Il carnevale a Samugheo

Yue

Dalla Cina a Cagliari per un anno

La cultura si scopre in ogni momento, persino nella vacanza.

Il 23 febbraio siamo andati a Samugheo per vedere il carnevale. Era diverso dal carnevale di Venezia, questa festa era selvatica e pazza. Indossavano maschere spaventose, diventavano ai animali, correvano tra la gente, si arrampicavano sui muri e arrivavano anche nelle terrazze delle case...erano misteriosi e ci fanno paura...

Quel giorno, dopo pranzo, siamo partiti da Cagliari e dopo circa un'ora e mezza siamo arrivati a Samugheo! Lì c’era tanta folla e tutti stavano in piedi. Il primo gruppo indossava la tragica e spaventosa maschera composta da un gabbano nero di orbace, con il cappuccio calato sul viso, il “tintieddau". Il “tintieddau” è una polvere ricavata dal sughero bruciato. Stavamo guardando e pensando "wow, cosa ‘sono’?!". All’improvviso sono venuti davanti a noi, e hanno messo il “tintieddau” sui nostri visi. Non conoscevamo questa tradizione ed eravamo tutti sporchi come i mostri!

Poi c’era il gruppo di Samugheo si chiama “mamutzones”. Il "mamutzone" indossa una pelle di capra su un abito nero, sul dorso e sul petto porta i campanacci, il capo è ricoperto da un copricapo in sughero. Non abbiamo mai visto un carnevale così concitato, tutti fuggivamo. Io mi sono scontrata con un persona con la maschera ma non mi ha fatto paura! Dopo ho capito che lui voleva farmi ruotare su me stessa, ma non è riuscito perché sono alta e pesante! Stavo scattando le foto e stavo guardando ogni momento perché non volevo perdere nessuna scena!

Leggi anche le avventure di Yue sulla neve!

Yue

Dalla Cina a Cagliari per un anno

  • Prossima Storia

    Il Mondo … in gesti!

    Il linguaggio non verbale è universale? Che cosa succede quando comunicano persone di culture diverse?Lo abbiamo chiesto agli studenti di Intercultura."Quando salutai per la prima volta la mia famiglia ospitante giapponese – racconta...

    I ragazzi stranieri

    ospitati in Italia per un anno

  • Prossima Storia

    Insegnanti per un giorno

    Ieri Esteban dal Messico, Bora dagli Stati Uniti, Sinem dalla Turchia e Massimo, tarantino che ha partecipato ad un programma annuale in Svezia, hanno raccontato, grazie alla professoressa Enza Messina, le loro esperienze di studio e formazione...

    Marilisa

    Volontaria del centro locale di Taranto

  • Prossima Storia

    Un'arancia per amica

    Aranxa, un nome basco decisamente inusuale per una ragazza messicana, che da sei mesi vive a 20 minuti da Bologna. Con un italiano pressoché perfetto ci racconta la sua esperienza. Appena arrivata sentivo un misto di timore, curiosità...

    Aranxa

    dal Messico a Bologna per un anno

  • Prossima Storia

    Dal mare della Groenlandia al Mediterraneo

    Siisi è partita dalle fredde coste della Groenlandia con AFS Interkultur Danmark ed è arrivata a Molfetta, nelle calde coste dell’Adriatico. “Non ho viaggiato molto, sono stata due volte in Danimarca ed è lì...

    Siisi

    Dalla Groenlandia a Bari Nord per un anno

Welcome to Intercultura (AFS Italy) website! Where do you want to go?
- If you want to know more about Intercultura, click here
- If you want to know more about studying in Italy with Intercultura, click here
- Sprechen Sie Deutsch? Hier Klicken
- If you want to visit the full website (Italian only), click here