Il mio splendido anno in Ungheria

Beatrice

Da Alessandria in Ungheria per un anno

Ricordo, come se fosse ieri, quel giorno di ottobre quando due volontarie entrarono nella mia classe per parlarci di Intercultura. Catturarono la mia attenzione fin da subito e infatti non appena arrivai a casa ne parlai con i miei genitori. Solo dopo i primi incontri maturò la mia idea di fare questa esperienza. All'inizio pensai di partire solo per un mese durante l'estate ma poi mi convinsi e grazie anche ad una mia amica, Emma (che è stata un anno in Canada), decisi di candidarmi per l’esperienza annuale. I mesi passarono e questa idea si concretizzò sempre di più fino alla comunicazione della mia destinazione: Ungheria.

L'attesa fu tanta e finalmente arrivò il 22 agosto, la data della mia partenza.

Cominciò così, la mia nuova vita in un piccolo paese situato nel sud-est, a 30 km dal confine rumeno. Un paese prevalentemente agricolo, famoso per le angurie, infatti ad agosto si tiene il festival dedicato a questo frutto; dove si conoscono tutti e l'unica pizzeria che c'é, è la pizzeria della mia splendida famiglia ospitante.

I primi mesi sono stati, forse, quelli un po' più difficili, in particolar modo riguardo l'approccio con la lingua ungherese, una lingua difficile. Però accanto a me ho avuto una famiglia che mi ha sempre aiutata, mi ha incoraggiata e sostenuta.

  • Beatrice in Ungheria
  • Beatrice e le sue compagne di scuola
  • Beatrice e i suoi amici
  • Beatrice e i suoi amici ungheresi
  • Beatrice e la sua famiglia ungherese
  • Beatrice e la sua famiglia

Tra i momenti più importanti ed emozionanti ricordo il Natale e il mio diciottesimo compleanno. I mesi successivi sono, purtroppo, passati molto velocemente fino ad arrivare al giorno più difficile e più triste, l'11 luglio: il giorno della mia partenza e ritorno in Italia.

Si conclude così la mia avventura, in uno splendido Paese, ospitale e semplice.

Ho conosciuto moltissime persone che mi hanno dato tanto e che sono e saranno per sempre nel mio cuore, e che spero di essere riuscita a ricambiare.

Beatrice

Da Alessandria in Ungheria per un anno

  • Prossima Storia

    Un anno di sport e.. emozioni!

    Mi chiamo Agnese e trascorro un anno a Buford, un sobborgo di Atlanta, Stati Uniti d’America. Anche se molte persone non lo sanno, gli Stati Uniti propongono una grande varietà di sport nelle scuole e ogni stagione ha il proprio...

    Agnese

    Da Lecce negli USA per un anno

  • Prossima Storia

    Una cultura che si basa sulla condivisione

    Argentina è passare da una zona arida in cui non c'è niente per migliaia di chilometri alla vivacità di Buenos Aires, dalle cascate più spettacolari in un clima tropicale ad un clima glaciale dove ti si congela pure...

    Rebecca

    Da Rivoli in Argentina per un anno

  • Prossima Storia

    Il dovere di dare un contributo

    Luca Barilla, studente con Intercultura quarant'anni fa, oggi importante sponsor di borse di studio per figli di dipendenti del Gruppo Barilla. "Trascorrere un anno all’estero da adolescente mi ha cambiato la vita in un modo determinante...

    Luca Barilla

    Vice Presidente Barilla SpA, con Intercultura nel 1976/77

  • Prossima Storia

    Lettonia: tradizionalmente innovativa

    Sono queste le parole che userei per descrivere la Lettonia. Appena arrivi la prima cosa che ti colpisce è il peasaggio: grandi foreste verdi, laghi blu (che ti fanno venir voglia di farci un bagno), parchi e giardini curati sparsi ovunque...come...

    Alex

    Da Trento in Lettonia per un anno

Welcome to Intercultura (AFS Italy) website! Where do you want to go?
- If you want to know more about Intercultura, click here
- If you want to know more about studying in Italy with Intercultura, click here
- Sprechen Sie Deutsch? Hier Klicken
- If you want to visit the full website (Italian only), click here