Il Mondo … in gesti!

I ragazzi stranieri

ospitati in Italia per un anno

Il linguaggio non verbale è universale? Che cosa succede quando comunicano persone di culture diverse?
Lo abbiamo chiesto agli studenti di Intercultura.

"Quando salutai per la prima volta la mia famiglia ospitante giapponese – racconta Cesare - notai che, invece di guardarmi negli occhi, fissavano un punto dietro di me. Solo dopo qualche tempo ho capito!". In Occidente guardare l’interlocutore negli occhi è inteso come un senso di franchezza, ma in molte culture, ad esempio in Asia, il fissare una persona dritto negli occhi può essere una sfida (o addirittura un richiamo erotico). In Giappone ci si guarda di quando in quando, ma mai durante un commiato: gli occhi vanno focalizzati a terra o in un punto a lato della persona che si sta salutando.

Emi, studentessa giapponese, invece racconta che quando per la prima volta a Genova vide una coppia di giovani ragazzi baciarsi, comodamente seduti su una panchina, laconica afferma “questa cosa in Giappone non si fa”!

Fraintendimenti sull’interpretazione di alcuni gesti ed espressioni suscitano per lo più curiosità e ilarità ma dopo aver superato questa prima fase, scopriamo che l’incomprensione del significato di tali gesti può causare un “malinteso interculturale”, sentimenti di frustrazione o di rabbia, fino a determinare l’interruzione della comunicazione. Questo perché i gesti non sono universali ma sono rielaborati in maniera differente a seconda della cultura che li produce.

I volontari di Intercultura lo sanno bene, ed è per questo motivo che preparano gli studenti provenienti da oltre 60 Paesi del mondo, accolti in Italia grazie ad un programma di scambio. In una delle più recenti occasioni di confronto, è data dalle “settimane interculturali” organizzate in tutt’Italia dai volontari di Intercultura, in cui studenti accolti da settembre al Nord si recano per una settimana al Sud o dal Centro alle Isole (o viceversa), per scoprire diversi tradizioni, bellezze architettoniche ma anche diversi modi di comunicare.

Abbiamo chiesto agli studenti stranieri di mettersi alla prova con la gestualità italiana e di mimarci la prima espressione appresa in Italia. Ecco cosa hanno imparato!
  • <div>Sonia, studentessa indonesiana, al centro della foto, mima il suo primo gesto, insegnato fin da subito dalle compagne di classe</div>
<div></div>
  • <div>In Italia si parla con le mani: i gesti a volte sono più chiari delle parole (foto e didascalia di Shyra, dal Costarica alla Puglia per un anno)</div>
  • <div>10 studenti da Indonesia, Cina, Bolivia, Islanda, Croazia, India, Danimarca, Hong Kong ed Egitto  interpretano la gestualità italiana.</div>
  • La Settecentesca gestualità italiana alla Reggia di Caserta!
  • <div>Amore: questa cosa in Giappone non si fa! (foto e didascalia di Emi, dal Giappone a Genova per un anno)</div>
  • Sonia e Palita dall'Indonesia apprezzano moltissimo il cibo italiano: lo esprimono a gesti!
  • <div>Ecco le risposte di Jorge dalla Bolivia, Holly dalla Danimarca e Zalak dall’India</div>
  • <div>Newman da Hong Kong, Ke dalla Cina e Sonia dall’Indonesia</div>
  • <div>Arndis dall’Islanda, Tina dalla Croazia e Shahd dall’Egitto</div>
  • Juan dal Paraguay e di Elisabetta, volontaria di Udine comunicano ormai senza parole!
  • <div>“La nonna italiana è la migliore insegnante!” rispondono in coro gli studenti accolti ad Asti</div>
<div></div>
  • Arndis sta imparando grazie alle sue compagne di classe!
  • Non poteva mancare il più noto gesto italiano, conosciuto in tutto il mondo!

I ragazzi stranieri

ospitati in Italia per un anno

  • Prossima Storia

    Friday Game Night!

    Quindici giovani studenti da tutto il mondo riuniti in una videochiamata per una insolita game night targata Intercultura: è successo in Campania e Calabria, grazie ad una iniziativa dei volontari di Intercultura che hanno deciso di creare...

    Raffaele Claudio Aliberti

    Volontario del Centro locale di Salerno

  • Prossima Storia

    Vacanze di Natale in Cile e il desiderio di fermare il tempo

    Un viaggio in Cile? E perché mai? Una striscia di terra lontanissima, vulcani, terremoti: perché andarci, e per di più in vacanza? Questo è ciò che pensavamo prima che Diego entrasse nella nostra famiglia,...

    Egizia

    mamma ospitante di Diego dal Cile a Rivoli per un anno, nel 2015

  • Prossima Storia

    Dal mare della Groenlandia al Mediterraneo

    Siisi è partita dalle fredde coste della Groenlandia con AFS Interkultur Danmark ed è arrivata a Molfetta, nelle calde coste dell’Adriatico. “Non ho viaggiato molto, sono stata due volte in Danimarca ed è lì...

    Siisi

    Dalla Groenlandia a Bari Nord per un anno

  • Prossima Storia

    Serve solo una casa e tanto amore

    Con grande insistenza, un anno fa, nostro figlio Niccolò, appena rientrato da un programma di studio in Paraguay, ci chiese di ospitare: “Mamma non preoccuparti”, ci disse, “serve solo una casa, cibo, e tanto amore"...

    Cristiana e Rodaina

    Mamma ospitante e figlia egiziana

Welcome to Intercultura (AFS Italy) website! Where do you want to go?
- If you want to know more about Intercultura, click here
- If you want to know more about studying in Italy with Intercultura, click here
- Sprechen Sie Deutsch? Hier Klicken
- If you want to visit the full website (Italian only), click here