Il mio Natale a Bali

Viola

Da Alessandria in Indonesia per un anno

Scrivo queste parole da un pullman di ritorno da Bali, dove ho passato gli ultimi quattro giorni con una temperatura costante attorno ai 28°C. Natale si avvicina e mi sento fortunata perché, vivendo in una famiglia cattolica, potrò celebrarlo anche qui. Non che nel primo Paese a maggioranza musulmana del mondo, in ogni caso, siano previsti grandi festeggiamenti: si va a messa e magari si cena fuori, nulla di più.

Al cenone natalizio si sostituisce un piatto di riso e pollo fritto mangiati seduti per terra, alla cioccolata calda un the ghiacciato. Niente maglioni pesanti, ma magliette a maniche corte. I centri commerciali sono sì addobbati con abeti e decorazioni luccicanti in un sottofondo musicale natalizio, ma la vaga sensazione di Natale che infondono evapora non appena si rimette piede nel caldo soffocante al loro esterno, tra i baracchini di venditori di sate e nasi goreng (spiedini e riso fritto) ai lati della strada, la lussureggiante vegetazione tropicale e il richiamo alla preghiera delle numerose moschee.
Al cenone natalizio si sostituisce un piatto di riso e pollo fritto mangiati seduti per terra, alla cioccolata calda un the ghiacciato

L'esperienza di Viola

Io il 24 dicembre sono stata gentilmente invitata dalla famiglia anglo-indonesiana nostra vicina di casa a cenare con loro con un menù inglese, per poi andare a messa con la mia famiglia. Non so ancora cosa farò il 25: forse io e i miei fratelli ospitanti andremo al parco acquatico, o comunque faremo qualcosa di divertente insieme. Non mi aspetto certo che questo Natale sia come i precedenti sedici: sarebbe impossibile, visto anche che qua pare di vivere in un'estate infinita. Probabilmente non mi sembrerà neanche Natale, ma solo un generico giorno di festa, condivisione e sorrisi. Non mangerò agnolotti e pandoro e non riceverò regali, ma vivrò sicuramente qualcosa di genuino e unico, passando del tempo con persone a cui voglio bene. E chissà che il vero spirito del Natale, in fondo, non sia proprio questo.
Non mi aspetto certo che questo Natale sia come i precedenti sedici: sarebbe impossibile, visto anche che qua pare di vivere in un'estate infinita

Viola

Da Alessandria in Indonesia per un anno

  • Prossima Storia

    Una tradizione canadese

    Nella mia scuola qui in Canada c’è una tradizione: quando qualcuno si diploma, o, per un motivo o per un altro deve lasciare quelli che sono stati i suoi compagni e i suoi professori, appende il lucchetto del suo armadietto al cancello...

    Mariacristina

    Da Reggio Calabria in Canada per tre mesi

  • Prossima Storia

    Varanasi, la città con otto nomi

    Mi chiamo Alessandro e sto frequentando l’anno all’estero in India, precisamente a Varanasi/Benares/Kashi (la mia città può essere chiamata in 8 nomi diversi) e, ancora più precisamente, alla Sunbeam School Lahartara. La...

    Alessandro

    Da Trento in India per un anno

  • Prossima Storia

    Una giornata in boarding school

    Guarda il video di Gioele per vivere con i suoi occhi la tipica giornata di uno studente in una boarding school cinese

    Gioele

    Da Lodi in Cina per un anno

  • Prossima Storia

    50 giorni nella Emerald City

    50 giorni fa sono partita con poche parole, ma infiniti pensieri, verso quello che tanto sognavo. Io e la mia valigia, che erroneamente consideravo troppa piccola, eravamo così sicure di tutto; mi credevo consapevole, mi reputavo una...

    Beatrice

    Da Bergamo negli USA per un anno

Welcome to Intercultura (AFS Italy) website! Where do you want to go?
- If you want to know more about Intercultura, click here
- If you want to know more about studying in Italy with Intercultura, click here
- Sprechen Sie Deutsch? Hier Klicken
- If you want to visit the full website (Italian only), click here