Finora tutto bene

Caterina

Da Legnano negli USA per un anno

Hello everyone! Mi chiamo Caterina e vengo da Milano. Il 10 agosto ho lasciato l'Italia alla volta degli Stati Uniti. In questo momento mi trovo a Springfield, Ohio.
Vivo con due genitori premurosi, un sorella con cui condivido la maggior parte degli interessi e un fratello appassionato di musica. Ho cominciato la scuola 2 settimane fa e... che dire, è tutto così nuovo e diverso che fatico a stare dietro alle emozioni!
La mia giornata scolastica è composta da sette lezioni da 47 minuti ciascuna e una pausa pranzo di mezz'ora. Ho cominciato il mio primo giorno di scuola studiando storia americana: una materia del tutto nuova ed affascinante per me. Ricordo il test di inizio anno svolto il secondo giorno a scuola come un foglio pieno di domande a me sconosciute. Ed è proprio questo il motivo per cui ho scelto questa materia: per studiare e scoprire la storia da un punto di vista differente da quello europeo.
Dopo il primo periodo (qui le lezioni vengono chiamate così), ho scelto, tra le altre materie, pre-calculus e, anche se i numeri sono uguali, è comunque interessante seguire le spiegazioni in una lingua che non è la mia. Anche se ciò può sembrare difficile non è affatto impossibile. Tuttavia io ho la fortuna di avere la mamma ospitante che insegna proprio matematica e, pertanto, se ho bisogno di un aiuto, posso sempre chiedere a lei. Le altre materie che hanno composto il mio primo giorno scolastico sono state English advanced, French IV, Spanish III e Yoga/Fitness.
Ho scelto di seguire storia americana per studiare e scoprire la storia da un punto di vista differente da quello europeoI periodi si ripetono tutti i giorni in egual modo, tuttavia non è noioso come si potrebbe pensare. Di conseguenza, i compiti vengono assegnati ogni giorno per quello successivo e questo per me è qualcosa di nuovo essendo abituata, frequentando la scuola italiana, a riceverli due o tre giorni prima della consegna.
Inutile dire da quanto tempo aspettavo di poter entrare in una scuola americana. Mi sarei aspettata di vedere tutto con occhi sognanti e di chiedere spiegazioni per ogni singola cosa che avessi visto. Ciò che non mi sarei aspettata è stata però la positiva accoglienza ricevuta da parte dei compagni e delle insegnanti: tutti sono stati molto gentili e pazienti con me, mi hanno spiegato come funziona il sistema scolastico e mi hanno mostrato l'edificio. Gli studenti, in particolare, mi hanno aiutata molto durante i primi giorni, quando chiedevo loro indicazioni per le classi in cui andare. E questa è una delle cose differenti dall'Italia: ad ogni ora gli alunni hanno 4 minuti di tempo per recarsi agli armadietti (altra cosa che in Italia non esiste), cambiare il materiale scolastico e recarsi alla lezione successiva.
  • <div>Io e le mie amiche il primo giorno di scuola. Dietro vi è una tipica casa americana.</div>
<div></div>

Il rapporto tra insegnanti e alunni è molto più amichevole rispetto a quello del sistema scolastico italiano e i professori sono molto più vicini ai bisogni degli alunni. Nello stesso tempo però le regole, sotto alcuni punti di vista, sono più rigorose: per esempio, mi ha colpito il fatto di non poter saltare più di 6 giorni di scuola per semestre.
Durante la pausa pranzo si sta tutti assieme a socializzare. Le high schools americane dispongono di mense proprio come quelle che abbiamo in Italia all'interno delle scuole elementari o delle materne. Un'altra grande differenza, che personalmente trovo molto interessante, è l'importanza data allo sport e alle attività extra scolastiche. Premettendo che una delle particolarità dell'Ohio State sono le marching bands e io ho fatto una scelta che sta facendo diventare la mia esperienza ancora più bella ed emozionante: ho deciso di far parte della marching band della mia scuola dal primo momento in cui l'ho vista in azione. Ho sentito di volere entrare a far parte di questo gruppo così unito e divertente e dunque eccomi nella mia divisa pronta per il mio primo show, tenutosi giusto pochi giorni fa prima e durante la pausa della partita di football giocata presso la mia attuale scuola: la Kenton Ridge High School.
Essere parte della marching band ha reso la mia esperienza ancora più bella ed emozionanteÈ passato quasi un mese dalla mia partenza ma tutto è trascorso così velocemente che ancora ricordo alla perfezione la sensazione di profonda gioia provata sentendo parlare una lingua completamente diversa dalla mia, o scattando le foto del primo giorno di scuola assieme alle mie amiche prima di recarsi effettivamente all'istituto. Personalmente non ho trovato molto difficile l'impatto con la mia famiglia o con la lingua. Certo, molte volte chiedo di ripetermi ciò che è stato appena detto ma è assolutamente normale, dunque non mi faccio problemi riguardo ciò. Detto questo, posso affermare che finora la mia esperienza sta andando a gonfie vele e spero davvero possa continuare di questo passo.

Caterina

Da Legnano negli USA per un anno

  • Prossima Storia

    Non siamo sotto lo stesso cielo

    Dopo 3 giorni di viaggio siamo finalmente arrivati a Jamusi. Ho stretto forte i miei compagni per prendermi tutta la forza di cui avevo bisogno per affrontare la mia nuova vita e sono scesa dal treno. Ho visto i volti delle persone con cui avrei...

    Gaia

    Da Siracusa in Cina per un anno

  • Prossima Storia

    Hvala lepa, moja Slovenija

    Grazie mille, mia Slovenia.Trascorrere tre mesi immersa tra il verde di Pokoše (Zgornia Polskava), le strade della mia Maribor e passeggiando lungo il fiume di Ljubljana è stata senza alcun dubbio l'esperienza più bella...

    Alessia

    Da Benevento in Slovenia per tre mesi

  • Prossima Storia

    Le "mie" Filippine

    Giulia, partecipante al programma annuale, ci racconta il suo anno e le "sue" Filippine. Un telefono acceso ed una galleria piena di foto, di ricordi. E io, sdraiata sul mio letto, con le cuffiette alle orecchie, percorro lentamente il mio...

    Giulia

    Da Padova nelle Filippine per un anno

  • Prossima Storia

    La mia nuova "casa"

    Annaviola, partecipante al programma annuale in Thailandia, ci racconta come la sua esperienza abbia cambiato il suo modo di guardare la realtà e affrontare gli ostacoli con la tipica tranquillità thailandese.Sono qui, che cerco...

    Annaviola

    da Brescia in Thailandia per un anno

Welcome to Intercultura (AFS Italy) website! Where do you want to go?
- If you want to know more about Intercultura, click here
- If you want to know more about studying in Italy with Intercultura, click here
- Sprechen Sie Deutsch? Hier Klicken
- If you want to visit the full website (Italian only), click here