EUROPEAMUS

Flavia

Volontaria del Centro Locale di Roma Nord

La festa dell’Europa è ormai una lunga tradizione nella scuola, ma il 9 maggio 2014 ha acquistato un sapore nuovo e più emozionante per il debutto “in società ” della RETE PROMOSSI del Lazio in cui alcune scuole di varie province, con la partecipazione dell’Associazione Intercultura, si sono riunite, per condividere e stimolare buone pratiche metodologiche nella mobilità scolastica individuale e collettiva.
Quest’anno il 9 maggio 2018 quattro scuole di quella RETE si riuniranno al Liceo Farnesina di Roma per stare insieme e concludere il progetto didattico iniziato il 17 ottobre 2017 al Liceo Artistico ARGAN di Roma su AGENDA 2030 abitiamo il Villaggio globale : diritti e convivenza civile a tutela della persona e della collettività.

Alle ore 10 i ragazzi del liceo Farnesina , del liceo artistico Argan, dell’IIS Dante Alighieri di Anagni e virtualmente i ragazzi del liceo Rocci di Passo Corese hanno presentato il loro lavoro sul tema dei diritti umani e delle dignità della persona. L’introduzione alla giornata europea è stata preparata dai ragazzi del III B del Liceo Farnesina che hanno confrontato l’Agenda 2030 con alcuni articoli della costituzione italiana su lavoro, accoglienza, democrazia, libertà, legalità. Altri studenti del Liceo Farnesina hanno allestito la Mostra “Erasmus plus “Limes”: costruire ponti e non muri in Europa e nel mondo”.L’inaugurazione nella hall della scuola ha visto la partecipazione attiva di tutti gli studenti presenti al meeting , i quali hanno dovuto guardare le 35 foto proposte da Italia Danimarca Romania, Ungheria e Germania sul tema del progetto “Limes” e quindi scegliere la preferita. Alla fine delle mostre che ciascun paese farà nella propria scuola, si avrà la foto vincitrice. La Danimarca per esempio propone un danese che esprime sorridendo la storica “antipatia” verso la Germania, mentre d’altronde ha studiato il tedesco, lo parla ed ha molti amici in Germania con cui beve volentieri una birra….. (danese o tedesca!?).

Dopo questo preludio il protagonista dell’incontro è diventato lo scrittore PRIMO LEVI , poiché la referente Flavia Rossocci lo aveva proposto come tema d’anno, prendendo il suggerimento da una meravigliosa Mostra allestita al Palazzo del Quirinale ad ottobre 2017 dalla Fondazione Primo Levi.
Primo Levi è stato studiato dagli studenti di Passo Corese, di Anagni e di Roma in modo diverso e con strategie di presentazioni molto personalizzate.

Gli studenti artisti del Liceo artistico Argan sono andati a teatro a vedere la drammatizzazione teatrale di Se questo è un uomo. Da questo spettacolo che li ha colpiti ed emozionati hanno preso l’avvio gli studi sui testi ed è germinata l’idea di presentare alcune riflessioni e un testo poetico “Se questo è un uomo”, in lingue diverse, parlate dalle studentesse della classe: cinese, spagnolo, inglese e, naturalmente, ITALIANO. L’atmosfera creatasi in Aula Magna dove si svolgeva l’incontro si era fatta tesa e pensosa. In questo momento si sono inseriti i ragazzi del liceo di Anagni, che avevano lavorato specialmente sull’altra opera di Primo Levi “La tregua”, cogliendo il significato metastorico e simbolico del viaggio come metafora esistenziale.

Da lontano ci è giunto il lavoro degli studenti di Passo Corese che hanno lavorato sodo sui testi di Primo Levi , proponendo un excursus sulla condizione femminile e sul femminicidio. Saper rielaborare il pensiero storico dei grandi scrittori e saper utilizzare le chiavi interpretative critiche e storiche per leggere la complessità del presente è una competenza alta, che la formazione interculturale ambisce a raggiungere. Il loro lavoro tramite la referente Intercultura Flavia Rossocci ha parlato ai convenuti anche se gli studenti non erano presenti in Aula Magna. Questo è un ottimo segno di aver fatto un buon lavoro comunicativo e completo.

Infine alcuni docenti del Liceo Farnesina e la referente hanno parlato della formazione interculturale a cui hanno partecipato con il progetto Erasmus plus Intercultural Learning for pupils and teachers promosso dalla Fondazione Intercultura. In particolare si è citata l’esperienza di una classe quinta del liceo scientifico Farnesina che ha discusso, prendendo spunto dalla unità didattica dalla toolbox del progetto sul seguente topic : Si può negoziare un valore? La classe quinta ha completato il lavoro con un fuori programma rispetto al progetto, cioè con la scrittura di saggi previ personalizzati sulla questione critica della possibilità di condivisione di valori condivisi nel mondo della globalizzazione. I ragazzi della II B e III B hanno manifestato il piacere di aver fatto l’esperienza Erasmus.

La mattinata si è conclusa con un breve saluto della animatrice di zona Anna Pessato che ha voluto seguire il percorso didattico dell’Erasmus plus Intercultural learning for pupils and teachers e gli sviluppi del tema dell’AGENDA 2030. Gli studenti e i docenti stanchi ma soddisfatti sono tornati a casa o in classe, dopo aver scattato una grande foto di gruppo, nutrendo la speranza di vivere in futuro ancora pensieri ed emozioni positivi, come questi. Questo entusiasmo per aver lavorato ed essere stati invitati a condividere il lavoro svolto rincuora volontari ed educatori e li spinge a spronare allo studio e alla partecipazione interculturale tutti i giovani, che danno, sempre, a noi adulti ottime risorse razionali ed emotive.

Flavia

Volontaria del Centro Locale di Roma Nord

  • Prossima Storia

    Un'esperienza indimenticabile

    Lo scambio culturale è un’esperienza unica ed irripetibile.Vivere due settimane in un mondo completamente diverso dal mio mi ha cambiato fortemente in tutti i sensi, anche perché ho potuto vedere e toccare realtà che...

    Jacopo

    Partecipante ad uno scambio di classe con l'India

  • Prossima Storia

    Piccole scuole interculturali

    Essere insieme docente di Italiano e volontaria di Intercultura è stata una preziosa alchimia capace di rendere il mio lavoro ancora più entusiasmante. Ho sempre cercato di educare i miei alunni alla pace, alla tolleranza, alla...

    Stefania Anfuso

    Insegnante presso l'Istituto Scolastico Ruiz di Augusta, SR

  • Prossima Storia

    Tra natura e tradizioni in Repubblica Slovacca

    Riportiamo qui di seguito alcune testimonianze degli studenti delle classi IIA e IIB del Liceo Classico di Nova Siri, che hanno partecipato ad uno scambio di classe con la Slovacchia a Trebisov." Eravamo tutti in ansia: chi non aveva mai preso...

    Studenti classi seconde del Liceo Classico di Nova Siri

    Partecipanti ad uno scambio di classe con la Repubblica Slovacca

  • Prossima Storia

    Una storia lunga vent'anni

    Voglio raccontarvi una storia che comincia vent'anni fa, quando ho cominciato a organizzare scambi di classe con l'aiuto di Intercultura, e arriva fino ad oggi, con il video dell'ultimo scambio con Belgrado, di maggio, che vedete qui sotto.Siamo...

    Valeria Gallerani

    Insegnante presso l'Istituto Scolastico Cambi - Serrani di Falconara Marittima, AN

Welcome to Intercultura (AFS Italy) website! Where do you want to go?
- If you want to know more about Intercultura, click here
- If you want to know more about studying in Italy with Intercultura, click here
- Sprechen Sie Deutsch? Hier Klicken
- If you want to visit the full website (Italian only), click here