Dalla pratica alla teoria: a lezione di CAS!

Sen

Da Arese in Repubblica Dominicana per un anno

La mia giornata al colegio (scuola) inizia alle 7.30 con il saluto alla bandiera dominicana, usanza immancabile.Alle 7.45 iniziano le lezioni e, esattamente come in Italia, ci sono materie come la matematica, sociales (storia) o biologia. Altre lezioni come lo spagnolo o teoria del conocimiento (che potrebbe essere definita come un tipo di filosofia) non sono presenti in tutte le classi degli istituti italiani.
Sono presenti materie come inglese, francese, chimica e tutto sommato la scuola non è molto differente, se non fosse per una materia, che certamente ha un che di "rivoluzionario": il CAS.
La scuola non è molto differente, se non fosse per una materia, che certamente ha un che di "rivoluzionario": il CASCAS o "creatividad, actividad y servicio" è una materia che anziché tener conto dello studio classico, con libri, interrogazioni e verifiche, si occupa dell'apprendimento attraverso attività alternative. Nella mia scuola è una materia molto importante, infatti è fondamentale per il diploma: alla fine del percorso scolastico bisogna avere un conteggio finale di 150 ore di attività CAS.
Funziona così: l'alunno decide un'attività qualsiasi che rientri nelle tre branche del CAS: attività creative (disegnare, dipingere, progettare, ecc.), attività di servizio (volontariato, insegnamento ecc.), e attività generali come fare sport, cucinare, ecc.
Le attività sono extrascolastiche e bisogna suddividere le 150 ore delle attività più o meno equamente tra le tre branche. L'importante è che l'attività sia senza fine di lucro e che, prima di attuarla, si scrivano gli obiettivi che si vogliono raggiungere attuando una particolare attività.

  • Sen e la sua famiglia ospitante
  • A scuola!

Scatti dalla vita di Sen in Repubblica Dominicana

Ad esempio, se volessi fare un corso di lingue, dovrei andare dal coordinatore del CAS, esporre i miei obiettivi (imparare nuove lingue ad esempio) affinché il coordinatore possa accordarmi l'attività, ed esporre la durata di questa attività (20 ore ad esempio). La durata dell'attività è fondamentale e l'esposizione degli obiettivi ancor di più. Infatti essa permette di far capire al coordinatore se effettivamente l'attività possa giovare al mio bagaglio culturale. Ad esempio guardare tutto il giorno film non rientra nelle attività del CAS, ma se invece si guardano documentari sulla cultura groenlandese e sugli obiettivi si scrive che si vuole imparare al meglio questa cultura, bene, l'attività rientra nel CAS.
Specificare la durata dell'attività e gli obiettivi che si vogliono raggiungere permette di far capire al coordinatore se effettivamente l'attività possa giovare al proprio bagaglio culturaleDopo aver avuto il consenso del coordinatore, non resta altro che attuare l'attività, ricordandosi che ha una durata precisa. Al termine, c'è un altro punto fondamentale: la riflessione. Dopo l'attività infatti, bisogna dimostrare che in effetti si sono raggiunti gli obiettivi esposti al coordinatore, e lo si dimostra scrivendo una riflessione approfondita. Se il coordinatore accetta la riflessione come valida, allora le ore praticate per quella attività vengono ufficializzate e rientrano nelle 150 ore richieste.
Il CAS è una materia innovativa, rivoluzionaria per varie motivazioni. In primis, non è uno studio classico, fatto di libri e verifiche, lascia più libero lo studente di decidere cosa imparare e come impararlo, fa in modo che si possa organizzare da solo rendendolo più indipendente. Il CAS è l'apprendimento allo stato puro: imparare qualcosa vivendola sulla proprio pelle.

Sen

Da Arese in Repubblica Dominicana per un anno

  • Prossima Storia

    Trovare la vera me in Australia

    Non pensavo che in soli due mesi ci si potesse affezionare cosi tanto a delle persone, creare un legame veramente forte, quasi indistruttibile e cambiare il proprio modo di vedere le cose. All’inizio mi sono spaventata perché non...

    Margherita

    da Parma in Australia per due mesi

  • Prossima Storia

    Perchè partire

    Perché sei partita? Eccola, la domanda che mi è stata rivolta come minimo mezzo milione di volte da quando ho lasciato l'Italia per la mia vita in Thailandia. Una domanda formata da tre parole e spesso accompagnata da un sopracciglio...

    Carlotta

    Da Roma in Thailandia per un anno

  • Prossima Storia

    Il popolo brasiliano è accogliente e caloroso

    Ciao, spero che con questo mio breve racconto del mio primo mese qui in Brasile io possa essere utile a qualche futuro ragazzo in partenza, e allo stesso tempo io riesca a invogliare tutti a vivere questa meravigliosa esperienza. La mia scuola...

    Silvia

    Da Vicenza in Brasile per sei mesi

  • Prossima Storia

    Dalla cucina alla calligrafia: immagini dal mio anno in Cina

    Veronica ci racconta, attraverso le immagini, il suo anno in Cina, tra lo studio del cinese e il tempo libero!Foto 1La mia scuola è solo una tra le decine di istituti che si trovano a Jiujiang 九江, città considerata "piccola" dai...

    Veronica

    Da L'Aquila in Cina per un anno

Welcome to Intercultura (AFS Italy) website! Where do you want to go?
- If you want to know more about Intercultura, click here
- If you want to know more about studying in Italy with Intercultura, click here
- Sprechen Sie Deutsch? Hier Klicken
- If you want to visit the full website (Italian only), click here