Frenesia e tranquillità

Claudia

Da Trani a Hong Kong per un anno

Apro gli occhi e trovo grattacieli, li chiudo e trovo templi. La città opposta alla tranquillità, il traffico opposto al silenzio. Credo sia il modo migliore per descrivere Hong Kong. Frenesia contro relax.

Vivo qui da più di sei mesi ormai. In questo periodo ho fatto tante cose, ho visto posti bellissimi, ho conosciuto tanta nuova gente. Ho respirato questa cultura in cui ogni giorno mi immergo e di cui ormai vivo. Questo posto mi affascina e mi coinvolge, trovare templi Taoisti o Buddisti fra i grattacieli e osservare quanto queste due culture, antica e moderna, siano perfettamente incatenate, credo sia la cosa più bella di questo Paese. Le due diversità si incastrano in un puzzle dai colori vivaci, dagli odori forti e dalla realtà in cui nulla è impossibile. Ho visitato alcuni di questi templi, ne ho sentito i profumi e le tradizioni ancora perfettamente vivi fra i colori stupendi che li accomunano. Adoro osservare l'entusiasmante Skyline del Victoria Harbour di sera, le luci dei grattacieli riflettersi nell'acqua e la gente intenta nel fotografarsi con la speranza di avere lo scorcio migliore sul panorama. Ho scelto Intercultura per scoprire una nuova cultura, volevo una meta lontana e diversa perché Intercultura non è solo imparare una nuova lingua, è principalmente vivere una nuova nazione, un nuovo mondo e sapersi immergere e adattare allo stesso. È una crescita personale, forse questo era il mio obiettivo principale e credo che giorno per giorno stia riuscendo a raggiungerlo.

Nel primo periodo ho vissuto uno "shock culturale" notevole, iniziando dalla lingua! Ad Hong Kong tutti conoscono l'inglese ma la gente parla il cinese cantonese, io tra l'altro studio in una scuola di cinese mandarino!
È una crescita personale, forse questo era il mio obiettivo principale e credo che giorno per giorno stia riuscendo a raggiungerloIn questi mesi ho vissuto delle esperienze fantastiche, sei mesi mi sembrano così pochi per tutte le attività che ogni giorno hanno riempito il mio tempo libero!

Ci sono state molte festività come il Mid Autumn Festival a Settembre, una festa molto particolare da trascorrere con la famiglia e amici in cui si organizzano barbecue o si cena tutti insieme. Ricordo la città in quei giorni decorata da lanterne colorate ovunque e la famosa Moon Cake, un tortino dal sapore stranissimo!

Il capodanno è stato anche molto bello sotto i fuochi d'artificio e il conto alla rovescia in cantonese sulla Skyline!

  • Claudia in abito tradizionale
  • Claudia nelle strade di Honk Kong
  • Claudia, papà e fratello
  • Claudia in paesaggio
  • Claudia e famiglia al ristorante
  • Claudia al tempio
  • vista della baia di Hong Kong
  • Claudia e statua religiosa
  • Claudia scrive ideogrammi cinesi
  • prove di tai chi
  • Claudia al tempio
  • Claudia e nonna
  • Claudia e Skyline notturno
  • Claudia e mamma in cucina
  • Claudia e gruppo AFS con abiti tradizionali

Tra tradizione e modernità, l'anno ad Hong Kong di Claudia

L'ultima festività appena conclusasi è stato il Capodanno Cinese, l'anno della Capra è appena iniziato e posso dire che per quanto Hong Kong sia sempre definita una metropoli internazionalizzata, io riesco a sentire perfettamente la cultura asiatica e cinese che la circonda soprattutto da questa festività in cui la famiglia si riunisce per il “bai nian” (cene di famiglia e visite a casa di vecchi amici).

Dal primo momento in cui sono arrivata mi sono resa conto che la maggior parte delle cose qui funzionano diversamente dall'Italia e dal primo momento ho cercato di convincermi che tutto quello che ogni giorno vedo non è "strano", ma semplicemente "diverso". Diverso non significa peggiore o migliore, significa semplicemente "altro" (un'altra cultura). "Altro" è mangiare ogni giorno con le bacchette; camminare scalzi in casa; indossare ogni giorno l'uniforme scolastica e cantare l'inno della scuola nel cortile la mattina; andare a scuola nei mesi caldi anche quando sembra impossibile, anche quando appena uscita di casa la pelle diventa umida per il caldo; camminare a passo veloce, sempre, per non fare tardi a scuola o ad altri impegni e passare molto tempo nella metro, qui chiamata MTR che collega perfettamente tutta Hong Kong.
Diverso non significa peggiore o migliore, significa semplicemente "altro"La scuola occupa la maggior parte della mia giornata, ma il weekend sono spesso organizzate attività di AFS Hong Kong, che ha organizzato anche un bellissimo viaggio a Pechino a Novembre a cui ho partecipato.

La cosa che mi entusiasma di più di questa esperienza è che quando tornerò potrò vedere tutto con occhi diversi da due differenti prospettive: quella occidentale e quella asiatica.

Claudia

Da Trani a Hong Kong per un anno

  • Prossima Storia

    Il Nebraska del 1960

    Mi chiamo Anna Robles e sono un’AFSer, anno 1960/61, Kimball, Nebraska USA.Già, sono un AFSer. Aver vissuto quell’esperienza è diventato uno stato del cuore e della mente, sempre divisi tra il mio Paese e quell’altro. Quando...

    Anna

    storica borsista, nel 1960-61 negli Stati Uniti

  • Prossima Storia

    Enjoy the Swedish School System!

    Ho iniziato a frequentare la Midgårdsskolan il 25 agosto, data in cui nella mia Lecce si è ancora in piena estate e si è in procinto di festeggiare il patrono locale, S. Oronzo. Nessuna bandiera Italiana, nessun “welcome...

    Ludovica

    da Lecce in Svezia per un anno

  • Prossima Storia

    Un'estate diversa in Danimarca, Giappone e USA

    Allargare la propria visione del mondo con un’esperienza oltre la solita vacanza studio: è ciò che ha proposto la Banca di Cherasco Credito Cooperativo a 3 studentesse piemontesi, vincitrici delle Borse di studio per programmi...

    Chiara, Noemi e Martina

    studentesse piemontesi partite per un'estate in Danimarca, Giappone e USA

  • Prossima Storia

    Il mio anno in Lettonia

    "In Lettonia?!" mi hanno chiesto tantissime persone quando davo loro la notizia della mia partenza, domanda subito seguita da "e dov’è?". Gli italiani direbbero "vicino alla Russia", i lettoni sottolineano "sotto la Finlandia"....

    Giulia

    Da Padova in Lettonia per un anno

Welcome to Intercultura (AFS Italy) website! Where do you want to go?
- If you want to know more about Intercultura, click here
- If you want to know more about studying in Italy with Intercultura, click here
- Sprechen Sie Deutsch? Hier Klicken
- If you want to visit the full website (Italian only), click here