Il perché del viaggiare

Cecilia

Da Brindisi in Giappone per un'estate

Un’esperienza come questa non può non cambiarti la vita. Può sembrare una frase fatta, ma è semplicemente la verità.
Quando sei lì, a Roma, con tutti i ragazzi che come te devono affrontare quest’esperienza, avverti nell’aria l’eccitazione, la frenesia e la preoccupazione generate dall’idea di dover vivere un periodo all’estero, lontani dalla propria casa, dai genitori, dagli amici, dal cibo; lontani dalla propria vita.

Ma una volta approdato nel Paese ospitante ti rendi conto che la lontananza in realtà non ti sta impoverendo, anzi, sei sempre più consapevole dell’utilità di quest’esperienza. È come se maturassi improvvisamente, come se diventassi adulto in un lasso di tempo molto più breve.
Cominci innanzitutto con l’adattarti. E le cose cui ti devi adattare non sono poche, soprattutto se vai in un Paese distante culturalmente come il Giappone. Devi adattarti, per esempio, a presentarti senza stretta di mano, a evitare quanto più possibile il contatto fisico, a mangiare con le bacchette, a differenti orari che scandiscono la giornata, a toglierti le scarpe prima di entrare in casa o a scuola. A cambiare il tuo stile di vita, insomma.

Alcuni scatti dalla vita di Cecilia in Giappone

Quest’adattamento però non rimane statico: diventa confronto. Inizi infatti a confrontare i modi e le usanze, gli usi, i costumi. Ma non solo; questo confronto che fai tra Italia e “Paese ospitante” non si ferma agli oggetti o allo stile di vita. Si allarga sempre più, e in un batter d’occhio ti ritrovi a confrontare due culture differenti, con modi di pensare e valori annessi.
Questo confronto di culture è una grandissima occasione. Nel mio periodo in Giappone ho potuto notare come alcuni valori, come quelli del rispetto 尊敬, dell’armonia 和, della modestia 謙遜, della semplicità 侘 rivestano un ruolo molto più importante rispetto a quanto non lo sia in Italia.

Ma uno degli strumenti più importanti che questo confronto ti dà è la capacità di metterti in dubbio; questo fa sì che la tua mente pian piano si liberi dai pregiudizi e preconcetti, che lasciano così spazio a opinioni nuove, più tolleranti.

Tornando in patria, è naturale che tutto sembri piccolo, che ogni cosa sembri immutata. Questo perché ormai si è fatto il passo del non ritorno, si è pronti per viaggiare e per sperimentare cose nuove, saziare quella curiosità e quella voglia di confronto.

È come se il mondo lo sentissi un po’ più tuo e l’idea di globalità non ti sia mai stata così vicina.

Cecilia

Da Brindisi in Giappone per un'estate

  • Prossima Storia

    L'influenza della cultura italiana in Argentina

    Salve a tutti, mi chiamo Camilla Remia e quest'oggi le racconterò la mia esperienza di scambio culturale. Prima di tutto vorrei spiegare il motivo per cui ho scelto l'Argentina come una possibile destinazione. Sono sempre stata curiosa...

    Camilla

    Da Fermo in Argentina per un anno

  • Prossima Storia

    American school system!

    Prima di arrivare qui in America, nel Kansas, pensavo alla scuola americana come allo stereotipo che tutti si fanno guardando i film americani: niente compiti, basta essere bravo in uno sport per avere buoni voti nelle materie, i ragazzi girano...

    Sofia

    Da Rimini negli USA per un anno

  • Prossima Storia

    Malesia: una terra, tre (e più) religioni

    Il Ganesha Chaturti è una festa induista che si celebra ad agosto o settembre, in base al calendario lunare indù. La festività è dedicata al dio Ganesha, uno dei più venerati e durate la giornata si svolgono...

    Daniele

    Da Savona in Malesia per un anno

  • Prossima Storia

    Non un solo giorno sprecato

    Quando mi chiedono perché io abbia scelto la Turchia, dico che è stata lei a scegliere me. Fondamentalmente, non credevo in nessuno dei dieci paesi che ho scritto. Il mio obiettivo era il mondo e avrei accettato ogni luogo come...

    Gaia

    Da Napoli in Turchia per un anno