Il mio ricordo del Paraguay

Maya

Da Piacenza in Paraguay per un anno

Mba’e ňaňandùva ndopìri jepèmo ňanemombyry
“La distanza non impedisce i sentimenti”
Uno dei miei ultimi giorni in Paraguay un mio amico mi ha detto che quello è il mio paese e loro sono la mia famiglia. È stata una delle migliori esperienze della mia vita se non la migliore. Vivere in una cultura così diversa dalla mia mi ha fatto capire quanto sia grande il mondo e di quanto sia importante viaggiare e conoscere persone nuove, luoghi nuovi e storie nuove. Quello che noi impariamo a scuola o attraverso internet o la televisione non è neanche un millesimo di quello che si apprende con un’esperienza del genere.
Vedi il mondo come non l’hai mai visto prima, conosci una parte della storia che a scuola non ti insegnano, guardi il cielo notturno e vedi nuove stelle, che dal tuo emisfero non si vedono.
È un’esperienza mozzafiato.

È come se vedessi per la prima volta. Impari a parlare e a leggere in una lingua che non è la tua, senti nuovi odori e conosci nuovi sapori.
In Paraguay ho imparato a parlare spagnolo e Guaranì, ho imparato a cucinare piatti tipici, a ballare passi della danza tradizionale e a tessere Ňandutì.
Ho visto il cielo con gli occhi degli antichi Guaranì, i nativi americani, ho conosciuto le loro tradizioni e ho letto le loro leggende nella lingua nativa.

Il Paraguay di Maya

Ma oltre ad essere ricco culturalmente il Paraguay è un paese con una flora e una fauna incantevoli, con tantissimi fiumi e cascate, boschi rigogliosi, e dei tramonti da cartolina.
E le persone rendono il tutto ancora più meraviglioso con la loro presenza: sono gentili, amichevoli e aperti, amano festeggiare in ogni occasione.

Amo il Paraguay, amo la sua gente e le sue tradizioni.
Ho amato ogni momento nel mio paese: il profumo dei fiori che riempiva le strade in primavera e i dolci frutti che crescevano sugli alberi, la scuola e le uscite con gli amici , ho amato e amo ancora la mia famiglia ospitante e mi sono goduta ogni istante.
Ho instaurato rapporti con persone indimenticabili che hanno reso la mia esperienza unica e irrepetibile.
Non ci sono abbastanza parole nel dizionario per aiutarmi a descrivere tutto ciò che ho provato durante questa esperienza e credo che l’unico modo per capirmi sia viverla personalmente perché è meglio vedere una cosa una sola volta con i propri occhi piuttosto che sentirne parlare mille volte attraverso la bocca di qualcun altro.

Maya

Da Piacenza in Paraguay per un anno

  • Prossima Storia

    Come si può ridurre tutto in un racconto?

    Vorrei rivedere i miei amici sparsi per il globo, i miei amici indiani al secondo posto e sempre dopo le mie famiglie ospitanti, che per me rimangono le numero uno! Ah e ora ve lo racconto il perché delle due famglie. A quanto pare io...

    Emily

    Da Bolzano in India per un anno

  • Prossima Storia

    Un tipico pasto cinese

    Claudio ci mostra in questo video un tipico pasto cinese in compagnia della sua famiglia ospitante.

    Claudio

    Da Milano in Cina per un anno

  • Prossima Storia

    Non fatemi scendere!

    La prima domanda che tutti gli abitanti di questo Paese mi pongono non è: "Come ti chiami?", ma: "Perché hai scelto la Repubblica Ceca?"Ed ogni volta la mia mente si riempie di pensieri, di ricordi, di interrogativi, che mi portano...

    Antonietta

    Da Bari in Repubblica Ceca per un anno

  • Prossima Storia

    Il mio Natale in India

    Ciao a tutti sono Andrea e sto trascorrendo il mio anno in India, da dove vi scrivo per raccontarvi il mio Natale, che è stato un'esperienza unica, poiché sono stato io a far conoscere la magia del Natale a queste persone che ne...

    Andrea

    da Torino in India per un anno

Welcome to Intercultura (AFS Italy) website! Where do you want to go?
- If you want to know more about Intercultura, click here
- If you want to know more about studying in Italy with Intercultura, click here
- Sprechen Sie Deutsch? Hier Klicken
- If you want to visit the full website (Italian only), click here