me ed è bellissimo come in questi dieci giorni mi abbiano fatta sentire una seconda figlia.

“L’incertezza di cosa dire e come comportarsi al mio risveglio, la paura di non riuscire a farmi capire, di essere scortese involontariamente, di non trovare il giusto feeling con la ragazza che mi ha ospitato e la sua famiglia, erano tutte cose che mi suscitavano ansia. Invece le mie paure sono state infondate, perché la mia famiglia polacca ha fatto di tutto per farmi sentire a mio agio, a cominciare per esempio dal cibo.

Questa esperienza per me è stata una sfida, in quanto per un carattere come il mio riuscire a superare l’ostacolo della diffidenza e della timidezza è stata una conquista importante, mi sembra di riuscire a guardare il mondo con occhi nuovi e la mente più aperta a ciò che non conosco ma che sono pronto ad accettare.”
Marco

"Il giorno più bello che ho vissuto in Polonia è stato la domenica in cui alcuni ragazzi polacchi, organizzarono una visita in una località montuosa chiamata Zakopane.
Dopo due ore di pullman arrivammo in montagna e vedemmo appena usciti un paesaggio a cui io sono poco abituato, infatti tutto era bianco intorno a noi, tutto sembrava candido e trasmetteva grande serenità. Qui dopo aver preso una cioccolata calda ci avviammo per le vie della città, girando un gran numero di negozi e giocando costantemente a palle di neve fino al momento in cui decidemmo di fare una vera e propria battaglia che costrinse tutti a bagnarsi completamente. In quel momento ero veramente felice, e ho pensato per la prima volta che non avrei mai voluto andarmene dal quel posto fantastico e non avrei mai voluto dover abbondonare quelle persone fantastiche.!
Simone

"C’è chi cresce rimanendo attaccato alla visione del mondo trasmesso dalla famiglia, dalla scuola, dagli amici ritenendola l’unica buona e difendendola con aggressività. C’è, invece chi prova a guardare il mondo negli occhi, trovando sicurezza nel confrontarsi con stili di vita e di pensiero differenti, trovandosi a proprio agio di fronte a chiunque e in ogni situazione."
Matilde

"Alla fine, dopo aver fatto questa esperienza, dopo essere andata lì ed aver vissuto con una famiglia che non è la mia, ma che ormai lo è diventata, mi sento cambiata; non so precisamente cosa sia cambiato in me, forse l’essere diventata un po’ più matura e autonoma, il fatto di essere diventata più aperta nei confronti di altre culture e priva di pregiudizi."
Sabrina

Studenti della classe 3E dell'IISS "Canudo" di Gioia del Colle

Partecipanti ad uno scambio di classe con la Polonia

  • Prossima Storia

    Dire, fare, imparare

    Sono volontaria da più di un lustro e comunque, ogni giorno che passa, mi sembra di poter/dover imparare ancora tanto e da tutti. Non è retorica: infatti, da una parte arrivano le sollecitazioni del Ministero, almeno una all’anno,...

    Silvia Mocchi

    Volontaria del Centro Locale di Monza e insegnante presso l'Istituto Scolastico Hensemberger

  • Prossima Storia

    Grandi soddisfazioni

    Dal 16 al 23 aprile, in collaborazione con Intercultura, il nostro Istituto ha ospitato 16 alunni e tre insegnanti della Secondary School di Aleksandrov, Russia.Il progetto biennale prevede l'ospitalità reciproca utilizzando come lingua...

    Antonella Iannuziello

    Insegnante presso l'Istituto Comprensivo Domenico Savio di Potenza

  • Prossima Storia

    Piccole scuole interculturali

    Essere insieme docente di Italiano e volontaria di Intercultura è stata una preziosa alchimia capace di rendere il mio lavoro ancora più entusiasmante. Ho sempre cercato di educare i miei alunni alla pace, alla tolleranza, alla...

    Stefania Anfuso

    Insegnante presso l'Istituto Scolastico Ruiz di Augusta, SR

  • Prossima Storia

    La nostra settimana di scambio tra unicità e diversità: un'alchimia di parole

    Un giorno come tanti, forse. O forse no. Una settimana tra le altre, in mezzo a trecentosessantacinque giorni di scuola ordinaria. Di cosa sto parlando? Lunedì 25 marzo otto ragazzi provenienti da otto nazioni diverse sono venuti a scuola...

    Ivan e Aurora

    Studenti del Liceo Gullì di Reggio Calabria

Welcome to Intercultura (AFS Italy) website! Where do you want to go?
- If you want to know more about Intercultura, click here
- If you want to know more about studying in Italy with Intercultura, click here
- Sprechen Sie Deutsch? Hier Klicken
- If you want to visit the full website (Italian only), click here