DAN ITALIJE, una Giornata italiana in Serbia

I volontari di Irsina

raccontando di Myriam, per un anno in Serbia

Myriam è una solare ragazza di Gravina (BA). Come altri suoi coetanei, l’anno scorso anche lei ha affrontato le selezioni di Intercultura, vinto una borsa di studio, e soprattutto deciso di cambiare la sua routine quotidiana, sperimentando in prima persona il significato di un’esperienza all’estero.

Così, grazie alla sua determinazione, dallo scorso settembre fino alla prossima estate, Myriam vive e studia in Serbia, nella cittadina di Veliko Gradište, al confine con la Romania, abitata da poco più di 6000 persone, un settimo rispetto alla sua Gravina!

La sua storia è stata ripresa dalla televisione serba, dove appare felice, realizzata e un po’ emozionata, proprio nell’ambiente scolastico, in cui ha trovato molto interesse verso la cultura e la musica italiana da parte dei suoi compagni.

Da Veliko Gradište, ci scrive:

“Ho una nuova vita qui, una vita che quando è iniziata non vi nascondo che è stata difficile, ma che ad oggi posso dire che è la vita che non avrei mai immaginato di avere in un altro stato. Una vita che a momenti sembra essere la mia da sempre, fin da quando ero piccola. La quotidianità, la famiglia, la scuola, gli amici, sembra di conoscerli da una vita, eppure sono solo 5 mesi che sono qui.
Dimostrazione di tutto ciò è stato questo fantastico evento che abbiamo preparato nella mia scuola, DAN ITALIJE(Giornata italiana). E' stata una dimostrazione fantastica di quanto io ho imparato qui in così poco tempo, mi riferisco alla lingua che ora parlo fantasticamente senza problemi, magari con qualche errore, ma la parlo. E' anche stata la dimostrazione di quanto la mia classe si è interessata all'italiano e di quanto mi vuole bene e sicuramente quanto me ne vorrà ancora, in loro ho trovato un'altra famiglia.
Per tutto ciò devo ringraziare AFS, che mi ha permesso questa fantastica esperienza, la mia esperienza, il mio anno, la mia nuova vita Serba”.

"La quotidianità, la famiglia, la scuola, gli amici, sembra di conoscerli da una vita, eppure sono solo 5 mesi che sono qui"
Ospitata da una famiglia locale e frequentando la scuola serba, Myriam è riuscita ad ambientarsi in questo Paese tanto vicino quanto diverso, ha fatto sue le tradizioni del luogo e ha imparato il serbo (incluso l’alfabeto cirillico!). Complice la musica, una passione che coltivava già in Italia, che l’ha aiutata a stringere amicizie e relazioni durature e le ha permesso anche di esibirsi, chiaramente in serbo, a scuola.
  • La giornata italiana, organizzata nella scuola di Myriam
  • La famiglia italiana di Myriam in visita in Serbia, fra il pubblico numeroso
  • Abiti tradizionali a confronto
  • Myriam intervistata alla TV serba
  • I genitori di Myriam e il preside
  • Un regalino dall'Italia per le insegnanti
  • Foto di gruppo a fine giornata: i palloncini riprendono i colori delle bandiere serba e italiana

Anche il padre Nicola è apparso in televisione, intervistato da TeleGravina, dove ha dichiarato:

“Quando mia figlia mi propose di voler aderire e andare via per un anno, io ero molto restio. Man mano che sono passati i giorni, le settimane e i mesi, mi sono reso conto che era giusto darle questa possibilità, anche perché ho notato, andandola trovare, la crescita esponenziale che ha avuto Myriam, stando a contatto con una realtà molto differente rispetto a quella di casa nostra. Ad oggi posso dire che se avessi negato a Myriam questa opportunità, ci sarei stato male”.

"Ad oggi posso dire che se avessi negato a Myriam questa opportunità, ci sarei stato male"
La famiglia di Myriam ha veramente “aperto il proprio mondo al mondo”, attraverso l’esperienza di Myriam, la visita in Serbia, ma anche un’esperienza di ospitalità in Italia di una studentessa canadese. Come dicono sempre i volontari di Intercultura, si tratta veramente di “incontri che cambiano il mondo”.

I volontari di Irsina

raccontando di Myriam, per un anno in Serbia

  • Prossima Storia

    Ritornare è bello, ma riadattarsi è la vera sfida

    Ho scritto righe su righe durante il mio anno all'estero, riempiendo diari e consumando inchiostro, eppure, quando Intercultura mi ha chiesto di raccontare qualcosa sulla mia esperienza in Turchia non ho trovato il coraggio di buttar giù...

    Piera

    Da Isernia in Turchia per un anno

  • Prossima Storia

    Momenti epici

    La Cina, che Paese! Non mi sarei mai aspettato che mi sarebbe piaciuta così tanto. Reduce da un “amazing year” negli States, sempre con Intercultura, non ho perso l’occasione di rilanciarmi, questa volta solo con un...

    Mattia

    Da Alessandria in Cina per un'estate

  • Prossima Storia

    Tutto o niente: questa è l'Islanda!

    Tutto o niente.No, non è il titolo di uno sketch comico di Antonio Albanese. Non è neanche un antico proverbio cinese (o forse sì, su questo non ne sono proprio sicuro). Si tratta della regola fondamentale per restare su...

    Luca

    da Augusta in Islanda per un anno

  • Prossima Storia

    Ti va un po' di zuppa?

    Ehi Federico, come sta andando la tua nuova vita in Ungheria? Finora si è rivelata una bella esperienza sia in famiglia, sia a scuola che con gli amici. Vivo in un piccolo villaggio di 1500 anime, distante quaranta minuti di treno...

    Federico

    Da Augusta in Ungheria per un anno

Welcome to Intercultura (AFS Italy) website! Where do you want to go?
- If you want to know more about Intercultura, click here
- If you want to know more about studying in Italy with Intercultura, click here
- Sprechen Sie Deutsch? Hier Klicken
- If you want to visit the full website (Italian only), click here