Dalla cucina alla calligrafia: immagini dal mio anno in Cina

Veronica

Da L'Aquila in Cina per un anno

Veronica ci racconta, attraverso le immagini, il suo anno in Cina, tra lo studio del cinese e il tempo libero!

Foto 1
La mia scuola è solo una tra le decine di istituti che si trovano a Jiujiang 九江, città considerata "piccola" dai cinesi. In Italia la scuola è diversa da qua, molto più semplice; anche come organizzazione è diverso, le classi cinesi sono composte da 60 e più studenti, fino ad arrivare a 80. I professori detengono una stima molto alta da parte degli studenti. In questa foto è ritratto il luogo in cui si tiene l'alzabandiera, cerimonia di ogni lunedì alle 7.30 in cui si canta l'inno, si dettano regole e avvisi della scuola e, ovviamente, si innalza la bandiera.

Foto 2
Il cinese, non essendo una lingua alfabetica, è risaputo essere una delle lingue più difficili al mondo, lo studio è davvero impegnativo, ogni parola ha un carattere a sè, di cui non si può sapere la pronuncia se non la si studia. Da ciò si deduce che ogni parola va studiata singolarmente e richiede del tempo.

Foto 3
La cucina cinese è diversa per la tipologia di cibo ma soprattutto per il modo in cui si consuma. A tavola si possono ammirare diverse pietanze, poi ognuno ha una sua ciotola personale di riso, nella quale metterà le pietanze che si trovano in centro al tavolo, in modo che ognuno possa scegliere ciò che gli piace senza avanzare nulla. Le bevande sono un'eccezione, non vi è pertanto l'abitudine di apparecchiare la tavola. Per quanto riguarda il cibo, la varietà all'interno della Nazione è molto sentita, ogni città ha le sue specialità, tuttavia ogni casa ha un suo orientamento verso il cibo, chi lo preferisce piccante, chi preferisce zuppe, chi preferisce pietanze fredde etc. Questo testimonia anche lo spostamento di persone che è caratteristico della Cina, persone di origine molto diversa che si sposano o lavorano in un unico posto.

Foto 4
La famiglia è una risorsa importante per entrare al meglio nella cultura e abituarsi allo stile di vita cinese. Vivere in famiglia durante il fine settimana mi ha dato la possibilità di scoprire e sperimentare il cibo, le usanze e tradizioni e osservare come una normale famiglia cinese vive la sua quotidianità. Grazie all'inserimento in una famiglia cinese è stato impossibile non notare le differenze che vi sono tra un tipico nucleo familiare cinese e uno italiano. Mentre in Italia la dimostrazione di affetto è all'ordine del giorno in Cina non ci si rivolge il saluto neanche dopo una lunga assenza, ciò non significa che non ci sia affetto tra le persone, ma semplicemente si dimostra in altri modi.

Foto 5
Parte importante del mio anno all'estero è stata sicuramente l'amicizia, un valore che si rivela davvero prezioso, soprattutto in un contesto come questo. È un anno in cui incontrare difficoltà è indubbiamente scontato, e gli amici, compagni di viaggio, sono persone con cui potersi sfogare, da cui ricevere aiuto, ma soprattutto condividere idee e impressioni su una cultura nuova e diversa come è appunto quella cinese.
  • Foto 1
  • Foto 2
  • Foto 3
  • Foto 4
  • Foto 5
  • Foto 6
  • Foto 7
  • Foto 8
  • Foto 9
  • Foto 10
  • Foto 11
  • Foto 12

Foto 6
La calligrafia è una delle arti più raffinate e popolari in Cina, i maestri calligrafi sono persone estremamente acculturate e quasi allo stesso tempo ricche. Per praticare la calligrafia cinese bisogna impiegare tecniche particolari, utilizzare pennelli qualificati e inchiostri altrettanto appositi; una delle regole principali resta comunque il silenzio, la pazienza e l'esercizio.

Foto 7, foto 8 e foto 9
La pittura cinese è una delle più antiche tradizioni artistiche del mondo e la caratteristica più importante è la stretta connessione tra calligrafia e pittura, infatti, sopra ogni disegno sono riportate delle scritte in calligrafia antica anch'esse parti del disegno; nessuno può diventare un pittore se non è anche un buon calligrafo.

Foto 10
Una tra le feste più importanti per i cinesi è il 清明节, cioè la commemorazione dei defunti (Letteralmente "festa della purificazione"), durante questa festa molte famiglie si recano a visitare i propri cari defunti per ricordali. Ci sono usanze diverse dall'Italia, come per esempio i fiori che, non sono lasciati nei vasi, ma infilati nel terreno o in alternativa ne vengono staccati i petali e posizionati sulla tomba. Un'altra usanza è quella di bruciare dei soldi finti per farli arrivare nell'aldilà oppure di lasciare del cibo per far sì che il defunto non si senta dimenticato.

Foto 11
La Cina, data la sua vastità, è caratterizzata da una varietà di paesaggi che comprendono il vecchio e il nuovo e la fusione di tradizione e innovazione. Da una parte, molte città lasciano spazio alle antiche tradizioni e mostrano le peculiarità della Cina; dall'altra alcune grandi città mostrano l'influenza occidentale, come ad esempio 上海 (Shanghai).

Foto 12
Una caratteristica della comunità cinese è l'accoglienza e l'ospitalità. Non importa quale legame ci sia con una persona, quest'ultima ti tratterà come se fossi un membro della sua famiglia. Anche se apparentemente quella cinese risulta essere una società chiusa, in realtà si è dimostrata molto cordiale, interessata e curiosa di scoprire nuove culture.

Veronica

Da L'Aquila in Cina per un anno

  • Prossima Storia

    Semplicemente diverso

    Pensi sia meglio la scuola in Germania o in Italia? Quest’anno mi ha insegnato tanto e una delle cose che ho capito è che non bisogna sempre classificare:giusto o sbagliato, migliore o peggiore… è semplicemente diverso;...

    Maria

    Da Lecce in Germania per un anno

  • Prossima Storia

    Altrove

    Sono qui, ma è come se fossi altrove. Dov'è il mio corpo, la mia anima, il mio cuore? Si dividono tra un piccolo paese di nome Porto Cesareo ed una fin troppo grande città di nome New Delhi. I pensieri ultimamente si snodano...

    Emanuele

    Da Lecce in India per un anno

  • Prossima Storia

    Scoprire la cultura tagalog

    Sono passati 5 mesi da quando sono arrivata nelle Filippine... Questo paese non era la mia prima scelta, ma ero comunque contenta di poter partire in un paese che comunque senza intercultura non avrei mai potuto visitare; ora posso affermare...

    Chiara

    Da Nuoro nelle Filippine per un anno

  • Prossima Storia

    Lavoro di squadra

    Oggi è il mio primo giorno di scuola. Alle 7 dovrò già essere là, quindi la sveglia suona alle 5. Almeno per il primo giorno, non voglio essere in ritardo.Indosso la mia uniforme: il tessuto è un po' pesante,...

    Noemi

    Da Como nelle Filippine per un anno

Welcome to Intercultura (AFS Italy) website! Where do you want to go?
- If you want to know more about Intercultura, click here
- If you want to know more about studying in Italy with Intercultura, click here
- Sprechen Sie Deutsch? Hier Klicken
- If you want to visit the full website (Italian only), click here